mercoledì 12 dicembre 2018

ThrillerNord#1 - Nessuna morte è perfetta, Katarzyna Bonda

LoreGasp

Recensione scritta per Thrillernord, Associazione culturale.

Grazie alla collaborazione con Thrillernord, sono entrata in un mondo totalmente inaspettato.

Sinossi

La profiler Sasza Zaluska, trentasei anni e capelli rosso fuoco, ha cambiato vita. È ormai tornata in Polonia, con la sua bambina, ed è un bel po' che non tocca un goccio. 
E, soprattutto, è decisa a fare pace con quel pezzo del suo passato che ancora la tormenta: l'uomo che è il padre di sua figlia, conosciuto quando, alle prime armi come agente infiltrata nella malavita di Danzica, aveva commesso l'errore di innamorarsi proprio della persona su cui avrebbe dovuto vigilare. 
È per questo che Sasza si sposta sulle sue tracce tra i boschi dell'est della Polonia, ad Hajnówka, nella parte più orientale e remota del Paese. Una città di camini e fantasmi, con un passato che ancora incatena i suoi abitanti: lì, nel 1946, una terribile rappresaglia uccise più di cento polacchi di origine bielorussa, un massacro su cui non è mai stata fatta chiarezza. Uno dei tanti misteri rimasti irrisolti ad Hajnówka. Come quello di Iwona, sposa bielorussa scomparsa il giorno del suo matrimonio con un ricco polacco del luogo. 
Sarà proprio Sasza, scontrandosi con la polizia locale, a indagare sulla sparizione della donna, senza sapere che il caso la porterà molto più lontano, in un affondo emozionante e doloroso negli anni più cupi della storia polacca.

La mia recensione
Quando ho chiuso questo libro, mi è sembrato di aver assistito ad un passaggio storico importante seduta in prima fila. E questo mio malgrado, poiché mi aspettavo “solo” una storia thriller, e mi preparavo a spiare i personaggi per capire chi di loro e per quale motivo avrebbe rovinato il giorno importante di una bella sposa giovane come Iwona Bejnar.


giovedì 6 dicembre 2018

Paura sotto la pelle2 – Una rassegna per guardarla in faccia

LoreGasp


Esattamente una settimana fa, il 29 novembre a Bologna, si è tenuta la seconda rassegna dedicata al grande tema della paura. Organizzata da un trio di tutto rispetto, Giusy Giulianini, Fabio Mundadori e Giovanni Modica, ha tenuto banco per due giorni all’Università Alma Mater, al Dipartimento di Italianistica.
Ha convocato scrittori, sceneggiatori e registi per ascoltare la loro versione su cos’è la paura e su cosa li spinge a scrivere e raccontare la paura e di paura. Se volete scoprire qualcosa di più sul concept della rassegna e sulla sua genesi, vi consiglio di leggere da cima a fondo i post del sito dedicato: https://paurasottolapelle.wordpress.com/home/

Oltre ai programmi degli interventi, numerosissimi, di coloro che hanno partecipato, potete trovare una sezione molto ricca di foto e di interviste video. Dario Villasanta, che si è occupato della parte di comunicazione dell’evento, non si è risparmiato nel diffondere e far conoscere la rassegna, e nel tenere informati gli appassionati sullo svolgimento della stessa, e sul suo “post”. E a prepararli adeguatamente prima di partecipare… è sufficiente dare un’occhiata al grande contenitore dell’evento FB di Paura sotto la pelle
Basterebbe quello per prepararsi per un piccolo esame sull’argomento! :-D

Io mi sono interessata in corsa dell’evento, grazie al suo invito. E l’ho raccolto fino ad andare a Bologna il 29 novembre… spinta anche dalla curiosità di veder realizzato un mio sogno di ragazza. Entrare all’Università di Bologna, pur non avendo potuto studiare lì. Mi sembrava impossibile, e invece ho trascorso lì un’intera giornata.

giovedì 29 novembre 2018

Le Interviste Del Furore #9 - Enrico Pandiani a Paura sotto la Pelle2

LoreGasp

Novembre è un mese pauroso. Sarà perché arriva subito dopo Halloween… oppure perché spaventarsi un po’ sotto Natale è anche divertente.
La rassegna Paura sotto la pelle2, di Bologna, ospita una schiera formidabile di scrittori, sceneggiatori e registi per raccontare di una delle emozioni più forti e coinvolgenti dell’animo umano.
Tra questi nomi eccellenti (non ve li riporto qui, ma vi riporto il sito dove potete vederli TUTTI: https://paurasottolapelle.wordpress.com/home/), spicca quello di… Enrico Pandiani!

Un’altra personalità eclettica, scrittore e sceneggiatore di fumetti, che ha scelto di raccontare la sua versione dei fatti sulla paura. Qui potete trovare anche altre notizie più particolareggiate su di lui.

Ciao Enrico, benvenuto nel Blog Del Furore Di Aver Libri!

Leggo nella tua biografia, che hai esordito curando la parte dell’infografica del principale quotidiano di Torino, La Stampa. I passi successivi sono stati la sceneggiatura di fumetti presso alcune riviste specializzate e poi il salto nella narrativa con Les italiens, nel 2009, in cui ci presenti il commissario Mordenti per la prima volta. Cosa ti ha spinto a saltare nell’altro campo?

Ho cominciato a raccontare storie quando avevo quattordici anni, sotto forma di fumetti che scrivevo e disegnavo e che vendevo ai miei compagni di scuola. In seguito è diventato il mio primo lavoro e ho pubblicato diverse storie su Il Mago di Mondadori e su Orient Express di Luigi Bernardi.
Poi ho piantato lì e ho cominciato la mia lunga carriera di grafico editoriale che mi ha portato a collaborare per tanti anni con il quotidiano La Stampa. L’infografica è sempre stato un mio pallino. Ma nel frattempo scrivevo come un pazzo. Lo facevo per puro divertimento, una sorta di evasione, e l’idea di una possibile pubblicazione non mi sfiorava nemmeno l’anticamera del cervello. Quando le soddisfazioni per il mio lavoro sono venute a mancare, allora si è fatta spazio la scrittura e sono arrivati Les italiens. Finire il primo romanzo è stata una sorpresa anche per me.


martedì 27 novembre 2018

Le Interviste Del Furore #8 - Giusy Giulianini a Paura sotto la Pelle2


LoreGasp

Siamo sempre più decisi a conoscere tutto della paura. Soprattutto della #paura2, come quella di Paura sotto la pelle2, la rassegna di Bologna in partenza giovedì 29 e venerdì 30 novembre alle ore 15,00 e 14,30 rispettivamente.

Oggi è con noi Giusy Giulianini, l’ideatrice della rassegna e organizzatrice con Giovanni Modica e Fabio Mundadori.

Scrittrice, lettrice forte (direi anche parecchio forte), critico letterario e organizzatrice di eventi culturali: una personalità eclettica così non poteva stare ferma e non dare alla vita a qualcosa di unico e originale come la struttura della rassegna. E l’amore per i libri e le storie si innesta in una formazione e una preparazione professionali di stampo scientifico: una laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, e una seguente specializzazione in Tecnologie Biomediche della Facoltà di Medicina e Chirurgia.
Un gran bel connubio tra scienza e letteratura!

Buongiorno Giusy, benvenuta nel Blog Del Furore Di Aver Libri! 

Quando mi avvicino ad uno scrittore o scrittrice, non posso fare a meno di iniziare con la domanda più banale in assoluto, ma che non manca mai di attirarmi, soprattutto quando mi trovo davanti a personalità così eclettiche. Non mi stancherei mai di ascoltare la risposta. Come nasce la Giusy Giulianini scrittrice, da questo passato di scienziata? 
Eh, il motivo c’è…Prima di diventare “scienziata” sono stata “umanista”, al glorioso Liceo classico Luigi Galvani di Bologna: la passione per la letteratura, là, era quasi un requisito d’iscrizione. Scrivevo anche prima, diari fittissimi e nuovi finali di romanzi che mi avevano lasciato insoddisfatta. Al liceo però la scrittura ha preso una piega più organizzata e ho fatto parte anche della redazione del giornale studentesco. Per molti anni poi, l’università e un lavoro molto “tecnologico”, mi hanno ingabbiata nella mera redazione di pubblicazioni scientifiche. La passione è scoppiata di nuovo qualche anno fa: i social avvicinano molto agli scrittori, nei confronti dei quali mi sono sempre sentita un’autentica groupie. Molti di loro sono diventati amici veri, una grande fortuna! Potrei quasi dire che ho realizzato il sogno de Il giovane Holden di Salinger: “Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che, quando li hai finiti di leggere e tutto quello che segue, vorresti che l'autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira. Non succede spesso, però.” A me, invece, è successo.
   

venerdì 23 novembre 2018

Francesca Battistella – La Trilogia

LoreGasp


Ho aperto la settimana con lo spettacolare Re di bastoni, in piedi, e la completo con la sua trilogia, La stretta del lupo, Il messaggero dell’alba e La bellezza non ti salverà.

