martedì 12 gennaio 2016

Parole per il 2016 ....

SimoCoppero

Neurone mio, come lo ha battezzato la mia socia di blog Marzia, si è destato dal torpore vacanziero e si è un po’ innervosito! Accidenti! Non va affatto bene a inizio anno.
Veramente è stato molto attivo durante tutte le vacanze natalizie, ma come spesso accade alla mia persona, anche lui ha agito nell’ombra.
Ha creato, imbastito, distrutto, ricominciato, letto, curiosato …. CURIOSATO …si, lui che non è mai sazio, si è perso tra articoli di approfondimento, si è scontrato con questi due titoli: "La non-società", "La naja ha marcato visita" ma la lingua non s’imbosca.
Prima che si arrabbi nuovamente, consiglio a tutti l’allegato “La lettura” in uscita la domenica con il Corriere della Sera, un interessante passatempo culturale come antipasto per i vostri libri.

1)Spariscono i luoghi di incontro per esempio le sale d’attesa delle stazioni

2)prevale quella che Kant chiamò insocievolezza

3)il mondo non è povero di beni materiali, ma di risolse simboliche e ideologiche

Quelli riportati sono i titoli in neretto de La non-società e vi comunico che io rivoglio le sale d’attesa delle stazioni e luoghi di incontro dove poter socializzare e condividere conoscenza e cultura.
Mi sposto poi su la "Naja ha marcato visita" e scopro che parole e modi di dire, venivano coniate dai militari nelle caserme per creare linguaggi comuni (ogni singola persona per anni ha parlato e ha capito solo il proprio dialetto), per comunicare, per condividere, per aiutarsi, ma purtroppo non solo si stanno perdendo terminologie, ma abbiamo anche abolito la naja.
Poi fortunatamente dopo tanta irritazione, Neurone mio, si è imbattuto ne Il racconto de “il biglietto a sorpresa prossima fermata New York (Parigi)” e solo alla fine mi rendo conto di non essere tra le pagine di un meraviglioso libro. Triste mi dirigo alla pagine del Blog: Marzia e Loredana sanno sempre dare una scossa!

Sii, Neurone mio si desta: la mia parola per il 2016 sarà SPERANZA.

Speranza, una parola piena di luce, di positività. Mi auguro che tutti la colgano e la rendano magica.
Buon 2016 a tutti.


11 commenti:

  1. E aggiungiamola alla nostra tavolozza per dipingere questo 2016 appena nato!
    Mi sembra bellissima e densa.

    RispondiElimina
  2. Ottima parola, è la stessa che ho scelto per iniziare e per finire il mio romanzo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che ha sicuramente un titolo. Attendiamo di sapere quale!

      Elimina
    2. Si chiama "Pelicula" (sottotitolo: rinunceresti alla tua felicità sapendo di non meritarla?), sul mio blog trovi una pagina dove ne parlo :-)

      Elimina
    3. ...scoperto, letto, scaricato nel Kindle, e commentato il tuo articolo. :-D
      Quando questa curiosità morde, devo ascoltarla.
      Ah, rispondo in modo sfrontato alla domanda del sottotitolo: no, perché me la merito comunque.
      Ma è una risposta a caldo, del tutto avulsa dal contesto. Una delle mie tipiche d'impulso.

      Vediamo come la penserò, dopo la lettura del tuo libro...

      Elimina
    4. Ho visto, non riesco a star dietro ai commenti :D
      Grazie per la fiducia; la tua è una buona risposta, ma vediamo se la lettura del libro ti farà sorgere qualche dubbio ;-)

      Elimina
    5. Sì, a questo punto sono curiosa anch'io...

      Elimina
  3. Allora, scrivo il pezzo, mi incuriosite ... corro a scaricare pure io! Siete tremendi! ;)

    RispondiElimina
  4. Neurino-mio gradisce: lo vedi sballonzolare felice, cantando un’aria rinascimentale?
    E approva: Speranza è una gran bella parola.

    (e pure la curiosità è contagiosa: vado...)

    RispondiElimina
  5. E' la curiosità che fa girare il mondo, altro che l'Amore...:-D :-D :-D :-D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...