venerdì 29 gennaio 2016

Le perle di Loredana#3 - Sebastiano Vassalli - Io, Partenope

LoreGasp

Questa è una perla WeekendOut di cui sono particolarmente orgogliosa. (Se volete ascoltare l'intera puntata, tuffatevi qui). L’ostrica da cui è uscita è un autore è di origine piemontese, ed è un nome piuttosto importante, che ci ha lasciato nel luglio dell’anno scorso, dopo una produzione lunga e molto rispettata.

Si tratta di Sebastiano Vassalli e del suo romanzo Io, Partenope. E’ un libro che mi è sfuggito nella precedente edizione dedicata alla Campania e alla sua letteratura, e che sono stata particolarmente felice di riacciuffare per costruire il gioiello attuale. Partenope è il nome di una splendida ninfa che si lasciò morire per una delusione d’amore, proprio in prossimità delle coste della Campania dove venne sepolta. A suo perpetuo ricordo, quelle terre, e poi l’intera regione, presero il suo nome.

Cercando in rete ho scoperto tante versioni di questa leggenda dolceamara, secondo cui la bella Parthenope sarebbe stata una fanciulla dotata di grande fantasiae introspezione, una dea, o una ninfa sedotta e abbandonata nientemeno che da Ulisse (e non era nuovo a imprese di questo genere…ne ha spezzati di cuori di ninfe, costui, mentre cercava la strada di casa!). 

Alcuni la considerano la fondatrice vera e propria della città di Napoli; in ogni caso, si dice che, per quanto abbia perso il suo corpo fisico nella notte dei tempi, il suo spirito e le sue forme rivivano in tutte le donne napoletane. Se mi soffermo a pensarci, in fondo…mi sembra di poter distinguere una scintilla dell’antica ninfa nelle donne di quella regione che ho conosciuto io.

Con queste premesse, potevo forse trascurare la perla campana più fulgida di tutte, quella che ha dato origine ad un’intera regione?

Il romanzo, tuttavia, non verte sulla ninfa della leggenda, ma su una donna, altrettanto splendida e piena d’amore quanto lei. Si tratta di Giulia De Marco, una suora nata in un piccolissimo paesino tra i monti molisani, da genitori poverissimi e disattenti, all’incirca nella seconda metà del XVI secolo. Quando cresce e diventa adulta, e scopre la propria missione di vita, si trova a vivere tra Napoli e Roma, in un periodo particolarmente difficile per le donne e per la fede. Soprattutto il modo di vivere la fede: un’interpretazione sbagliata, un respiro in più che fosse percepito come un attacco alla religione dei Papi, e ci si ritrovava sepolte vive in oscuri carceri sotterranei o in mezzo alle fascine di un rogo.

Siamo nel periodo oscuro in cui moltissime donne persero la vita per accuse di stregoneria o, se fortunate a sufficienza da conservare la vita, costrette a reprimere la loro espressività, e a uniformarsi a rigidissime regole d’osservanza religiosa.

Giulia De Marco, che quando diventa suora prende il nome di Suor Partenope, per una ragione ben precisa, sfida con la sua immensa semplicità, che le deriva da un rapporto spirituale molto forte con Dio, nientemeno che il Sant’Uffizio. Uno dei suoi nemici, spaventato dalla forza di questa donna meravigliosa arrivata dal niente sociale, armata solo dei suoi sentimenti, di una preghiera dalla spinta davvero divina, non è nientemeno che il Papa.

Per contrasto, tuttavia, uno dei suoi sostenitori più forti è un altro nome potente, Gian Lorenzo Bernini. Proprio quel Bernini, colui che è stato considerato l’espressione massima del Barocco artistico, e che subì ferocissime critiche e contestazioni anche a causa della sua famosissima statua sull’estasi di Santa Teresa. Troppo carnale, troppo lasciva, un insulto a Dio. Secondo alcuni. Non particolarmente aperti mentalmente e spiritualmente, aggiungo io.

Riuscirà Giulia Suor Partenope a vincere questa sfida? La risposta nelle pagine del libro, dove risuona la sua voce. E’ una sorta di diario intimo raccontato allo stesso autore, che s'immagina mentre avvicina la suora ormai anziana alle porte della chiesa dove stava entrando a pregare. Poco importa se ci sono diverse centinaia d’anni a separarli…non ce ne accorgiamo minimamente. Lo stile è proprio del racconto lasciato ai posteri, attraverso un’Anima amica e partecipe dei sentimenti del narratore, che non ha bisogno di molte spiegazioni o dettagli.


E’ un romanzo, pieno, intenso, dolce, amaro, espresso in un linguaggio semplice e scorrevole, nostro. Ha il grandissimo pregio di riportarci tutti alla dimensione giusta, quella del nostro cuore, e della nostra spiritualità più immediata, quella priva di tinte o di etichette religiose. Consiglio questo romanzo soprattutto ai lettori “mistici”, quelli che amano immergersi in se stessi, ma anche a quelli che amano osservare i propri simili, e sentono l’anima nascosta della Natura e dell’ambiente circostante. 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...