Cambiano i personaggi, il coro narrativo che è al centro del libro, cambiano anche i luoghi, ma l’energia rimane la stessa: quella di una narrazione spigliata, padrona di quello che sta dicendo, capace di trasmettere l’angoscia e l’odio altrettanto bene della gioia e del divertimento. I noir di Francesca Battistella sono pieni di colori, come ho detto nel precedente post. Sono uno specchio fedele delle fibre che compongono la vita, in tutte le loro sfumature.

La stretta del lupo (2012, Scrittura e Scritture) ci porta dritti sul Lago d’Orta, a Vacciago. Sono i 150 anni dell’Unità di Italia, è necessario prepararsi adeguatamente per festeggiare una ricorrenza così importante. Maria Teresa Filangieri, vedova benestante di un ricco industriale del nord Italia, si sta occupando di far ristrutturare la villa in cui vuole vivere, mentre la sua bella e brillante amica Niki Bianciardi è immersa nel suo lavoro di gallerista sofisticata e competente. Alfredo Filangieri, fratello di Teresa, si dedica alla sua routine nella bella casa di famiglia a Massa Lubrense, nei dintorni di Sorrento. Fotografie veloci di vite umane alla luce del sole, immerse nelle loro occupazioni. E’ l’ombra, però, che arriva a sconvolgere tutto… in quegli stessi giorni, un assassino spezza la vita di una ragazza giovane, massacrandone il corpo con ferocia. L’evento è così sconvolgente, da attirare l’attenzione di una figura altrettanto unica nel suo genere: Costanza Ravizza, la prima donna profiler italiana, di stanza a Novara.


giovedì 22 novembre 2018

Le Interviste Del Furore #7 - Stefano Di Marino a Paura sotto la Pelle2

LoreGasp

Rimaniamo nella paura, e soprattutto in quella sotto pelle… brrr!
Vi ricordate dell’appuntamento che avete giovedì 29 e venerdì 30 novembre alle ore 14,00 presso il Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica dell’Alma Mater Studiorum di Bologna?

Sì, quello con la Paura Sotto la Pelle 2… ?
Non vi ricordate?

Aspettate, vi faccio parlare con qualcuno che sarà presente e che sarà meglio che conosciate (se non lo conoscete già) e incontriate.

Oggi è con noi Stefano Di Marino!

Scrittore, traduttore, sceneggiatore di fumetti: una personalità eclettica, che interverrà alla rassegna bolognese sulla paura. Quale migliore occasione per parlargli?

Ciao Stefano, benvenuto nel Blog Del Furore Di Aver Libri!

Grazie Loredana e un saluto a tutti voi che ci leggete.

Ti tocca la domanda più banale di tutte, quella che avrai ripetuto milioni di volte, a voce e per iscritto, ma che continua sempre a incuriosire. Personalmente, adoro scoprire quale meccanismo scatta in certi momenti. Come nasce Di Marino scrittore? 

Io preferisco il termine ‘narratore’ perché mi pare meno pomposo. Io racconto storie d’intrattenimento, con tutto il cuore e la passione che ho. La mia è la storia di un ragazzino che è riuscito a trasformare un hobby in un lavoro, magari senza capire bene la complessità e le difficoltà del mondo editoriale. Quando ho capito veramente com’era questo mondo ormai c’ero dentro. Non sapevo fare altro, così ci sono rimasto pur con tutte le difficoltà che non riguardano il ‘mestiere’ di raccontare, ma i meccanismi e le persone che lo regolano.  Un po’ come il mio personaggio più famoso, Il Professionista, che da ragazzo sognava l’avventura e poi quando si è trovato a viverla e ha capito che non era un universo idealizzato come aveva immaginato ci è rimasto intrappolato dentro. Ma è andata meglio a me che a Lui. Quantomeno quando mi alzo la mattina so che non devo fare a pistolettate tutto il giorno…


lunedì 19 novembre 2018

Francesca Battistella – Quando il noir ha sfumature di giallo, rosa, rosso, arancione…

LoreGasp



… e tutto l’arcobaleno. Del resto, il Re di bastoni, in piedi come sempre, ha nel suo mantello variegato colori che Il messaggero dell’alba, pur usando La stretta del lupo, non potrebbe mai sognare di raggiungere. Perché lui lo sa bene che La bellezza non ti salverà.
Dico subito che non si tratta di sostanze stupefacenti, né di alcool, cibo andato a male o stress prolungato: adoro giocare con i titoli e le copertine dei libri. E se sono belli e ricchi come quelli di Francesca Battistella (ignominiosamente baloccati nella frase mattoide di cui sopra), mi viene ancora di più. Soprattutto perché è stato un autentico piacere leggerli, e una fonte di rallegramento e gioia continui, pur essendo noir e gialli, posti in cui compaiono assassini seriali, indagini forensi, profiler e anche tanta paura.

Ma quando il talento scende in campo, si siede alla scrivania e scrive questi libri, possiamo aspettarci anche questo. Se si ha la fortuna di conoscere dal vivo la portatrice del talento di cui sopra, ci si rende conto che si tratta della pura verità. Come sempre organizzato da Bolla e Fantasia, in collaborazione con il Comune di Rosta e la sua bellissima Biblioteca, e con il Furore Di Aver Libri, l’incontro di sabato 17 novembre ha visto protagonista lei, Francesca Battistella e i suoi quattro cavalieri del Buon Leggere, i suoi bellissimi noir, tutti pubblicati dalla casa editrice Scrittura e Scritture.

L’abbiamo ascoltata mentre, con una verve che non ha mai subito flessioni, ci ha raccontato di sé come autrice e creatrice dei quattro consigliatissimi titoli menzionati sopra.

giovedì 25 ottobre 2018

Giuse Alemanno – Come belve feroci

LoreGasp

… forse anche peggio. Era da qualche tempo che non leggevo un libro così, di quelli che mi spingono a spiegare a fondo i motivi per cui mi è piaciuto, pur detestando ogni riga, ogni personaggio.
Come belve feroci è l’ultimo romanzo di Giuse Alemanno, ed esce oggi per Las Vegas Edizioni, nella collana I Jackpot.

Siamo a Oppido Messapico, in provincia di Taranto, una domenica mattina, nella masseria di proprietà della famiglia Sarmenta. Nell’ora solitamente dedicata al pranzo famigliare, viene consumato un massacro abietto, le cui vittime sono Paolo e la moglie Enza Sarmenta. L’orrendo assassino è Costantino Rochira, piccolo boss locale, spalleggiato da due suoi tirapiedi. È lì come inviato da qualcuno più potente e più pericoloso, per regolare i conti, e anche per mettere in atto una sua meschina vendetta personale.

Il risultato, però, non è quello auspicato. Al massacro sfuggono il pericolosissimo figlio adolescente dei Sarmenta, Massimo (con un soprannome estremamente eloquente, “Mattanza”), e il fratello di Paolo, Vittorio, e la sua famiglia: la moglie Mimma e il figlio Santo. Costantino Rochira è un sadico meschino, ma non troppo brillante di testa. Ed è uno che non si sa controllare.

martedì 23 ottobre 2018

Matt Haig – Come fermare il tempo

LoreGasp


Ho sempre avuto un debole per i romanzi che avevano a che fare con il tempo, soprattutto quando si tratta di andare indietro. O per una regressione tramite ipnosi, oppure per un superpotere o per semplice immortalità, come Highlander. (Ricordate il film, con Christopher Lambert?)

Quando ho letto il titolo e la sinossi, pensavo che si trattasse dell’avventura di un ennesimo immortale, magari ispirata proprio al film appena nominato.
Si è rivelato, invece, qualcosa di più originale. E anche la lettura ha rivelato aspetti originali di un tema già affrontato in tante salse, lingue e maniere.

