Un libro in evidenza


Il re e il suo giullare – Un’autobiografia  davvero “reale”.

Dopo aver recuperato il libro sulle sei mogli di Enrico VIII, non potevo non interpellare il diretto interessato, o chi lo fa vivere in modo magistrale, come Margaret George. Scopro proprio adesso, in tempo reale, che ha appena pubblicato un romanzo su un’altra delle mie eroine giovanili, Elisabetta I d’Inghilterra, la magnifica figlia di Enrico VIII. Inutile dire che è già stato incorporato nella mia lista nera, e lo aspettavo da tempo… Il re e il suo giullare uscì nel 1986, dopo almeno quindici anni di lavoro e composizione continui, sostenuti da tre soggiorni in Inghilterra e la lettura di fiumi di scritti dei contemporanei del re. Una cattedrale di autobiografia: una definizione che sarebbe piaciuta all’Henry Tudor, e al suo desiderio di compiere grandezze e di lasciare un ricordo magnifico nella storia. Così avvenne…anche se per motivi diversi da quelli agognati. In questo libro, vestiamo la carne di Enrico, parliamo la sua lingua e pensiamo i suoi pensieri: in forma di diario scritto nei suoi ultimi giorni di vita, ripercorriamo tutti gli eventi che l’hanno composta, dalla sua primissima giovinezza vissuta accanto a un monarca che accidentalmente era anche suo padre, fino agli ultimi respiri tormentati dall’incertezza di non aver compiuto tutto il suo dovere, di avere sbagliato troppo, cambiato troppo, voluto troppo. Siamo sotto i dieci anni e ci esaltiamo della futura carriera di ecclesiastico (sicuramente cardinale), tutta da passare al servizio e alla lode di Dio, che il nostro freddo padre calcolatore ha calcolato e progettato per noi, che siamo il figlio secondogenito. Incontriamo una giovanissima Caterina d’Aragona, fresca, dolcissima e inconsapevolmente sensuale, futura sposa del nostro fratello maggiore ed erede al trono Arturo, e ce ne innamoriamo perdutamente, smentendo così clamorosamente il fervore che pochi istanti prima riservavamo solo a Dio. La seconda voce del libro, che parla in sottofondo e commenta la nostra principale, è quella del buffone di corte, Will Somers, che riporta il distacco oggettivo dell’osservatore lontano su alcuni avvenimenti particolari che bruciarono più a fondo nello spirito di Henry. E che spesso servono a riportare noi, lettori, alla nostra dimensione di osservatori lontani nei secoli e nei luoghi, alleviandoci la fatica di impersonare il re, e anche un re intenso e complicato come questo.  Ci lasciamo stregare da Anna Bolena, la odiamo e la gettiamo al suo destino, maledicendola. Impariamo la scaltrezza e a scegliere collaboratori senza scrupoli, che ci sostengano nei nostri progetti. Combattiamo i Francesi, disprezziamo gli ambasciatori spagnoli e gli emissari papali. Ci torturiamo nell’angoscia di un erede maschio che non arriva, ci lanciamo in un rapporto tormentatissimo con la divinità che ci punisce ad ogni istante, arriviamo a urlare contro Dio perché fa ammalare il nostro corpo forte e bellissimo, che noi credevamo quello di una creatura semidivina. E ci lasciamo accecare da una ragazzina vogliosa e avventata, che eleviamo a regina di Inghilterra, ma che avremmo dovuto lasciare nei corridoi del palazzo reale a scaldarci il letto occasionalmente, e nulla di più. Non abbiamo capito, ormai cinquantenni pieni di rimorsi, in cerca di riscatto e in lotta contro l’invecchiamento, che un’adolescente troppo sveglia e pronta a buttarsi nei balli e a bearsi degli ultimi pizzi francesi, non avrebbe potuto maturare in una regina forte e di polso semplicemente portando un manto e una corona per qualche mese. Sbagliamo ad ascoltare gli intrighi degli interessi altrui, condannando ad una morte orribile un consigliere intelligente, scaltro e fedele, che aveva il torto principale di portare un nome comune, e di aver esagerato nel difendere i nostri interessi, e a scagliarsi contro il partito della vecchia chiesa cattolica. Abbiamo una missione, ne sentiamo il peso sempre di più, ma cerchiamo con ogni forza di portarla avanti. Perdiamo i nostri pochi amici, e diversi pezzi di cuore per questo motivo, perdendo interesse per tutto il resto. Alla fine del libro arriviamo stanchi, stralunati, mentre Will racconta gli ultimi giorni del re, in piena decadenza, rievocando l’atmosfera difficile e ansiosa creata da un monarca quasi impazzito a causa dei suoi problemi di salute, e dalle fazioni dei suoi cortigiani rivelatisi nel loro vero aspetto di iene, che attendevano solo il momento di avventarsi sul trono instabile, privo di un vero erede riconosciuto. In poco meno di mille pagine abbiamo vissuto una vita spossante, piena, intensa, crudele, disprezzabile, magnifica, invidiabile o da evitare: di sicuro, non ci ha lasciato indifferenti.

8 commenti:

  1. questo libro mi era proprio sfuggito, grazie!
    ma soprattutto dal modo in cui ne parli mi hai fatto venire una gran voglia di leggerlo, sembra davvero interessante.
    dopo il libro della Fraser leggerò sicuramente questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava: così potrai vivere gli stessi avvenimenti da due angolazioni diverse. Vivrai davvero Enrico VIII...
      Tuttavia, devo dirti che non è finita qui, con i Tudor: c'è un'altra lettura collaterale che presenterò tra poco, e che secondo me potrebbe piacerti alquanto. :-)

      Elimina
    2. che bella notizia, aspetto di sapere quale sia!!!! :D

      Elimina
    3. Lo anticipo, perché passerà poco tempo prima che lo inserisca: Il diario segreto di Anna Bolena, Robin Maxwell. Tra le sue fonti, compare proprio il libro che hai anche tu, la biografia di Erickson Carolly...:-D

      Elimina
    4. ne avevo sentito parlare e mi aveva incuriosita, ma l'avevo completamente rimosso.. quindi aspetto di sapere cosa ne pensi! ^^

      Elimina
  2. ...ma che meraviglia questo "letture collaterali"!
    (ho appena preso il caffè e ho visto ora il nuovo spazio...:-D)
    No, non mi sembra di avere letto questo. La lista s'allunga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa parte della riorganizzazione del blog. :-D
      Ne aggiungerò a breve...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...