sabato 19 dicembre 2015

Un libro, un piacere! La terza serata, nella Capanna

La capanna più antica esistente al mondo, ovvero quella del Presepe. Martedì 15 dicembre scorso, presso Il piacere di creare a Giaveno, abbiamo preso parte al terzo appuntamento de Un libro, un piacere!, dedicato al Presepe. Insieme a Joram Gabbio, insegnante e scrittore pinerolese, ci siamo addentrati tra i personaggi della Capanna, partendo dai più trascurati e "umili" come i pastorelli, passando per i Re Magi e la stessa stella cometa.

Il nostro punto di partenza è sempre un libro: Alla capanna, di Joram Gabbio e sua moglie Stefania Raymondo, che hanno scritto e disegnato per la loro figlioletta Lucia, che è stata anche il primo motore d'ispirazione di questo lungo dialogo dolce che si snoda tra personaggi "famosi" e grandi, e tradizioni del tutto private e personali.

Partendo dalle statuine, Joram ha ricordato per ciascuna la loro storia, e la storia che ha immaginato ci fosse dietro ogni personaggio. Una storia immaginata, o derivante dalla sua vita di bambino o di volontario in Angola, impegnato ad aiutare e vivere in una cultura totalmente distante dalla sua di partenza. Ogni parola è una risposta alle domande immaginate della bimba che si affaccia su questa composizione ad occhi sgranati e chiede chi siano quelle figure.


Frammisti nel dialogo, elementi derivanti dalla tradizione più autorevole, come una spiegazione dei motivi della scelta della data del 25 dicembre, e riferimenti alle tradizioni religiose dell'ebraismo. Non manca la presenza letteraria, con poesie di autori classici ispirati dall'atmosfera e dalla ricorrenza del Natale.

E' un libro dolce e personale, che ha riportato persino un cuore di granito come il mio a rispolverare le storie che io stessa inventavo da bambina guardando le statuine del piccolo Presepe che compariva e scompariva magicamente a Natale e dopo la prima settimana dell'anno.

Se volete pensare ad un regalo che vi appaghi e vi rassereni, e che vi riporti bambini ma con una prospettiva adulta (non seriosa) su una festa tanto conosciuta e anche mal interpretata come il Natale, scegliete di entrare ne Alla capanna. Vi aiuterà a concentrarvi meglio, nei pochi momenti silenziosi e liberi lasciati dalla consueta corsa al regalo e alla cena di festeggiamento.

Nel frattempo, concentratevi sulla bellezza dei manufatti creati da Simona e Luisa de Il piacere di creare...

2 commenti:

  1. Questo post è proprio natalizio ♥ Il libro è stato scritto con tanto amore, come quello che dovrebbe caratterizzare lo spirito delle feste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, vero. Dopo averlo chiuso, il libro riesce a farti sentire in pace, come quando senti di essere amato.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...