È la storia in prima persona di Tom Hazard, nato Estienne Thomas Ambroise Christophe Hazard, il 3 marzo 1581, in Francia, in un piccolo castello di proprietà dei suoi genitori. A causa di scontri religiosi (è il periodo controverso della repressione degli ugonotti), la famiglia ripara in Inghilterra, nel villaggio di Edwardstone nel Suffolk. Fin qui nulla di particolare. A parte il fatto che, ai giorni nostri, Tom è ancora vivo per raccontarci la sua storia.

lunedì 22 ottobre 2018

Luisella Ceretta – L’incontro con l’autrice e i suoi noir italiani

LoreGasp

Sabato scorso, il 20 ottobre, alla Biblioteca Comunale di Rosta si è tenuto il consueto Incontro con l’autore, organizzato da Bolla e Fantasia, il Blog Del Furore Di Aver Libri e il Comune di Rosta, che ci ospita sempre con grande generosità.

Una tinta di noir per il primo incontro autunnale di libri, con Luisella Ceretta, autrice che già conosciamo da diverso tempo, grazie al suo 1982 Viaggio nel tempo, edito da Spunto Edizioni, e dalla sua partecipazione sempre molto attiva a diverse iniziative che ruotano intorno ai libri. Potrete vedere tutte le foto dell’incontro nelle pagine di Bolla e Fantasia e Del Furore Di Aver Libri.

Luisella è un’autrice in grado di passare con agio dalla narrazione fantastica (e anche storica, perché esistono titoli precedenti al 1982 molto interessanti) a quella fosca del noir, risvegliando emozioni e interessi diversi, con il suo stile sempre preciso e scorrevole.

giovedì 11 ottobre 2018

Chiara Pilat – Io sono Egea – Alieni e trasformazioni

LoreGasp


Qualche giorno fa ho pubblicato sulla pagina Facebook del Blog una variante della Cintura di Orione in Libri: quella che raccoglie tutti i libri che ho letto recentemente e che attendono un passaggio scritto sul Blog. Uno di questi è Io sono Egea, di Chiara Pilat, pubblicato da Edizioni Convalle. Ho potuto incontrare e conoscere Stefania Convalle, titolare e scrittrice, all’ultimo Salone del Libro #salto18 (e rieccolo). Stefania è una donna versatile e molto in gamba: potrete rendervene conto nel momento in cui guardate il suo catalogo, la seguite nel suo gruppo Facebook (Le Lettrici e i Lettori di Stefania Convalle), e leggete il suo blog.

Se vogliamo catalogare Io sono Egea, di Chiara Pilat, potremmo dire velocemente che si tratta di fantasy. Nel momento, però, in cui entriamo dalla porta del libro, cogliamo che è molto di più.
Siamo sulla Terra, nello stato americano del Maine. Egea è una ragazza giovane, di diciotto anni. La sua età fisica è molto bassa, ma non quella interiore: una malattia cardiaca, che le limita di parecchio la vita sociale che normalmente si avrebbe, la costringe a poche passeggiate nella natura, pochi incontri con gli amici, e libri da leggere. Dopo infinite terapie, mille rapporti con i medici, Egea non nutre tante illusioni sulla propria guarigione e sul fatto di vedere ancora molti altri giorni davanti a sé.
Fino ad una notte.

Egea non riesce a dormire, si affaccia alla finestra della sua stanza e vede sfrecciare un bagliore intenso nel cielo: un corpo celeste avvolto dalle fiamme che si schianta tuonando nel bosco vicino! Una tentazione irresistibile: il suo cuore malato passa in secondo piano, e la ragazza si precipita, letteralmente, a cercare il luogo della caduta.

Un asteroide? Un pezzo di stella, di Luna letteralmente piombato dal cielo quasi sulla sua testa? Aiutandosi con la torcia dello smartphone, Egea arriva ad una scoperta incredibile: un oggetto ovoidale, rosso, grande quanto la sua stanza, conficcato in un cratere, emanante uno strano gelo. Oh, qui c’è molto di più. Non è un semplice asteroide. La sua sorpresa cresce a dismisura quando l’oggetto si apre e lascia emergere una figura. Altissima, dalle forme umanoidi, la pelle bianca come porcellana e gli occhi d’oro pulsante, un’aliena esce allo scoperto davanti ad una terrorizzata e ammutolita Egea. Non riesce ad accennare un movimento, i suoi occhi seguono attenti e strabiliati le mosse della creatura che allunga una mano verso di lei e… vertigini, risucchio, buio.

Dopo qualche minuto di spaesamento, Egea riapre gli occhi, comincia a muoversi e… oddio, oddio. Qualcosa non va. Il suo campo visivo inquadrano un paio di braccia lunghe e bianche quanto la porcellana, un paio di gambe assolutamente chilometriche, uno strano abito fatto d’oro. Non lo inquadrano solo. Gli occhi le stanno dicendo che quelle braccia, quel corpo alieno sono suoi, adesso.
Alzando lo sguardo, Egea vede se stessa, quella che ha sempre visto e riconosciuto come se stessa, guardarla con una strana espressione sogghignante (no, quella non è tipica sua) e allontanarsi.

L’aliena ha scambiato i corpi! Egea è nel corpo dell’aliena, e lei nel suo!


sabato 6 ottobre 2018

Mariapaola Perucca – Rivelazioni incrociate – L’invito del cruciverba

LoreGasp


Mariapaola Perucca: la conoscete poiché è titolare della casa editrice Spunto Edizioni di Buttigliera Alta, nella valle di Susa che si allunga poco fuori Torino, verso nord, la Sacra di San Michele. I libri del suo catalogo (www.spunto.info) offrono storie belle, originali, dense, curate, così come altrettanto curato è l’aspetto dei volumi, stampati con qualità e con copertine sempre allettanti e seducenti. Se mi soffermo a pensare, la rispecchiano in pieno.
Li avete visti passare spessissimo nel blog, soprattutto grazie alle recensioni di Simona, di cui è molto amica.
Se con il suo catalogo editoriale abbiamo imparato a conoscere l’aspetto lavorativo e culturale di Mariapaola, con il suo romanzo Rivelazioni incrociate, uscito il 5 ottobre, ci addentriamo nel suo mondo interiore. Mi viene da pensare che non è nemmeno una piccola parte di quello che c’è ancora da esplorare, e del resto questo è l’ultimo romanzo di Mariapaola. Andate a ritrovare gli altri: La casa di Linda e Inconsapevole erede.

Ora siamo alle Rivelazioni incrociate: se vi aspettate folgorazioni sulla via di Damasco, o colpi di scena all’americana di esposizioni di identità varie (Luke, sono tuo padre! Tanto per capirci), siete su una strada diversa e più movimentata.

Qui, in questo romanzo siete lo stesso in movimento, ma dentro voi stessi, soprattutto. Percorrerete delle tappe (guardate l’indice e i titoli dei capitoli) di un viaggio in cui scoprirete, vi meraviglierete e vorrete saperne di più.

Non siete soli, qui. Mariapaola vi affianca, oltre alla sua voce, due giovanissimi protagonisti, e le loro famiglie: Giorgio e Stefania, grandi amici, studenti universitari di architettura del paesaggio (bellissimo indirizzo, questo), che vivono ad Avigliana, grosso centro importante della Valle di Susa. Giorgio è un ragazzo riflessivo, d’altri tempi. Studioso, rispettoso, amante del divertimento com’è tipico della sua età, ma con una testa matura e da grande ricercatore. È un ricercatore, Giorgio. Ricerca i significati di se stesso, della sua vita, del mondo che lo circonda. Si può dire che cerchi IL significato principale, quello che prima o poi arriva a bussare alle porte di tutti, soprattutto dei più sensibili, di coloro che non si accontentano: qual è il significato della vita?

lunedì 24 settembre 2018

Le Interviste Del Furore #5 - Marino Rolfi, lo Chef e i suoi trucchi

LoreGasp

Dopo una pausa estiva un po' lunga, e costellata soprattutto di thriller, ritorno a scrivere con un'intervista. E un'intervista ad uno chef, Marino Rolfi, docente e consulente in campo alimentare,
Patron chef e catering di Logos Catering, la società da lui fondata.

Chi è Marino Rolfi?

