domenica 21 febbraio 2016

Un libro, un piacere! Alice Basso e il suo piano imprevedibile.

LoreGasp

…e una forza della natura, insieme. Venerdì 19 febbraio scorso, presso Il Piacere di creare a Giaveno, è stato il turno di Alice Basso, giovane autrice de L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome, deliziarci con la sua presenza e la sua verve inarrestabile, nel ciclo di letture Un libro, un piacere!

La sua opera prima si è rivelata un successone, ed è un libro ritmato, divertente, ironico, un “crossover” di stili (come da definizione della stessa Alice), che riunisce il gotico, il comico, il giallo con una spruzzatina di rosa. Non troppo perché altrimenti stroppia, e poi non piace, sempre a detta dell’autrice. Vi lascio immaginare QUANTO FOSSI D’ACCORDO IO con la sua affermazione.



La vera rivelazione, però, è stata lei. Io ancora non l’avevo incontrata dal vivo, ma solo su Facebook tramite i suoi post estremamente divertenti sulle cose che le capitano, sulla sua visione della vita. Io e gli altri lettori del nostro circolo (i dieci lettori di manzoniana memoria…) abbiamo scoperto una giovane scrittrice molto in gamba, che non si lascia pregare per parlare di sé, del suo lavoro, dei suoi libri preferiti, e di come scrive. Brillante, sempre sorridente, quando parla del libro già esistente che le sarebbe piaciuto scrivere, o dell’ambientazione storica che amerebbe per un’altra opera, si sente davvero una passione totale e “nativa” per l’espressione, l’arte, la comunicazione, il sapere. Ci ha fornito anche diversi titoli di lettura (che qualcuno si è appuntato), oltre a illustrarci molto generosamente il suo metodo di creazione in scrittura.


Tra un paio di mesi uscirà il suo secondo libro, un ideale “seguito” del piano imprevedibile, perché è difficile non farsi prendere dalla curiosità di sapere cosa fa di bello Vani Sarca, e se quel bellimbusto tenebroso di Riccardo abbia davvero imparato la lezione. E vogliamo lasciar da parte il commissario?

Se non sapete di cosa stiamo parlando, vi conviene rimediare in fretta…leggete qui cosa pensava Simona del libro quando lo lesse, poi correte ad acquistarlo, e iniziate a seguirci, per restare informati sui nostri prossimi eventi, e su quello che farà Alice Basso nel prossimo futuro. Ora che l’abbiamo scoperta e amata, dovremmo abbandonarla al suo destino, per quanto glorioso? No, non si fa. Noi Del Furore Di Aver Libri non potremmo perdonarcelo.


Rimanete sintonizzati e buone letture, sempre!

2 commenti:

  1. Chi non c'era ha perso veramente tanto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti! Chissà, magari si può recuperare in un secondo momento...sempre che ci segua fedelmente, però!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...