lunedì 14 luglio 2014

L'Amanita#45 - Il figlio del cimitero

Il figlio del cimitero
Neil Gaiman

Ogni mattino Bod fa colazione con le buone cose che prepara la signora Owens. Poi va a scuola e ascolta le lezioni della signorina Lupescu. E il pomeriggio passa il tempo con Liza, sua compagna di giochi.
Bod sarebbe un bambino normale. Se non fosse che Liza è una strega sepolta in un terreno sconsacrato. La signorina Lupescu una belva dai canini affilati. E la signora Owens è morta secoli fa.
Bod era ancora in fasce quando è scampato all’omicidio della sua famiglia gattonando fino al cimitero sulla collina, dove i morti lo hanno accolto e adottato per proteggerlo dai suoi assassini.
Da allora è Nobody e grazie a un dono della Signora sul cavallo grigio può comunicare con i morti. Dietro le porte del cimitero nessuno può fargli del male, ma Bod è un vivo e il richiamo del mondo oltre il cancello è forte. Un mondo in cui conoscerà l’amicizia dei suoi simili, ma anche l’impazienza di un coltello che lo aspetta da quattordici lunghissimi anni…

Ma non solo.
Ci sono le lezioni dei vari defunti, l’Incursione Onirica sarebbe una tecnica utile. A volte piacerebbe anche a me. Quasi quanto lo Svanimento: “Sono una porta vuota, sono un vicolo deserto, sono nulla. Gli occhi non possono vedermi, gli sguardi non mi noteranno”…
C’è lo Sleer, inquietante guardiano della tomba più antica del cimitero. Sospetto abbia a che fare con i celti. Sibila come la Voce della Noia di un personaggio della Bertola, ma questa è la prossima storia.
Indimenticabili: la Porta dei ghoul e la notte della macabradanza o danza macabra (consiglio per l’ascolto: la “Danse macabre” di Camille de Saint-Saëns).
Un libro in cui il concetto di vita e morte subiscono un capovolgimento e la morte appare come un passaggio verso una vita diversa.
Bella lettura estiva anche se non avete dieci anni.
E anche non estiva.
È bella e basta.
Non si fosse capito, amo Gaiman.
Punto.


Loredana, riesci a fare un post musicale con collegamento orchestrale? 

4 commenti:

  1. …e la macabradanza? Voglio la danse macabre, ecco ;-)!

    RispondiElimina
  2. Io credo che lo amerò a breve, Gaiman...già con Pratchett e la sua Buona Apocalisse a tutti si sera formato un bellissimo rapporto, ora credo che andrà avanti con questo libro e si svilupperà con gli altri...

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...