Chef di lunga data, di grandissima passione per i fornelli accresciuta sul campo anche in contesti di prestigio elevato, come la trasmissione tv La prova del cuoco di Antonella Clerici nel febbraio di quest'anno, come rappresentante della F.I.C., Federazione Italiana Cuochi (tenete presente questo titolo, sarà ricorrente), riconosciuto miglior chef del Veneto e tra i 30 migliori d'Italia.
Ha una rubrica radiofonica molto seguita a Trieste, I trucchi dello chef, su Radioattività, e presto sarà ascoltabile anche dalle frequenze di radio NumberOne Bergamo.
Non un semplice cuoco, e non una carriera lineare o di poco conto, insomma!

E come ci entra uno chef, in un blog di libri?

Perché lo chef in questione ha pubblicato un libro con Cavinato Editore, I trucchi dello chef, proprio sull'onda (radio), è il caso di dirlo, della rubrica radiofonica menzionata sopra.
In questo libro mette a disposizione del lettore la sua sapienza di chef conoscitore delle tradizioni culinarie italiane e non. Se vi aspettate il consueto libro di ricette, rimarrete piacevolmente sorpresi, perché si va oltre la competenza nella preparazione di un piatto: si parla di trucchi, di conoscenza pragmatica ed evoluta della cucina e di come far fruttare al meglio tutti gli ingredienti.

I lettori devono pur mangiare, tra un libro e l'altro... e mentre si rilassano in cucina, seguendo i trucchi di Marino Rolfi e mettendoli in pratica, potrebbero persino pensare con maggior tranquillità ai prossimi titoli da leggere.

Se volete conoscerlo di persona, sabato 29 settembre presenterà il suo libro presso la Libreria Belgravia di Torino, in via Vicoforte 14/D, alle ore 17,00.

Intanto, alcune brevi domande di anticipazione, tanto per "assaggiare" il personaggio...

- Buongiorno, Marino, grazie di essere con noi lettori! La domanda di rito è quella che va sempre a rintracciare le radici di una passione, o di un lavoro: che cosa ti ha fatto diventare cuoco?
La mia passione ed il mio amore per la cucina muovono i primi passi sin dalla prima infanzia, con i profumi ed i sapori della cucina di famiglia di nonna ( vedi tu paterna o materna o materna) che io aiutaci sin da piccino

- Cosa sono la cucina, l'alimentazione, per te?
L'alimentazione e la cucina sono per me alla base di una vita sana e felice.
Nella mia generazione questa tradizione e' andata perduta e la ritroviamo ora, con i dovuti aggiornamenti e rivisitazioni, per educare ed abituare le future generazioni  a questo tipo di stile di vita sano.

- Hai creato una bella carriera, nel corso degli anni, con partecipazioni ad eventi importanti, comparizioni in televisione a La prova del cuoco con Antonella Clerici, e programmi radiofonici. Ora hai scritto un libro, I trucchi dello chef. Com'è passare dai fornelli alla penna/al pc?
Passare dai fornelli  alla tv e alla radio è un emozione diversa, sei al centro dell' attenzione  E diventi un teacher, un insegnante, che aiuta a comprendere e l' importanza dell' alimentazione corretta per la salute ,  le nuove prospettive ed evoluzioni di questo mestiere, tipo esercizio catering ed altro ancora.
Passare alla penna invece d' introspettivo, ritrovi il te' stesso di una volta agli esordi e il te' stesso di oggi con il tuo vissuto, un viaggio andata e ritorno nel passato per progettare il futuro

- Quali sono i tuoi programmi futuri?
I miei programmi futuri sono molto diversificati fra l' impegno nell'insegnamento, nell'incrementare l'attività' soprattutto di catering della mia azienda ed un altro libro, dove la penna ha voluto tramandare alcune ricette praticamente inusuali  ma molto radicate nella tradizione unite all'arte, l,'arte che sposa l'arte e da vita a questo nuovo libro che dovrebbe uscire la prossima primavera.

Grazie di essere stato con noi, e buon lavoro!

venerdì 24 agosto 2018

Stefania Bertola – Romanzo rosa – Attenzione, scrittrici all’opera!

LoreGasp

Un romanzo rosa. E anche un bel rosa. E qui mi riferisco alle sfumature di colore che vedete nella copertina dell’edizione Einaudi. Poiché rivalutare i romanzi rosa non mi era più sufficiente, sono andata avanti a recuperare persino l’ammirazione per il colore… alcune sue sfumature sono davvero belle.
Il libro è divertentissimo. Lo dico subito perché non ho smesso di ridere dalla prima pagina fino all’ultima. Stefania Bertola è una sicurezza, sempre. Le bastano pochi tocchi di stile per creare personaggi affascinanti, quelli che vorresti seguire ogni momento e che cerchi in tutte le pagine, se per caso non ci sono. In questo blog ci sono praticamente tutti gli altri romanzi della scrittrice, con qualche piccola eccezione. Dovuta solo a questioni di tempo e di distrazione endemica della fibra da lettrice.

Entriamo in questo piccolo (si fa per dire) mondo rosa tramite Olimpia. E Leonora Forneris. E il romanzo di Olimpia. Sì, in questo romanzo abbondano le voci narranti, e i livelli. Se dovessi paragonarlo ad un altro oggetto, questo libro è un delizioso tessuto di seta. Uno di quei tappetini da meditazione, piccoli di dimensione, ma un’intera esplosione di fili di seta colorati, brillanti e lucidi, intrecciati con maestria a generare forme e figure anche complesse. Sembrano piccoli, ma… date un’occhiata da vicino e noterete subito la destrezza, la capacità, la creazione a punto in tutti i particolari.

Chi sono Olimpia, Leonora Forneris, e… il romanzo di Olivia?


giovedì 23 agosto 2018

Pasquale Ruju – Stagione di cenere – Un’altra fotografia che mette nei guai…

LoreGasp

La Stagione di Cenere è l’estate. Quel periodo in cui la mia sopportazione, ben allenata e collaudata, si riduce dell’85% e il restante va in cenere, appunto, con la velocità di qualcosa colpito dal fulmine.
Un altro che non brilla per pazienza è Franco Zanna, il fotografo sui generis in perenne lotta con il Nero del precedente libro di Pasquale Ruju, Nero di mare, che abbiamo conosciuto insieme ad un pezzetto importante della sua famiglia: l’irriducibile figlia Valentina e il graniticamente affascinante zio Gonario (il mio preferito, senza dubbio).

Siamo in Sardegna, a Porto Sabore, inizio d’estate. Dovrebbe essere anche l’inizio di maggior lavoro e guadagno per l’ex reporter convertito a paparazzo, sguinzagliato dall’imperiosa Irene dell’agenzia Gallura Vera sulle tracce di celebrità più o meno planetarie, impegnate a prendere il sole in topless, frequentare feste glamour e costose, e a intrecciare relazioni poco consentite. Tempi maturi per frutta e scoop, insomma!
E non solo. Questo è tempo anche di incendi. I telegiornali trasmettono bollettini di guerra, quando parlano della Sardegna d’estate: terre e boschi anneriti e spezzati da fiamme indotte, procurate ad arte. Regolamenti di conti, malattie psicologiche di attrazione morbosa per il fuoco, dispetti… ? Qualcuno sì. Per la maggior parte dei casi, si tratta di altro. Qualcosa di più grave, che ha tanto il sapore delittuoso della truffa progettata e portata a termine con il contributo e la connivenza dei “soliti ignoti”… quelli per cui siamo diventati famosi nel mondo, e oggetto di vari film a firma Scorsese, Coppola, Cimino.


giovedì 9 agosto 2018

Antonio Infuso – Suicidi al sorgere del sole – Riti mortali

LoreGasp


È un’estate calda, questa. I ventilatori e l’aria condizionata rendono migliori le condizioni del corpo, ma cosa si può fare per lo spirito, la mente, che tendono ad addormentarsi con la calura oppressiva? Seguire un commissario nelle sue indagini. Se non si può fare sul serio (il corpo di Polizia non sembra accogliere volentieri distrazioni di alcun genere nelle sue indagini), allora è necessario rivolgersi altrove. Ad uno scrittore come Antonio Infuso, per esempio, che ha creato un commissario in gamba e poco negli schemi come Stefano Vega. Qui siamo alla sua seconda indagine, con Suicidi al sorgere del sole, pubblicato da Intrecci Edizioni poco prima del Salone del Libro 2018 (#salto2018, rieccolo).

