lunedì 6 febbraio 2017

Leggere ... volare ... vivere!#31 - Le otto montagne


SimoCoppero

Non potevo scegliere compagni migliori di quelli che mi hanno tenuto compagnia in questo inizio anno. Mai avrei potuto pensare di poter tornare a leggere con così tanta passione.

Faccio una premessa prima di buttarmi a parlare di questo romanzo: io amo la montagna, la amo incondizionatamente come la piscina, sono i due luoghi che cerco con tutta me stessa quando ho bisogno di stare con me. Chi mi frequenta spesso mi sente dire “io scappo, in una baita, in mezzo al bosco, con una capre e la compagnia degli orsi”. Amo la montagna non commerciale, quella fatta di zaini, di partenze mattiniere dove i colori dell’alba iniziano a essere più vivi, di silenzi durante il cammino e di ascolto della natura, di animali che ti studiano da lontano ma che percepiscono che non sei un pericolo, di punte che ti aspettano dopo la fatica.

Le otto montagne non è solo un romanzo, è poesia, è umanità, è montagna, la mia montagna. Scritto con la passione che solo chi la ama così tanto può avere nel descriverla in modo così sublime, come il pittore con la sua migliore tela.

L’amicizia che nasce tra due bambini, che cresce tra torrenti, alpeggi e baite diroccate, i prati, gli animali, le camminate, che cresce con il passare degli anni pur prendendo i due ragazzi strade di vita diverse, per poi ricongiungersi e allontanarsi di nuovo. Ho pianto leggendolo, mi sono commossa, mi sono emozionata, ho rivissuto una montagna che per tanti versi non esiste più, che è stata soffocata con l’incalzare del progresso e della comodità.

Grazie all’autore per questo viaggio durato duecento pagine circa, grazie per avermi portata nel Grenon e ai piedi del Monte Rosa, a Grana, nell’alpeggio di Bruno, dove mungere le mucche e produrre tome è stata sopravivvenza. E’ veramente stato unico e bellissimo.


La copertina può essere compresa appieno solo dopo aver letto il libro e la trovo azzeccatissima. Alla prossima avventura Paolo Cognetti e infinite grazie.

1 commento:

  1. Non è facile stare soli con sè stessi ma per essere equilibrati davvero bisogna essere in grado di fare anche questo. Non si può essere dipendenti sempre dalla presenza di qualcun'altro
    Sicuramente posti magici quelli di montagna dove la solitudine si trasforma in tranquillità ed ammirazione di quanto compiuto dalla natura
    Sembra un libro interessante. Un saluto un bacione ed un voto in Net Parade

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...