martedì 26 gennaio 2016

Dialoghi con l'Amanita#16 - L’Amanita, i distillati e le associazioni di idee

LoreGasp e L'Amanita

Neurino-mio, ormai lo avrete capito, è un tipaccio pericoloso (la voce astiosa dell’Amanita supera la censura: no, non è sempre ubriaco, i distillati del titolo sono quelli di qualche post fa, maligni!). E meno male che è l’epigono di una gloriosa stirpe di neuroni, se fosse in compagnia… forse dovrei domandare a LoreGasp.

Loredana, ero nociva quando ci siamo conosciute?

O forse ci siamo contagiate reciprocamente – sì, il risultato è quello che è, ma non è il caso di mettersi a cavillare ora che abbiamo ampiamente superato il bel mezzo del cammin di nostra vita…


Dicevo.

Spesso le mie associazioni di idee hanno qualcosa di inquietante: mentre stavamo disquisendo su Oscar Wilde, Neurino mandava segnali. E finalmente ho decodificato…

24 dic. L’Amanita scrive:
Tra l'altro – sempre per restare in atmosfere natalizie – mentre rimuginavo su Dorian Gray, Neurino ronzava... dopo che ho spedito il post, s'è illuminato d'immenso (esagerata!) e ha sbottato: dottor Jekyll!

Ora vado a "ravanare" nel doppiofondo dello scaffale.

Forse la scintilla è lo “sdoppiamento” di Dorian Gray: il ritratto diventa in qualche modo l’anima corrotta dell’uomo (mugugno de L’Amanita: un oggetto che accoglie l’anima… allora la signora Rowling non ha inventato un bel niente. Sì, d’accordo, gli horcrux di Voldemort sono un po’ più elaborati, ma alla fine… omamma, un’altra divagazione?!).

A quel poco che ricordo, nel romanzo di Stevenson lo sdoppiamento è fisico; grazie ad un esperimento scientifico, il dottore cerca di separare la sua parte oscura (guarda che accade anche in un episodio della serie classica di Star Trek: Kirk si sdoppia per colpa di un guasto al teletrasporto... Amani’, mo’ basta!), “traffica” con bene e male.

Così ho cercato il libro.

Ti permetto di svenire, Loredana: è una specie di distillato.

A mia discolpa, confesso che è in inglese. Anzi, forse ne hai uno anche tu – o lo hai avuto: lo usammo a scuola. Continuo a deplorare questa iniziativa, ma devo ammettere che i riassunti stranieri mi sono stati molto utili.

Desidero mettere in evidenza questo dettaglio; l’edizione semplificata – spesso fornita di note – mi permetteva di leggere un autore straniero, arricchire il vocabolario e nel frattempo “entrare” nella cultura di un altro paese. Erano a scopo didattico e mi hanno spinto ad andare a cercare i volumi originali e altri libri di autori che ho gradito; grazie a questa tattica ho affinato i gusti e ho ampliato la gamma delle scelte. Posso dire che sono stati uno strumento utile, anche se non hanno sostituito – e non potranno mai rimpiazzare – il libro originale.

Torniamo al dottor Jekyll. Ho cercato inutilmente la versione integrale in italiano. Dopo aver mangiato un po’ di polvere, sono giunta alla conclusione che non ho quel libro.

Forse non l’ho mai avuto; all’epoca trascorrevo interi pomeriggi in biblioteca, leggevo in italiano (anche) i libri legati al programma scolastico: tutti quei francesi, brrrr... evidentemente a scuola ci consigliavano quelle versioni. Il doppiofondo dello “scaffale del liceo” contiene parecchi libriccini in “lingua originale”; da Lazarillo de Tormes a Le Pére Goriot, da Chaucer ad Agatha Christie; ho perfino A Christmas Carol di Dickens!

Trascuravo allegramente altre materie e, tutto sommato, non ho avuto torto: seno, coseno e tangente continuano a non servirmi e “tangente”, per me, assume significati abbastanza ambigui.

Adesso son qua, distillato inglese fra le mani.

Provo a leggerlo...

Rispondo alla prima domanda, con una richiesta: definisci “nociva”. Perché se ti riferisci alle quantità industriali di libri che ho comprato dietro tuo consiglio, e le altrettante che ti sei procurata tu dietro mia istigazione, allora non possiamo parlare di nocività. Dobbiamo necessariamente riferirci ad un’elevata e persistente tossicità. Nemmeno un cesto di Amanite potrebbero provocare i danni estesi ed irreversibili che noi abbiamo arrecato ai portafogli di casa, nel corso degli anni.