Un suicidio è un avvenimento tragico. Dieci sono una strage. Un’ecatombe e un rompicapo allo stesso momento, che tiene inchiodata la Sezione omicidi della Polizia di Torino. Perché?
Quando apriamo il libro, è appena avvenuto l’ultimo. Dieci suicidi nell’arco di circa due anni e mezzo (2012-2014), ritmati con i cambiamenti stagionali, al momento del solstizio o dell’equinozio, sempre all’alba. I suicidi non sono mai soli: si tratta sempre di uomini che prima di suicidarsi, uccidono. Sempre una donna: una moglie, una fidanzata, una convivente, persino una vicina di casa. Sono suicidi-omicidi, se vogliamo essere precisi.

Manca un particolare, poiché la stranezza di queste morti non è ancora sufficiente.
I suicidi avvengono secondo un rito giapponese molto antico, il seppuku, utilizzando un apposito coltello, il tantò.

Ci sono biglietti, spiegazioni, tracce? Nulla. Il buio totale. Nemmeno la luce dell’alba che accompagna queste morti rituali riesce a gettare luce. Niente nella vita delle vittime. Niente coinvolgimenti strani in giri malavitosi, niente cadute irreversibili in crisi depressive, niente vendette. Nessuna appartenenza a sette, nemmeno a quelle più bizzarre o pericolose. Niente nelle comunità cino-giapponesi, soprattutto i circoli culturali. Niente nei negozi specializzati nella vendita di oggetti rituali come quei coltelli.

lunedì 30 luglio 2018

Michel Bussi – Ninfee nere – All’ombra di Monet.

LoreGasp

All’ombra delle fanciulle in fiore, si potrebbe replicare. No, non è un dialogo tra due colossi dell’arte francese, praticamente coevi, ma una considerazione che mi è nata leggendo il titolo di questo spettacolare romanzo di Michel Bussi, edito da E/O. È uno di quei libri che non sapevo di dover leggere, finché non ho letto le prime pagine da fiaba nera:

 “Tre donne vivevano in un paesino. La prima era cattiva, la seconda bugiarda e la terza egoista. […] Tre donne vivevano in un paesino. La terza era quella con più talento, la seconda era la più furba e la prima era la più determinata. Secondo voi, quale delle tre è riuscita a scappare? La terza, la più giovane, si chiamava Fanette Morelle. La seconda si chiamava Stéphanie Dupain. La prima, la più vecchio, ero io.”

Ho saltato apposta un paio di pezzi, perché la musica di queste righe di introduzione dev’essere ascoltata tutta nella sua sinfonia sorniona, quasi irriverente. Parte noncurante, lascia cadere pezzi di informazione importanti, ma in modo trascurato, come gocce d’oro che cadono da un braccialetto in creazione. E anche in italiano, questa musica si sente benissimo, per cui complimenti vivissimi al traduttore! E ha una sua certa atmosfera da racconto gotico, alla Seconda-Edizione-dei-Fratelli-Grimm, che non può non solleticare le curiosità più accese di un lettore.

Dove si trovano queste donne, una di undici anni, l’altra di ventidue, l’altra di ottanta? A Giverny, paesino di ben 532 anime in Normandia, che è un inaspettato ombelico del mondo, perché vi dimorò l’immenso Claude Monet per tanto tempo. In quel posto si trovano le ispirazioni concrete dell’opera del pittore, nella sua natura immediata, talmente forti da attrarre folle di turisti da tutto il mondo, ansiosi di fotografare la casa rosa di Monet, ma anche di respirare l’aria magica che potrebbe, chissà, trasformare qualche allegro coloratore di tele in un invidiato e stimato pittore di talento.
Un piccolo, minuscolo mondo perfetto di talento e bellezza cristallizzato nel tessuto del tempo.

No. Non in questo romanzo.

lunedì 23 luglio 2018

Eleanor Oliphant sta benissimo – Neanche così tanto.

LoreGasp

La prima cosa che mi è saltata in mente, leggendo questo titolo (ah, i titoli!), è mettere in dubbio l’informazione semplice-semplice che veicola: davvero? Non c’è qualcosa sotto?
Il bello di essere lettori, non è solo aprire il libro, leggerlo e vivere una serie di sensazioni/mondi/viaggi/giri in giostra emozionale, ma anche di fantasticare sul titolo. Immaginarsi una storia ancora prima di leggere la storia. Io mi diverto tantissimo a fare questi brevissimi cortometraggi in un angolo del mio cervello mentre scruto il titolo.

Tornando alla storia vera e propria, scopriamo subito se Eleanor Oliphant sta davvero bene o no. Ce lo dice lei in persona, dandoci molti particolari. Un discorso liscio scorrevole, argomentato, corretto, forse un po’ troppo… a puntino. È la sensazione che ho avuto, ascoltando le sue parole, la sua voce che ho immaginato monocorde senza essere sgraziata o sgradevole, mentre mi guardavo intorno nel suo mondo in cui mi aveva invitato, suo malgrado.

L’ufficio ordinato, all’interno di un palazzo di uffici dall’aria efficiente, “lavorativa”, in cui svolge lo stesso lavoro di contabile con immancabile precisione ed efficienza da nove anni. Il gruppo eterogeneo di colleghi, sempre pronti a lavorare il minimo indispensabile, a bere tazze di tè, a spettegolare, e a guardare un po’ straniti e un po’ di storto l’aliena Eleanor, che non si veste alla moda, non perde tempo a fare battute sugli altri (che non sa fare, perché il suo senso dell’umorismo eguaglia quello di Bones, di Kathy Reichs), ed esibisce inquietanti cicatrici su un viso altrimenti regolare, gradevole.


venerdì 20 luglio 2018

Dei consigli di lettura d’autore per l’estate – Da Luisella Ceretta

LoreGasp


Quanti di voi sono in ferie? Quanti stanno preparando la valigia più importante di tutte, quella dei libri? Sono sicura che, nonostante abbiate già tutto il necessario per leggere, troverete un posto in più per qualche altro titolo. Magari uno di quelli consigliati da un autore, perché no? E’ sempre interessante andare a sbirciare nella lista di lettura di uno scrittore.

Ed è una scrittrice che ci rende partecipi dei suoi consigli di lettura: sono i libri che sta leggendo ora. Si tratta di Luisella Ceretta, autrice molto attiva di cui avete già sentito parlare su questo Blog, sulle pagine FB del Blog, di Bolla e Fantasia e di Luoghi di Libri. In una conversazione casuale è venuto fuori l’argomento: cosa leggi per l’estate? E lei ci ha rivelato i titoli e i motivi delle sue scelte.





Leggiamola, prendiamo nota e andiamo in libreria con la lista:

“Will Ferguson – Autostop con Buddha: perché mi affascina il Giappone, anche se non ci sono mai stata. Non sono un’appassionata di guide di viaggio (lo so che servono, lo so) e questa non è una guida ma un resoconto piacevole, divertente, scorrevole di un viaggio attraverso il Giappone fatto in autostop dallo scrittore canadese. Il libro non è recente ma rimane comunque attuale.

Lucy Worsley – A casa di Jane Austen: perché mi piace Jane Austen, mi piacciono i suoi romanzi e, soprattutto, lo stile di narrazione che trovo più contemporaneo di molti autori attuali. Qui si parla delle case in cui ha vissuto. “L’esistenza di Jane, in apparenza tanto tranquilla, fu segnata da porte chiuse, strade che non le fu consentito imboccare, scelte che non poté compiere. La piccola somma guadagnata a fatica grazie ai suoi libri non bastava a consentirle di avere una casa tutta sua, e la morte del padre la costrinse a peregrinare tra abitazioni in affitto o presso parenti che le riservavano il destino proprio delle zie nubili: badare ai bambini.”, recita la sinossi. E questo mi ha incuriosito. Ne ho letto solo alcune pagine, per ora.


Petros Markaris – Ultime della notte: perché una mia conoscente me ne ha parlato bene. Non lo conoscevo. Questa è la prima indagine del commissario Kostas Karitos (o Charitos), un tipo ostico, pure antipatico, in continuo disaccordo (è un litigio continuo) con la moglie. Ho fatto fatica a entrare nelle sue corde però, superata la ventesima pagina, la scrittura di quel “vecchietto” di Markaris (è nato nel 1937, diciamo poco più giovane di Camilleri) mi ha catturata. Penso che leggerò qualche altro suo romanzo.”

