giovedì 21 aprile 2016

Leggere ... volare ... vivere!#17 - Passeggeri notturni


SimoCoppero

Trenta racconti di sole tre pagine ciascuno, trenta personaggi diversi.
Storie d’effetto, storie vissute, storie inventate, storie raccontate, storie di episodi vissuti, storie che leggi in un soffio e ti rimangono dentro.

La mitica Luciana Littizzetto lo descrive come il libro di Imprevisti e Probabilità, associandolo al notissimo gioco in scatola Monopoli.
Lo stesso autore lo presenta considerando che per molti è scandalosa l’idea che si possa scrivere un racconto con il vincolo della lunghezza.
Io dico che vale la pena leggerlo e lasciarlo sedimentare dentro la nostra anima per poi riflettere.

Trenta Passeggeri notturni che vi faranno ridere, arrabbiare, alterare, sperare, vi renderanno perplessi raccontando quella che può essere lo specchio dell’Italia e della società. Leggerlo mi ha riportato con la mente a “Bagaglio a Mano” di Gabriele Romagnoli: scrittura tagliente, essenziale, raffinata, spedita, che punta al centro proprio come una freccia con il bersaglio. Un alito di vento che ti porta lontano in una meravigliosa giornata di sole.


Il racconto più emozionante “Stanze”. Vi lascio con una frase che ho condiviso su Facebook mentre lo leggevo: “Le fiabe servono a spiegare ai bambini che i draghi possono essere sconfitti”

3 commenti:

  1. ...oppure si può fare amicizia con loro. Vabbè, io sono di parte, perché amo i draghi e non ci sono solo quelli brutti e cattivi.
    A parte gli scherzi, ho appena inserito il libro nella wish list, visto che ultimamente mi sto appassionando molto alle raccolte di racconti. La brevità è affascinante quanto il respiro ampio del romanzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che ti rimane attaccato come quello di Romagnoli! ;)

      Elimina
    2. Allora lo evito ancora per qualche settimana...devo solo leggerne altri 150, prima.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...