venerdì 24 ottobre 2014

Smamma - Guest Post#16

La copertina indica: un romanzo acuto, comico, liberatorio. Aiuto! Non mi sento affatto di condividere queste parole per descrivere questo scritto. Forse scriverei in copertina: grido di terrore! Perché più che ridere mi sono trovata a piangere.
Leggendo e rileggendo queste pagine ci troviamo faccia a faccia con il panico, la tragedia in cui la società di oggi ci ha gettato, altro che situazioni comiche: genitori in crisi che urlano la loro inadeguatezza di fronte al cambiamento repentino dei figli.
Il libro di Valentina Diana è un puzzle di situazioni famigliari. Due presenze maschili in una famiglia dove nessuno fa la parte del padre, dove non ci sono gerarchie (non ci sono o non ci vogliono essere?) da rispettare e regole da seguire.
Il quadro dipinto è figli di famiglie separate, che crescono in mezzo alla tecnologia, ma che si isolano dal mondo diretto, quello delle relazioni sociali, del divertirsi con banalità senza annoiarsi.
Troviamo mamme che si affidano a manuali per allevare i figli, per cercare anche un solo semplice contatto con loro. Paradossalmente c’è più comunicazione tra nonni e nipoti che tra figli e genitori.
Ma a che punto stiamo arrivando? Ma che generazione di giovani stiamo allevando? Ma che adulti e poi genitori siamo diventati?
E’ un libro che mi ha suscitato più di un’emozione: rabbia per i risultati che otteniamo, tristezza per quello che abbiamo imparato e non sappiamo trasmettere, isterismo perché avrei preso a pugni in tante occasioni la mamma descritta.
Leggetelo e  in base al vostro stato avrete sicuramente sensazioni diverse dalle mie, dalle parole che state assimilando.
Non so veramente se interpretarlo come un urlo di disperazione per attirare l’attenzione della società, o un moto di rivoluzione trincerato dietro alla rassegnazione di una società tecnologica e menefreghista  che ci sta portando via i figli e la loro adolescenza.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...