Titoli allettanti… a me piacciono già. Inutile dire che sto già pensando a come riorganizzare (per la settordicesima volta in tre giorni, penso) la mia lista di lettura…

giovedì 19 luglio 2018

Delle letture disordinate - E' ancora tempo di accumulo...

LoreGasp

Se penso ai libri che ho letto negli ultimi due mesi, dal Salone del Libro 2018 in avanti, direi che la parola "disordinato" è quella che maggiormente si avvicina. Ho mescolato un sacco di generi, sono andata avanti e indietro nel tempo. Sono passata da guerrieri ed eretici a poliziotte d’acciaio, detective rintronati, festival letterari con delitto, gatti e cani saggi, entrata in case da ristrutturare, ho salutato traditori biblici e occhieggiato ritorni di personaggi spaventosi. Noir, fantasy, storico, giallo, rosa, urban fantasy, energy. Quest'ultimo non so se esiste come genere, ma se non c'è... lo creo io.

Poiché si tratta delle mie letture, mio è anche il disordine.
Il lato Furioso della Lettrice, quello che spinge ad accumulare titoli su titoli, è ancora ben vivo. Mentre l’altra lettrice, quella che Sussurra ai Libri, è intenta ad ascoltare con attenzione i titoli che prende in esame, impazza il vortice degli argomenti che si accumulano in forma cartacea dovunque ci sia una superficie piatta: mensole, tavolini, davanzali, sedie, angoli di pavimenti lasciati incustoditi.

Quali titoli mi hanno portato in giostra, in questo periodo? Vado in ordine sparso, perché tanto stiamo parlando di disordine. Per trovare un punto fermo in questo caos, parto dal Salone del Libro 2018, a maggio. Il libro di Luisella Ceretta, 1982. Viaggio nel tempo, mi ha influenzato non poco. Quattro donne di età, carattere, estrazione diverse, ma tutte legate da rapporti di amicizia e parentela, si accingono a festeggiare il ventesimo compleanno di Giulia, la più giovane. Saltano in macchina, una Panda molto vissuta, e quando scendono dall’autolavaggio in cui sono passate, si ritrovano nello stesso posto, con una differenza di vent’anni in meno.

Dal 2002 sono passate al 1982. Siamo a luglio, e più precisamente il 12 luglio, il giorno della celeberrima finale del Mundial spagnolo, che l’Italia vinse in modo così eclatante contro la Germania, alla fine di una rincorsa spettacolare, iniziata dagli ultimi posti e in sordina. Una bizzarra anomalia nel tessuto tempo-spazio fa sì che queste quattro donne si trovassero di fronte ad altrettanti eventi importanti nella loro vita: momenti decisivi, che hanno lasciato qualche strascico, e… pure la nascita. Giulia si rivede piccolo spicchio umano, con tutta l’emozione dei suoi genitori appena diventati tale.

Quando ho ripensato a quel giorno del 1982, sono venute su diverse emozioni che erano rimaste tappate lì. Come per la lettura di Bianchini, Nessuno come noi, ho lasciato andare qualcosa che pesava. È stato terapeutico!


venerdì 13 luglio 2018

Massimo Carlotto e Marco Videtta – Le vendicatrici – Chiudere un ciclo

LoreGasp


… un ciclo che stava aspettando da diverso tempo! Nel 2013 trovai quasi per caso Il primo di un ciclo di quattro romanzi, scritti da Massimo Carlotto in collaborazione con Marco Videtta, per la rubrica Scrittori Made in Campania. Carlotto non è proprio originario di quelle parti, verissimo, ma il collega Videtta che lo affiancò in questo ciclo sì, per cui mi disposi a leggere.

Sorvolo sull’aggancio solido del titolo. Quel “vendicatrici” messo lì apriva da solo mondi su mondi.
Il primo romanzo ci fa conoscere soprattutto Ksenia, la sposa siberiana, come dice il sottotitolo. Arrivata in Italia con un matrimonio combinato che nei suoi sogni avrebbe dovuto migliorarle la vita, scopre che quello è in realtà il primo passo per sprofondare in un inferno di violenza e schiacciamento solo ai suoi danni. Il viaggio per riemergere da quell’abisso, però, la porta in contatto con altre tre donne, Eva, Sara e Luz, ciascuna con la sua storia horror nelle fibre. Si riveleranno amiche, famiglia, guerriere, solidali, socie, amanti: un gruppo di titanio. Un gruppo di quattro donne inferocite con la società maschile che le ha prese a calci in faccia per diletto e sfruttamento, che le porta a trasformarsi, appunto, in vendicatrici. Ciascuna di loro a suo modo, con il suo carattere e i suoi tempi.

Dopo Ksenia, ci spostiamo a conoscere Eva D’Angelo. Proprietaria di una profumeria piuttosto nota nel quartiere (siamo a Roma), con un ex marito ingombrante, Renzo, che l’ha lasciata presto in un mare di debiti. Renzo ama donne e bella vita, ma non affaticarsi troppo a lavorare. Per quello c’è sempre stata Eva, dinamica, intraprendente, che non si tira mai indietro. Un giorno ritorna, bello come sempre, superficiale come sempre, ingannatore come sempre, ed Eva ricade sotto il suo incantesimo. Questa volta, però, dietro le rose e i fiori di una riconciliazione inaspettata (e un po’ troppo rosea per essere vera vera), ci sono spine molto affilate. E altrettanto pericolose. Renzo è finito in un giro sporchissimo, imperniato sulla famiglia Mascherano, zingari ricchi e potenti, che taglieggiano negozi, riciclano denaro, spacciano, sono implicati nel gioco d’azzardo. Il suo gancio è stato Melody Mascherano, la nipote del capofamiglia e boss, di cui è diventato amante per una notte, attirato dalle grandi quantità di denaro contante e dalla Ferrari gialla esibiti e spesi con noncuranza dalla ragazza. Se per lui è stato un bel gioco, non è stato così per lei, che lo cerca, lo vuole, lo pretende. Irrompe nella vita di Eva minacciosa e violenta per prenderselo. E questo è solo l’inizio. Il pericolo è reale, ci sono soldi in gioco che Renzo non può restituire, l’angoscia del dover sfuggire, la crudeltà di chi non considera niente di importante se non il potere e il denaro e spezza vite umane con noncuranza, la rabbia di chi vede i propri sentimenti e il proprio lavoro buttati via al vento per la superficialità altrui. Eva dovrà affrontare tutto questo, poiché Renzo l’ha coinvolta troppo a fondo, ma a differenza del suo ex-marito imbecille, la donna ha tre alleate formidabili in Sara, Luz e Ksenia. Insieme, e grazie agli interventi che talvolta sanno di miracoloso della misteriosa e ferocissima Sara, sapranno raddrizzare una situazione buia e senza evidente via di uscita.

giovedì 28 giugno 2018

Joël Dicker – La scomparsa di Stephanie Mailer – Che intrico!

LoreGasp


Il gruppo de I thriller di Edvige e altro tra le righe, gestito da Cristina Mazzuccato e Valentina Lanino, organizza dei gruppi di lettura online condivisa tra i suoi membri. Ogni condivisa dura un mese, in cui i lettori leggono e recensiscono un libro scelto tramite un sondaggio precedente.

Questa è la seconda volta che partecipo anch’io (il precedente romanzo era La lunga notte del Detective Waits, ma non ho ancora messo le mani sulla tastiera per scriverne), e finalmente riesco a mettere giù i miei pensieri prima della scadenza del mese. Io e i gruppi di lettura abbiamo sempre qualche difficoltà di sincronia: trovo il modo, spesso, di essere in ritardo sulle letture o sulle scritture.

Indubbiamente, un buon incentivo, questa volta, è stato il romanzo scelto, La scomparsa di Stephanie Mailer di Joël Dicker. Conoscevo l’autore per aver letto e recensito La verità sul caso Harry Quebert cinque anni fa, per il blog Sangue d’inchiostro. Un altro bel pacchetto di pagine (704 il primo, 779 il secondo), uno stile a tratti verboso, un certo gusto piuttosto tenace per i flashback, personaggi qualche volta al limite del credibile, fino ad essere un po’ fuori di testa, e una storia ricca di misteri, vicoli ciechi, colpi di scena.