Una volta stabilito questo, posso dire che sono riuscita a non svenire, quando parlavi di distillati. Ho usato anch’io quei libretti (non è che frequentavamo lo stesso liceo, e la stessa classe, eh?) in inglese, riduzioni dei classici delle letterature straniere che studiavamo. In quel caso, non mi sentivo insultata, anzi. Mi piaceva l’idea di entrare un pochino per volta in un posto nuovo, che non era ancora casa mia. E poi c’era la questione della lingua, che non era ancora nostra. Certo, una volta passata la soggezione, si ringrazia il libretto, lo si mette via e si corre a prendere l’originale senza tagli o riduzioni di sorta.

Per quanto riguarda lo sdoppiamento…credo che se l’Amanita fosse lasciata libera di mugugnare, scoprirebbe altri esempi. E’ un argomento affascinante, questo. Il rapporto con la vecchiaia, con la propria parte oscura, le proprie tendenze negative. Del resto, non andava di moda accettare il proprio buio…a seconda dei periodi, se mai ci si arrischiava a raccontarlo pubblicamente, ci si poteva ritrovare in mezzo a fascine ardenti, o infagottati in comode camicie legate sulla schiena.

Per cui, condanna a tutto spiano del lato meno luminoso, meno nobile…che si traduce in sdoppiamento, quasi a volere allontanare a tutti i costi da sé una parte che, volenti o nolenti, non si può tagliar via come un ramo secco. Anche perché…dove si troverebbe questo lato oscuro, fisicamente? Non è un braccio, una gamba, un pezzo di pelle in più.

Ora attendo le tue elucubrazioni dopo aver finito di leggere il distillato inglese tra le mani.

Altrimenti...chi ferma le mie?

4 commenti:

  1. Ti avviso che hai solleticato Neurino. Di nuovo! Sì, l’amico è suscettibile ;-)
    Siamo complicati: luce-ombra, male-bene, spirito-terra, in un guazzabuglio affascinante e a volte fastidioso.
    Bizzarro: ultimamente va di moda l’esaltazione del lato oscuro… non sono molto informata di tv&cinema, ma mi pare abbiano toccato anche i “buoni storici” come Superman (il “vero” era perfino incapace di dire bugie) o, stando alle chiacchiere con alcuni amici, Batman (o era l’uomo ragno? Ma!).
    Mi hai fatto pensare anche a Gulliver; o i romanzi di Verne e Salgari. Adesso devo capire perché…
    …elucubreremo insieme! Forse questo ti aiuta a comprendere il mio “essere nociva”.
    (Intanto ho ricordato che il mio inglese è parecchio fragile, fatico anche col distillato... frequentavamo la stessa classe? O bastalà!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e mi fa oltremodo piacere aver stimolato Neurino, per cui non vedo l'ora di elucubrare di nuovo!
      In effetti, il lato oscuro esaltato dei supereroi riguarda Batman, soprattutto. Non sapevo di Superman. E io, ovviamente in contrasto sui tempi, non condivido l'esaltazione attuale del lato oscuro, che invece mi interessava qualche tempo fa. Quanto mi piace essere di nuovo bastian contraria...! :-D
      Attendo...

      Elimina
  2. Sicuramente un libro che merita - e che dovrebbero leggere tutti
    Dr. Jekyll e Mr. Hide di Stevenson. Un gran lavoro .... che dimostra come in qualsiasi persona esiste il bene ed il male, il buono ed il cattivo il lato illuminato e quello buio.
    Ma sicuramente un gran bel libro :-)
    Un saluto spero che passerai a trovarmi. Votato per il tuo blog in Net Parade
    Buona giornata e migliore continuazione di settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un bellissimo tentativo, tra le altre cose, di dare una spiegazione al male e del perché si manifesta sulla terra con così tanto potere e dolore. Purtroppo senza riuscirci fino in fondo...ai quei tempi prevaleva l'intento di separare, più che di conciliare, capire e comprendere all'interno di qualcosa di più ampio.
      Oggi, probabilmente, si scriverebbe in modo diverso, chissà?
      Certamente passo a trovarti quanto prima, Arwen, e a votare il tuo bellissimo blog rasserenante. Grazie della tua presenza e buona giornata!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...