venerdì 25 maggio 2018

I thriller di Edvige#11– Notte in bianco



CriMazzuccato

"Il sangue del fiore mi segna la mano. Sgomento negli occhi. Si apre lo squarcio. È viola, non rosso, il dolore del cuore. " 
Ancora con un pezzo di cuore da ricucire, ho salutato i personaggi di questo romanzo appena terminato. 
Mille sarebbero le parole da dire su questo piccolo capolavoro che in sé racchiude le più svariate sfumature dell'animo umano. Ho pensato a dargli un'etichetta, ma non è possibile! Questo è un noir sì, nerissimo per giunta, ed è carico di poesia, ma non poesia sdolcinata. È poesia dell'anima, è analisi psicologica e introspezione. L'autrice sa toccare argomenti che fanno parte della nostra quotidianità (come l'amicizia, l'amore, la fratellanza, la maternità, i rapporti di vicinato) e renderli speciali, intensi, profondi.

La storia tragica di Viola Carraturo fa da sfondo all'intera vicenda, ambientata nella splendida Napoli. Una città che non ho mai visto, ma che ho potuto ben immaginare grazie alle descrizioni delle vie, delle case, delle persone al mercato, nei negozi, agli odori, profumi, rumori fatti anche di chiacchiere e pettegolezzi tra comari. Descrizioni mai pesanti, mai prolisse, sempre messe lì al punto giusto! 

Ho conosciuto Viola detta da tutti "La Tabaccaia", un soprannome che indica la poca considerazione con la quale veniva vista dal vicinato : una donna dura, sfuggente, mal vestita, sporca, per tutti era quella strana, quella su cui costruire i pettegolezzi più biechi. Ma lei dentro racchiudeva un segreto, un dolore che nessuno poteva capire, né sapere. E attorno a lei, altre figure con drammi e segreti nascosti a loro volta, le ruotano intorno come un vortice. 

giovedì 24 maggio 2018

I thriller di Edvige#10– Anonimo



ValeLanino



Ho conosciuto questa coppia di scrittori tramite la nostra Edvige che me ne aveva parlato benissimo, leggendo “L' Estraneo” infatti mi ero resa conto che avevano molta capacità e non vedevo l' ora che sfornassero qualche altro libro e finalmente eccolo nelle librerie, ad occhi chiusi decido che lo devo leggere e devo dire che non ha nulla a che fare con il precedente.

La storia è scritta in prima persona da entrambi i protagonisti che si scambiano il ruolo di “narratore” ogni capitolo.

Libro con tema molto attuale ovvero il dark web, quella parte oscura di internet dove tutto è lecito, dal comprare droga a comprare bambine.

Ho apprezzato questo libro proprio perché ad oggi non ci sono molti thriller che parlano di questo.


Libro che fin dall' inizio si fa leggere e ti intrappola alle sue grinfie fino alla fine, libro molto adrenalinico e con colpi di scena uno dietro l' altro. Non riuscivo a posarlo, dovevo sempre andare avanti e capitolo dopo capitolo mi sono innamorata di questo libro. E' difficile trovare thriller che ti danno queste impressioni ma credetemi se vi dico che me lo sono portato anche al cinema, quei cinque minuti dell' intervallo sono stati molto utili!

Leggetelo perché non vi staccherete, leggetelo perché di eguali non ne troverete, leggetelo perché è unico nel suo genere, insomma LEGGETELO!!!


mercoledì 23 maggio 2018

I thriller di Edvige#9 – La via del silenzio



ValeLanino

Libro che dal primo capitolo ti fa intuire il perché l'assassino agisce così e, forse per una volta, sono dalla sua parte.
Si fa leggere bene con molta tensione e molto pathos. Due scrittori che insieme hanno creato un capolavoro, non ha assolutamente niente da invidiare ai thriller di autori più titolati. Dettagli degli omicidi descritti in maniera scrupolosa che ti fanno accapponare la pelle, ma d' altronde non è per questo che amiamo i thriller?
Il libro è ispirato ad una storia vera e quando l'ho saputo ho dovuto leggerlo e ho fatto benissimo. 
Compratelo e buttatevi a capofitto a leggere la storia de “il gelido figlio di puttana che incontrerai mai” e vedrete che mi ringrazierete!
Ho apprezzato anche tantissimo la copertina.

giovedì 10 maggio 2018

Alice Basso – La scrittrice del mistero – … e anche imprevedibile.