Ne La scomparsa di Stephanie Mailer siamo a Orphea, nello stato di New York. Una cittadina tranquilla, nella regione degli Hamptons, in cui la criminalità è semi-azzerata e la vita ha i ritmi rallentati di altre epoche. Nel 1994, nel tentativo di vivacizzare l’atmosfera sonnacchiosa della città, l’amministrazione crea un festival teatrale. È la prima emozionante edizione, che passa alla storia non solo per essere quella che apre la serie, ma perché la sera dell’inaugurazione il sindaco di Orphea e la sua famiglia vengono barbaramente uccisi in casa loro.  Davanti al loro vialetto, una vittima collaterale, probabilmente attirata dal rumore degli spari: Meghan Padalin, una giovane donna che faceva jogging nel parco, uccisa con un colpo alla nuca.

lunedì 25 giugno 2018

Blog Tour Caprice e lo Stregone - Alberto Camerra - Caprice e lo Stregone: la Leggenda di Tombelaine

LoreGasp

Un altro Blog Tour, alla scoperta di un urban fantasy firmato Alberto Camerra. Una storia avvincente che prende spunto da un'antica leggenda sorta intorno a Tombelaine, un isolotto poco distante da Mont Saint-Michel.

Ecco la sinossi del romanzo, Caprice e lo Stregone - La leggenda di Tombelaine, di Alberto Camerra

Ha ricevuto un misterioso invito scritto con una grafia d’altri tempi, Caprice, la giovane strega albina di Pontorson. È un messaggio che profuma di segreti antichi, come l’aroma delle rose nere e come l’amore bruciato sopra le rocce di Tombelaine, l’isola di pietra che si affaccia sul mare in mezzo al quale sorge Mont Saint-Michel, con la sua Abbazia impenetrabile agli assalti dei nemici, nei secoli passati. Le forze delle Tenebre hanno però natura infida, stringono patti e ordiscono maledizioni. Victor Leduc, signore della Rocca dei Puritani, sembra conoscere molto bene le intricate strade oscure della negromanzia ed è una figura ambigua, che danza sopra alla sottile linea di alleato e nemico: nasconde le sue reali intenzioni e il motivo che lo ha spinto ad affrontare Jean Paul, l’addestratore di falchi, l’uomo amato da Caprice. La ragazza, dal momento dell’arrivo di Victor, vive un profondo conflitto interiore di cui quest’ultimo pare riconoscere l’origine.
I sottili fili del nuovo confronto uniscono la storia di Hélène e di Gabriel, di un cavaliere ferito nel tentativo di salvarla dalle trame crudeli dello Stregone, mentre la follia del rogo cala sopra i destini di un sentimento morto e di un altro rinato.
Pagina ufficiale del romanzo: http://bit.ly/29AXzD4

Dove trovare il libro:

eBook | StreetLib
ISBN: 9788827561560 | Prezzo € 2,99 à € 1,99
***Per la durata del BlogTour l’eBook è in OFFERTA***
Google Play à http://bit.ly/29Pu50Q
brossura | Youcanprint
ISBN: 9788827817056 | Prezzo € 13,00 à € 11,00
***Per la durata del BlogTour la brossura è in OFFERTA***
Youcanprint à http://bit.ly/29LxSP7
IBS à http://bit.ly/2aghqCL

Sai che puoi vincere un premio? Leggi qui:

Commenta questa tappa del BlogTour: avrai in omaggio, subito, l’anteprima in eBook con i primi capitoli del romanzo!
Scrivimi QUI segnalandomi il tuo commento.
Se commenti tutte le altre tappe, avrai in omaggio anche l’eBook che ha ispirato la saga di Caprice: L’errante cavaliere.

giovedì 21 giugno 2018

Blog Tour – Maria Teresa Steri – Come un dio immortale - Il tesoro inaspettato

LoreGasp


Era da diverso tempo che non partecipavo ad un Blog Tour. Quando ho saputo che Maria Teresa Steri, blogger di Anima di Carta, aveva pubblicato un altro romanzo, Come un dio immortale, che stava portando in tournée presso i blog interessati, mi sono lanciata anch’io.

E avendo appena parlato di un tempo degli dei, mi sembra doveroso continuare a parlare di questa dimensione così affascinante.

Cliccando qui, trovate l’elenco completo dei blog che hanno partecipato al blogtour Come un dio immortale.

La sinossi del romanzo:

Aggredito in un parco cittadino, Flavio si risveglia nella baracca di una giovane senzatetto, Lyra. Dopo essersi presa cura di lui per tre giorni, la donna lo manda via in modo brusco.
Tornato a casa, per Flavio nulla è più come prima. Il rapporto con la fidanzata va a rotoli, mentre crescono la passione e l'ossessione per la misteriosa Lyra. Indagando, Flavio apprende che a sei anni è scomparsa da casa senza lasciare tracce. Il suo caso però non è l’unico in città. Negli ultimi vent’anni, altre sei persone sono sparite nel nulla, e tutte erano collegate a un noto scrittore dell’occulto.

Convinto che Lyra sia scappata da una setta, Flavio è deciso a liberarla dal suo oscuro passato. Ma quando scopre che dietro la sua storia si cela una verità del tutto diversa, comincia a capire di essere anche lui una pedina di un gioco più grande, iniziato cinquant’anni prima. Un gioco che si fa sempre più pericoloso e che lo costringerà a mettere in dubbio tutto ciò che sa della sua vita e della realtà che lo circonda.

Ecco dove potete procurarvelo:

Disponibile su Amazon in versione cartacea o ebook: https://www.amazon.it/dp/B076VXT4J1/

GRATIS con Kindle Unlimited

I primi capitoli sono liberamente scaricabili da qui: http://bit.ly/2yEF0Z9

mercoledì 20 giugno 2018

Giovanni Magistrelli – Il tempo degli dei – Abbiamo forse delle certezze?

LoreGasp


“E consigliato a tutti quelli che hanno solo certezze: non li invidio.”

E’ la seconda parte della dedica di Giovanni Magistrelli all’inizio de Il tempo degli dei, Astro Edizioni, il terzo autore della presentazione Cosa bolle nella pentola dello scrittore? del 12 maggio presso la Libreria Belgravia, con Omar Fassio e Mara Cassardo, di cui ho scritto nei giorni precedenti.

L’ingrediente principale di questa grande pentola in ebollizione, ormai è chiaro, è la dimensione interiore. Eliodoro e Roberta, tramite lo sport e una carta dei Tarocchi, iniziano un viaggio di esplorazione e di crescita all’interno di se stessi, trovando il proprio centro e il proprio equilibrio. Giovanni Magistrelli, con il suo gruppo di personaggi, mostra un volto interessante di quella stessa interiorità, attraverso il filtro delle religioni. Non si poteva tralasciare l’elemento divino, quando si parla di quello spazio infinito ricoperto di altrettante infinite etichette, come spiritualità, interiorità, religiosità, e altre ancora.

Andiamo con ordine, perché il discorso è ampio, intrecciato a più livelli. Il titolo Il tempo degli dei non è scelto a caso, e non è astratto: tra i personaggi del libro troviamo proprio una schiera di dei, e di un lignaggio altissimo. Si tratta dei mitici Asi scandinavi: Odhinn e i suoi figli, tra cui spiccano Thorr, Baldhr, Tyr e quello meno rassicurante di tutti, Loki. Proprio il dio del Chaos, nonché degli inganni (secondo la mitologia norrena, che ne fa un ritratto completo), colui che non perde mai un’occasione per sparigliare le carte, e mettere tutto a soqquadro. E quando parlo di tutto, parlo di tutto il mondo, e di tutti i mondi. Stiamo sempre parlando di dei, e quando si muovono, lo fanno su larga, larga scala.

martedì 19 giugno 2018

Mara Cassardo – Arcana Permutatio – Quando il fascino del mistero si moltiplica

LoreGasp

Se una carta dei Tarocchi vi dicesse dove andare, le credereste o la lascereste sola con le sue presunte bugie?
Domanda interessante. Prima di rispondere di getto (sì – no – Tarocchi chi?), sottolineo subito che è la domanda che apre la sinossi di Arcana Permutatio, ultimo romanzo di Mara Cassardo per Astro Edizioni, uscito a ridosso del Salone del Libro. Ed è il secondo titolo nella presentazione Cosa bolle nella pentola dello scrittore? organizzata il 12 maggio dalla Libreria Belgravia, con Omar Fassio (di cui ho scritto ieri) e Giovanni Magistrelli.

E ora, cosa rispondereste ad una domanda del genere? Io dovrei scrivere un post a parte. O forse una serie di post, perché l’argomento dei Tarocchi è vasto, affascinante, mutevole e capace di incatenare per ore e ore.

