martedì 20 giugno 2017

Leggere ... volare ... vivere!#38 - La bellezza non ti salverà


SimoCoppero

“Non è colpa mia se il mondo è pieno di imbecilli convinti che la loro bellezza gli dia il diritto all’amore assoluto, alla venerazione, al successo e alla gloria.” Non è l’inizio di questo fantastico noir, ma uno stralcio, preso a caso: uno dei tanti che leggendo mi hanno fatto riflettere su una società come la nostra, malata.
Sto parlando di “La bellezza non ti salverà “, un noir, un thriller, una commedia, vi lascio lo spazio dopo averlo letto di collocarlo dove vorrete, perché secondo me è un giusto mix di tutto.
Francesca Battistella riesce nel suo narrare a mettere a fuoco, come se stesse applicandosi a scattare la miglior istantanea possibile, la nostra piccola, sporca, meravigliosa collettività con una facilità disarmante. Tocca qualsiasi aspetto: la famiglia, l’amore, la convivenza, la malattia, la bellezza, l’amicizia, la corruzione, la semplicità, l’imprevisto,la tecnologia, facendoti riflettere nonostante si stia cercando un movente e un assassino.
Gioca intorno all’S.I. – Soggetto Ignoto – con la bravura dei migliori episodi di Criminal Minds, ti stuzzica, ti racconta scenari nella testa della profiler ma senza mai svelare, fino ad un punto di non ritorno. Ma in quel punto avrete già messo a soqquadro tutti i vostri punti fermi.
Ci porta a viaggiare nella rete, nella realtà meschina dei social, quella delle apparenze dove la bellezza conta più del resto, dove è così facile cadere in tranelli senza via di uscita, dove esiste un mondo buio, un mondo che difficilmente riesci a immaginare.
Non vi parlerò della trama, dovete leggerlo per innamorarvene, vi dirò però che ci sono personaggi fantastici, cuciti con maestria, mai banali, anzi molto molto interessanti. Sono sicura che la vostra immaginazione letteraria vi porterà a identificarli con visi sicuramente noti, cominciando proprio da Costanza.
Alfredo l’amico sensitivo, che gioca a fare il detective, Enrico il fidanzato di poche parole, Giacomo il collega affascinante e intelligente, e tanti altri che bene si sposano con tutto il racconto andando ad aggiungere elementi preziosi.
Le ambientazioni sono dipinti su una tela estesa e con color tenui, ma sempre ben definiti, il Lago d’Orta con le sue dimore di fantasia ci racconta un paesaggio da fiaba.

Questo libro in realtà è l’ultimo dell’autrice che con la profiler Costanza ne ha scritti altri due: si possono leggere non in sequenza, proprio come ho fatto io, ma ora vado a colmare le lacune.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...