LoreGasp

Oggi è il giorno di inizio del Salone del Libro di Torino, quello noto come #salto2018. Ed è anche il giorno in cui Alice Basso presenta il suo quarto libro, La scrittrice del mistero, raccontandoci un altro pezzo di vita della sua adorabile e tenebrosa ghostwriter, Vani Sarca. Anche se poi così tenebrosa non lo è più, considerando l’evoluzione formidabile che ha avuto la sua vita, soprattutto alla fine del libro precedente, quello che ingiungeva di non dirlo allo scrittore. Probabilmente la Sarca nazionale si risentirebbe di queste parole, o meglio, sentirebbe un crampo infilare tante treccine nei suoi organi interni, com’è più probabile. Leggendo il libro, capirete subito perché questa parola diventa quasi uno stile di vita per Vani.

Se per caso non avete letto gli altri tre libri, o almeno il terzo, cambiate blog. Non racconterò più di tanto della trama, ma diventa difficile non fare riferimento alla causa del crampo-stile di vita di cui sopra. Vani si rende acutamente conto di avere uno stomaco molto reattivo e in salute da quando ha ammesso con tutti (tradotto dal sarchese: lei stessa) e il commissario Berganza, che prova qualcosa di decisamente di più di una semplice ammirazione professionale condita da ampi e condivisi riferimenti letterari ai thriller e ai noir d’autore. E il crampo-stile di vita si ripropone allegramente quando il fascinoso esponente delle forze dell’ordine le conferma che è ricambiata, e pure ampiamente.

mercoledì 9 maggio 2018

Emma Piazza – L’isola che brucia – Il mistero che tiene.

LoreGasp


Per restare in mezzo alla svolta thriller, noir, gotica con un pizzico di horror, ecco spuntare un romanzo di nuova uscita.

Un libro che si apre a Lisbona e che ci porta prestissimo in Corsica, l’isola del titolo, che brucia di passioni e fuochi millenari, facilissimi a scatenarsi, per i motivi più futili. Le vicende sono raccontate da Teresa, professionista freelance di origine corsa che, a causa di un turbinio di vita (una gravidanza accolta con estrema difficoltà) si rifugia a Lisbona mentre fa finta di sopravvivere. La sua storia d’amore sembra finita bruscamente, senza appello, lasciandola sola ad affrontare un bambino, o una bambina, che sta crescendo dentro di lei senza che lei abbia veramente desiderio di questa vita.  
Non sarebbe ritornata di sua volontà in quell’isola bizzarra, se non fosse stata chiamata dalla nonna, la “terribile” Mamie.  Vuole correggere il testamento e lasciarle la bella villa in cui ora vive e che è ancora piena di tantissimi ricordi di vita passata. Alcuni anche belli… ma tanti spigolosi, difficili. La sera in cui arriva in quella casa, Teresa se li ritrova davanti tutti. Mamie, la nonna, e l’elusiva zia Louise, sorella di suo padre. Ritrova l’atmosfera di sospetto, delle cose taciute, dell’orgoglio silenzioso, del segreto che aleggia intorno, ma che non si fa mai afferrare.

Non c’è suo padre. No, le due donne vogliono tenerlo lontano, è un uomo cattivo, pericoloso, potrebbe arrivare a uccidere senza difficoltà. E forse l’ha già fatto, e nemmeno i vincoli di parentela potrebbero fermarlo. Teresa è stanca. Torna in quell’isola malvolentieri e già dalla prima sera si vede affibbiare pesi non suoi. Va a dormire esausta. Si occuperà del testamento e delle volontà della nonna un altro giorno, magari domani.

Quando il domani arriva, però, le carte sul tavolo sono già completamente scomposte, buttate all’aria. Talmente all’aria, che ne manca qualcuna all’appello… Teresa scopre il cadavere di sua nonna, buttato sulla scogliera al di sotto della casa.


martedì 8 maggio 2018

Enrico Pandiani – Polvere – Uno stato dell’esistenza

LoreGasp


Polvere sei e polvere ritornerai! Tuona un certo passo biblico, che mi ha sempre turbato un po’. Mah, sarò poco ferrata sull’argomento, ma non mi sento fatta di polvere…
"Polvere, gran confusione, un grigio salone, in quale direzione io caccerò la... polvere dai miei pensieri?" cantavano i Decibel di Enrico Ruggeri in un’altra vita.
No, nessuna di queste menzioni di polvere ha funzionato da ispirazione per l’ultimo romanzo di Enrico Pandiani, uscito fresco e in corso di presentazione a Torino, in metà Italia del Nord e tra due giorni al Salone del Libro di Torino (#salto2018!! E riecco l’hashtag!).
E no, non è nemmeno la polvere da sparo, che nei suoi romanzi abbonda.