Niente distrazioni, però. Questo non è un libro sui Tarocchi, nonostante campeggi in copertina il primo Arcano (quello più affascinante, detto per inciso), Il Matto, e il sottotitolo sia Il destino nei Tarocchi, e queste carte così antiche ritornino spesso nelle pagine.


domenica 17 giugno 2018

Omar Fassio – Quattro con – Lo sport che trasforma

LoreGasp

Un libro divertente, dolce e che fa riflettere e che arriva con un mese di ritardo su queste pagine… ah, le lettrici ex-furiose, che persone senza cognizione del tempo che sono! Però hanno una buona memoria, e una predisposizione a gustarsi il libro in quel contenitore illimitato, in quello spazio in cui amano entrare ad ogni piè sospinto.

Ho letto il libro e conosciuto il suo autore, Omar Fassio, un mese e mezzo fa in occasione di una presentazione organizzata dalla Libreria Belgravia di Torino, nell’ambito degli eventi per il Salone Off, sabato 12 maggio. Sì, il Salone di Torino. È suo il fantasma che aleggia in queste pagine, che non ho ancora concretizzato. Lo faccio a partire dai libri che ho letto, e che sto leggendo.
Per Belgravia, è nato un confronto a tre autori + blogger: Omar Fassio, con Quattro con, Mara Cassardo, con Arcana Permutatio, e Giovanni Magistrelli, Il tempo degli dei. Il filo comune tra gli scrittori è la casa editrice, Astro Edizioni, ed uno sguardo d’esplorazione sulla crescita interiore degli esseri umani, che segue canali e manifestazioni diverse nei loro libri.

Per Omar Fassio, il canale che trasforma è lo sport, o meglio, “uno sport che non è uno sport”, come da sue parole. Al centro del suo libro troviamo Eliodoro, che impariamo subito a chiamare Elio per velocità e pudore del personaggio stesso; è un tredicenne che non ama moltissimo il suo nome e lo abbrevia per ripararsi dalla crudeltà degli sbeffeggi altrui. Inizia il liceo a Torino mentre apriamo il libro e impariamo subito a rincorrerlo. Non è un tipo che sta molto fermo, Elio… e non perché ami muoversi o pratichi uno sport di velocità, ma perché ama sfuggire. Sfugge ai genitori, sfugge ai compagni, sfugge a se stesso. È un teppista? Un ragazzino che s’invischia in giri strani, in cerca di avventure?


mercoledì 13 giugno 2018

Massimo Carlotto – Arrivederci amore, ciao – Freddo, crudele, mostro.

LoreGasp

A pochi giorni di distanza dall’ultima lettura di un libro di Massimo Carlotto, ecco che ritorna su questi schermi. Incuneandosi svelto e un po’ a tradimento tra due altri libri, di cui uno in rilettura. Galeotta è stata la visita assolutamente non premeditata al Libraccio, a Torino. Antonella, un’altra lettrice accanita e sempre aggiornata, mentre stavamo guardando un paio di scaffali, prende a colpo sicuro un volumetto e mi dice, determinata: “Questo è bello!” Quando un lettore usa quel tono, è bene seguire il suo suggerimento.

Del resto, non aveva bisogno di insistere così tanto… a me questo scrittore piace molto. Perciò, approfittando anche della relativa brevità del libro, l’ho iniziato. E poi finito. Subito. Appena ho scoperto il nome del protagonista, Giorgio Pellegrini, non ho potuto staccarmi. Questo perché ricorre anche nelle ultime pagine di Per tutto l’oro del mondo, e il modo in cui viene descritto dai personaggi lo rende quantomeno interessante. Dico interessante perché in realtà è un demonio infernale. Uno di quelli che meriterebbe un esorcismo particolarmente pesante, esauriente, definitivo e magari anche ripetuto, tanto per assicurarsi di rinchiuderlo in qualche abominio infernale per sempre.

Lo dico subito, non ne faccio mistero. Ho odiato profondamente questo personaggio. Volevo vederlo punito in modo esemplare, e possibilmente colpito da tutte le sofferenze e le vendette del mondo… quasi fossimo in un feuilleton ottocentesco in cui i buoni trionfano circonfusi di luce e i cattivi vanno all’inferno.

lunedì 4 giugno 2018

Massimo Carlotto - Per tutto l'oro del mondo con un bel Blues per cuori fuorilegge e vecchie puttane

LoreGasp e SimoCoppero

... un gran bel modo di iniziare un lunedì mattina, tuffandosi nei libri di Massimo Carlotto, con un post doppio. È un autore che non ha bisogno di presentazioni, essendo il grande che è, da diversi anni. Con il team di Luoghi di Libri, io e Simona abbiamo scelto di dedicare le nostre letture ai libri di Massimo Carlotto. Simona si è occupata di Blues per cuori fuorilegge e vecchie puttane (2017), mentre io sono stata attirata da questo titolo, Per tutto l’oro del mondo, del 2015.
Restate intorno, perché i ragazzi di Luoghi di Libri vi proporranno la loro scelta, così potrete completare le vostre letture!

Al centro di entrambi i libri Marco Buratti, l’Alligatore, investigatore privato senza licenza, appassionato di blues e Calvados, con il cuore fuorilegge, insieme a Beniamino Rossini e Max La Memoria, i suoi soci con cui forma una società strampalata, e molto efficiente. 
Per tutto l’oro del mondo gira intorno ad un caso triste di una rapina in villa finita molto male un anno e mezzo prima, nel Nordest. Marco Buratti ci arriva in modo insolito, occupato com’è a cercare di non innamorarsi di una donna che sta pedinando per conto del marito sospettoso. Fallendo miseramente nel tentativo: la bella Marilena Dal Corso, in arte Cora, gli rapisce il cuore subito cantando un blues con molta anima e talento traballante in un localetto della zona, un paio di sere a settimana. Mentre si macera in un evidente conflitto d’interessi (vuole palesarsi alla bella cantante, senza trasformarsi nell’amante che il marito sospettoso e suo cliente sta cercando, senza perderne la fiducia), inciampa nella storia brutta e crudele di una rapina ai danni di un orafo, Gastone Oddo, consumata nella sua villa, culminata nel brutale omicidio del proprietario e della sua governante.

Luigina Cantarutti, questo il nome della donna, è un cosiddetto danno collaterale: rimasta in casa per finire il suo lavoro, cade vittima di una furia omicida senza pietà, insieme al suo padrone. Lascia un figlio ragazzino, Sergio, costretto ad andare a vivere mal tollerato in casa dello zio, il fratello della madre. Il padre non esiste, in questo dramma: svanisce come neve al sole non appena soddisfatti i propri capricci con Luigina tanto tempo prima, ritenendo finito ormai il suo coinvolgimento.


giovedì 10 maggio 2018

Alice Basso – La scrittrice del mistero – … e anche imprevedibile.


LoreGasp

Oggi è il giorno di inizio del Salone del Libro di Torino, quello noto come #salto2018. Ed è anche il giorno in cui Alice Basso presenta il suo quarto libro, La scrittrice del mistero, raccontandoci un altro pezzo di vita della sua adorabile e tenebrosa ghostwriter, Vani Sarca. Anche se poi così tenebrosa non lo è più, considerando l’evoluzione formidabile che ha avuto la sua vita, soprattutto alla fine del libro precedente, quello che ingiungeva di non dirlo allo scrittore. Probabilmente la Sarca nazionale si risentirebbe di queste parole, o meglio, sentirebbe un crampo infilare tante treccine nei suoi organi interni, com’è più probabile. Leggendo il libro, capirete subito perché questa parola diventa quasi uno stile di vita per Vani.

Se per caso non avete letto gli altri tre libri, o almeno il terzo, cambiate blog. Non racconterò più di tanto della trama, ma diventa difficile non fare riferimento alla causa del crampo-stile di vita di cui sopra. Vani si rende acutamente conto di avere uno stomaco molto reattivo e in salute da quando ha ammesso con tutti (tradotto dal sarchese: lei stessa) e il commissario Berganza, che prova qualcosa di decisamente di più di una semplice ammirazione professionale condita da ampi e condivisi riferimenti letterari ai thriller e ai noir d’autore. E il crampo-stile di vita si ripropone allegramente quando il fascinoso esponente delle forze dell’ordine le conferma che è ricambiata, e pure ampiamente.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...