martedì 4 luglio 2017

Leggere ... volare ... vivere!#41 - E la vita urlò


SimoCoppero

E’ da qualche tempo che ho finito di leggere “E la vita urlò” di Nella Scoppapietra, ma questo libro, finita l’ultima pagina, ha richiesto di essere lasciato a sedimentare più del solito: perché è una lettura intensa. Loredana del libro di Nella vi ha già parlato sul blog, quando il libro è stato presentato al Salone del Libro (eccoci che compare nuovamente la parola Salone) e prometto che non vi tedierò, ma ho sentito dentro l’anima il bisogno di scrivere anche io su questo racconto (sul blog succede di rado che entrambe scriviamo sullo stesso libro).
Ormai conosco la scrittrice da un po’ di tempo, e spesso la prendo in giro bonariamente per la sua capacità di diventare invisibile vista la sua timidezza, ma quando poi la leggo tutto esplode! A una domanda fatta al Salottino dei libri in cui si è chiesto “cosa è per voi scrivere?” candidamente Nella ha risposto “libertà”: ecco leggendola ho capito tutto quello che la sua risposta significava e significa tutt'ora.

Ho percorso questa storia con un trasporto e un’emozione diversa da tante altre volte: c’è una vita intera in centosessantacinque pagine, c’è dolore, gioia, voglia di sparire, ma c’è anche voglia di rinascere, di ricominciare, di smetterla di guardarsi dentro e trovarsi fuori posto.

“ … le loro anime continueranno a brillare ricordandoci che ognuno di noi ha la possibilità, ogni giorno, di scegliere se guardare la vita scorrere o se afferrarla e combattere, se rimanere nell’ombra o diventare fonte di luce, se fermarsi all’apparenza o se guardare oltre …”

Romanzo di riflessione, romanzo che non lascia spazio alle interpretazioni, romanzo che sceglie una strada e te la fa percorrere fino al fondo.

“Sono uscito dal buio in cui ero piombato grazie ad alcune persone che, con l’incredibile candore del loro cuore e della loro anima, sanno rischiarare gli angoli oscuri delle nostre meschine esistenze.”

Passeggiando tra le pagine e perdendomi nel flusso dei pensieri e delle riflessioni ho incontrato senza volerlo tanti autori che mi stanno tenendo compagnia ultimamente:  Francesca Battistella che nel suo libro ci accompagna nel mondo dei social, Antonio Mesisca che cita nel suo romanzo Dostoevskij, Giorgio Astolfi  che ci fa camminare tra le coincidenze e le opere d’arte,  Marco Sartori che ci parla degli spazi aperti come le montagne e il ritrovare se stessi come in questo troviamo l’Africa e le distese di sabbia; Nella scrivendolo non poteva saperlo, ma è riuscita a raccogliere tanto dei suoi colleghi ed è riuscita a innescare nel lettore paragoni e affiancamenti pur trattandosi di libri di generi diversi.


Leggetelo anche se non amate il genere, leggetelo perché riuscirà a essere una dolce scoperta, leggetelo perché la vostra cultura sarà più ricca e sicuramente sentirete la vita urlare.

2 commenti:

  1. Ciao ragazze sembra sicuramente un libro interessante - Grazie per averne parlato
    Un saluto - Buona giornata, ottima settimana appena iniziata e migliore estate !
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, carissima, anche a te!
      E' un libro ricco, intenso. Alla fine ti lascia senza fiato, ma con tantissima dolcezza. Lo consiglio davvero.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...