Iniziate a tuffarvi in una storia complessa, originale, cruda, rassicurante, molto attuale, senza esclusione di colpi, e naturalmente polverosa.

Unico consiglio, però: se avete letto la produzione precedente dell’autore, mettete da parte un momento Pierre Mordenti, i suoi italiens, Parigi, il suo senso dell’umorismo, l’”uom di sasso” Le Normand. Anche Zara Bosdaves e il suo irritante padre farfallone, le ore passate davanti a Call of Duty, il suo assistente quasi indispensabile.

Tenete il fascino inarrestabile e il carattere combattivo dei personaggi femminili che circondano il bel commissario italo-francese, il mistero appesantito di dolore degli extracomunitari che ogni tanto increspa la vita di François, il compagno della detective friulana, e spostatevi a Torino, giorni nostri.
No, non andate verso il centro e i suoi portici, i palazzi ottocenteschi, la collina sul Po e dietro la Gran Madre, con le sue iper-ville contegnosamente nascoste dietro alberi e giardini grandi quanto un Parco Nazionale.

Dovete impostare il navigatore verso il nord della città, uno dei quartieri meno eleganti, che quando si nomina da queste parti ottiene in risposta un sorriso tirato di cortesia e un rapido svuotamento dello sguardo: Barriera di Milano. Il nome è associato all’edilizia popolare, a casermoni camuffati da case, un aspetto dimesso, piatto e uniforme in generale. Come se lo si osservasse tramite un velo di polvere, insomma. E’ la stessa polvere che troviamo a casa del protagonista, Pietro Clostermann. La sua unica compagnia include un gatto sornione dal nome imprevedibile di Gatto, e quello che fa per vivere è… non vivere, lasciandosi ricoprire di polvere.

Qualcosa di estremamente grave è successo poco tempo prima nella vita di Pietro, ex-responsabile della sicurezza di una società, che si è visto fermare la vita di botto a causa di una sua decisione azzardata. Salvare qualcuno ha condannato lui, trasformandolo nell’unico capro espiatorio di una faccenda complessa, che alla fine del libro verrà rivelata quasi per caso. Come accade, quando si spolvera a fondo una stanza o un mobile: ritornano in evidenza brillante cose che giacevano nel dimenticatoio.
Quando entriamo in casa sua, però, Pietro è ben ricoperto dal suo strato di polvere esistenziale e niente sembra poterlo riportare fuori. Se non lo squillo del suo campanello. Ci siamo appena abituati a vederlo ciondolare per casa, preparando distrattamente un Harvey Wallbanger (cocktail creato negli anni ’50 dal nome di un personaggio di un film) per sé e un filetto di nasello per Gatto, senza niente di veramente importante da fare, quando suonano alla sua porta. Sulla soglia, una donna anziana, avvolta in una tristezza talmente visibile, da essere diventata il suo vestito e il suo aspetto consueti. Il suo nome è Rosa Massafra, è una vicina di casa di Pietro, e cerca pace per se stessa e giustizia per sua figlia, Silvia Massafra, uccisa in circostanze misteriose un anno prima.

La lentezza delle indagini di polizia sul suo caso, che l’hanno a poco a poco fatta scivolare in un dimenticatoio crudele, anche se non voluto, e l’essere rimasta sola, l’hanno spinta a rivolgersi a quell’uomo che lei non conosce affatto, ma che è convinta che possa aiutarla a uscire dalla sua tragedia personale. Ha fatto qualche domanda nel quartiere, ed è saltato fuori che Pietro Clostermann è “del mestiere”, e quasi sicuramente ha qualche asso nella manica che le può rivelare come e perché sua figlia è stata uccisa.

Pietro non ha intenzione di aiutarla, all’inizio. Vuole solo non-vivere, ricoperto dalla sua polvere. Non è capace, non è “uno del mestiere”, non è Superman, non è nessuno di bravo e competente, non sa aiutare sé stesso, figuriamoci se può fare qualcosa per qualcun altro. L’angoscia dolorosissima e altrettanto silenziosa di Rosa, però, lo hanno smosso ben più di quello che gli piacerebbe ammettere, almeno al momento.

Quasi contro la sua volontà, Pietro si mette in moto. All’inizio si tratta di fare qualche domanda in giro, senza scoprirsi troppo. Non può fare niente di ufficiale, non è un poliziotto e non ha titoli di alcun genere per mettersi a fare indagini. Potrebbe finire in guai ancora peggiori di quelli che ha già sperimentato fino a quel momento. Insomma, che male può provocare mai fare qualche domanda su un caso di un anno prima, che quasi tutti hanno ormai dimenticato?

Un po’ di male, come scoprirà Pietro da vicino, lo fa. E dovrà stare attento, molto attento, che quel male non lo porti ad un capolinea definitivo. L’uomo scopre un intero mondo malato e bieco, dietro certi capannoni del Lungo Dora cittadino, e dietro le apparenze piatte e squallide di certi palazzi, di certe anonime società di import-export. Un mondo che ha le tinte scure e sporche dello sfruttamento della prostituzione, della buona fede di chi cerca una vita migliore per sé e finisce in incubi desolanti e senza fine, di spietatezza senza ritegno, senza limiti. Tutto questo, mentre nella stessa città, nei quartieri e nelle case accanto, altre persone vanno a lavorare, passeggiano per rilassarsi, incontrano gli amici, allevano figli e vivono in famiglia in totale libertà e relativa spensieratezza.

In questo viaggio nel fango umano, tuttavia, non mancano piccole perle lucide. Una bellissima giovane donna dal nome gioiosamente improbabile, che non vi rivelo perché vi rovinerei una grandissima sorpresa, si affianca a Pietro nella sua ricerca dell’assassino di Silvia. Ha i suoi motivi fondamentali, come riscattare un passato angosciante e fangoso. E non solo. Il suo arrivo nella vita di quest’uomo apparentemente finito equivarrà all’esplosione di una supernova e lo vedrete bene, da subito.

Quasi nello stesso tempo, un uomo di colore, Sebastião, entra nella vita di Pietro, poiché la sua ricerca personale s’intreccia molto stretta con le piste seguite dall’improvvisato detective. Tutti e tre, con le loro vite spezzate e ricomposte alla bell’e meglio, s’imbarcano su acque torbide e velenose per rispondere al dolore senza fine di una madre, ritrovare tregua e una nuova dimensione in sé stessi e nel mondo.

Quando entrate in casa di Pietro, scoprirete che non vorrete abbandonarlo più. Lo seguirete nei suoi spostamenti un po’ goffi per la città, gli ricorderete di preparare il cibo del Gatto e vi stupirete, se per caso non si procura le arance per il suo drink preferito. Lo guarderete cambiare, svegliarsi, rispolverare se stesso e i suoi talenti, farete il tifo per lui. Non vi importerà se non sarete coinvolti nelle sparatorie di Mordenti, o nelle scazzottate in cui Zara si destreggia con le sue mosse di aikido. Vorrete solo continuare a seguirlo e sperare che non si cacci troppo a fondo nei guai… La bravura dell’autore, qui, si rivela proprio nel fatto che non sentirete la mancanza di questi altri due personaggi, più forti e reattivi, più brillanti. E nemmeno delle ambientazioni eleganti e profumate dei piani alti, o dei quartieri prestigiosi.

Vorrete, anzi, ascoltare e leggere altre parole, altre storie come questa, capaci di farvi entrare in un’altra città all’interno della vostra città. È normale, però: è solo l’effetto dell’essere esposti allo stile e al flusso narrativo di Enrico Pandiani.

mercoledì 2 maggio 2018

I thriller di Edvige#8 – Fiori sopra l'inferno


ValeLanino


Molte persone mi hanno parlato bene di questo libro e ho letto mille recensioni positive ma finché non ci ho messo il naso non potevo dire la mia... Dopo averlo finito ho capito che sarei stata la milionesima e uno che parlasse bene de "Fiori sopra l' inferno" della Tuti. Innanzitutto voglio complimentarmi con la scrittrice per la storia, di solito (e chi legge molti thriller come me lo sa) le trame sono trite e ritrite,  cambiano i nomi e i luoghi ma le situazioni sono le medisime, invece questo libro finalmente ha una trama di cui non avevo ancora letto.

Il libro si presenta da subito molto intrigante e ti invoglia ad andare avanti fin dalle prime pagine. Lettura molto scorrevole e molta suspance.

Parliamo del personaggio principale: il Commissario Teresa Battaglia. Vi è mai capitato di conoscere una persona e di primo acchito ti sta sul bip? A me lei ha fatto questo effetto fino a quando non si è fatta conoscere meglio. È una donna che ha sofferto e che soffre tutt' ora per le difficoltà che la vita gli ha messo davanti. Ha le spalle larghe, a volte un po' troppo acida ma fa parte del personaggio che ad oggi adoro.

Tornando a parlare del libro posso solo dirvi che non va raccontato perché nessuno può trasmettervi ciò che mi ha trasmesso la lettura. Leggetelo e non ve ne pentirete.

La Tuti è una scrittrice sensazionale e sarò felice di leggere gli altri libri che seguiranno questo!


Per leggere anche la recensione di SimoCoppero cliccate qui
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...