mercoledì 31 luglio 2013

Le fiabe di Beda il Bardo – Dopo Harry Potter, ma ancora non Seggio vacante.

Oggi, 31 luglio, ricorre il compleanno anche di J.K.Rowling, l’iper famosa creatrice di Harry Potter, e del suo successore (anche se di settore diverso) Barry Fairbrother. Anche di questa donna e della sua saga principale, si è detto tutto, e il contrario di tutto. L’hanno persino fatta comparire in un episodio dei Simpson. Per menzionarla qui, dopo Primo Levi, ho pensato all’unico libro che ancora non avevo letto di lei, Le fiabe di Beda il Bardo. E’ un libro che la Rowling ha scritto per sostenere l’opera del Children’s High Level Group, associazione da lei fondata insieme alla Baronessa Nicholson di Winterbourne, Membro del Parlamento Europeo, per aiutare i bambini “istituzionalizzati”. Si tratta di quei bambini che vivono in grandi istituti di accoglienza in tutta Europa, che però non sembrano ricevere tutto l’aiuto e l’accoglienza di cui avrebbero davvero bisogno. Il nome nel titolo mi aveva colpito perché è realmente esistito un Beda, diventato famoso per la sua Storia ecclesiastica degli Angli e degli Iuti, più nota come Historia ecclesiastica gentis Anglorum. Poiché si tratta di un monaco, passato alla storia come un grandissimo storico, mi sembrava troppo serio come scrittore di fiabe. Con la Rowling, tuttavia, niente è mai come sembra...tuttavia, è sufficiente aprire il libro e vedersi fugare gli ultimi dubbi. Nella sua introduzione, la scrittrice parla di queste fiabe come creazioni di maghi e streghe per i propri figli, distinguendoli subito da qualunque confusione con quelle dei Babbani per la loro prole babbana.  Niente Cappuccetto Rosso, Bella Addormentata o Tre Porcellini, o niente di simile. Beda il Bardo fu un personaggio vissuto nel XVI secolo, un mago, di cui rimane un’unica xilografia che lo ritrae coperto da una barba particolarmente rigogliosa, e pochissime altre notizie biografiche. Naturalmente, non dimentichiamoci che è la Rowling a parlare di questo personaggio...e lei non è nota per essere una storica accurata come Beda Il Venerabile. :-D
Essendo fiabe per piccoli maghi e streghe in crescita, le tematiche affrontate sono un po’ diverse, almeno in apparenza. Ognuna di esse viene commentata nientemeno che da Albus Silente, il saggio Preside della Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, la versione Rowling di Gandalf. No, non sto facendo confusioni o colpevoli sovrapposizioni: questo mago inevitabilmente mi ricorda lo Stregone Grigio, che al momento si è eclissato a Moria con il Balrog. In un gioco abbastanza ironico e divertente, la scrittrice introduce alcuni commenti ai commenti di Silente, a beneficio dei Babbani, che potrebbero non capire o ignorare alcuni termini. Quando si inizia a leggere le fiabe, si capisce quanto le etichette “per maghi” “per babbani” vengano pian piano a sbiadire, fino a perdere di significato. Ognuna è un gioiellino di atmosfera, di sentimenti repressi, di oscurità sanguinolenta appena accennata, di doppiezza, come già era emerso piuttosto bene nella saga Potter. Il mago e il pentolone salterino mostra come l’alterigia e lo snobismo verso “gli altri” si trasformi in persecuzione, quando il giovane mago prepotente figlio del vecchio mago buon samaritano si rifiuta di aiutare i Babbani in difficoltà. Solo quando accetta la responsabilità di avere un potere e di doverlo usare per il bene di tutti, e non tenerlo gelosamente per il proprio tornaconto personale, la vita ritorna normale e rilassata. La fonte della buona sorte è uno scherzo ironico, dove tutti i tasselli scombinati del mosaico vanno al proprio posto con naturalezza e un pizzico di ironia. Le tre streghe protagoniste chiedono aiuto, faticano, disperano, e non si rendono conto che è proprio la loro intraprendenza e la loro crescita interiore a determinare i cambiamenti desiderati. Lo stregone dal cuore peloso ha un risvolto splatter che potrebbe piacere anche a Dario Argento. Il giovane stregone protagonista è convinto di poter mettere al riparo il proprio cuore dall’azione dell’amore, che egli percepisce come umiliazione e indebolimento. Per un certo periodo sarà anche così, e riuscirà nel suo intento. Ma un inaspettato giudizio negativo lo fa impazzire di rabbia, e invece di imparare la lezione, provocherà la propria rovina. Baba Rapa e il ceppo ringhiante è la denuncia della stupidità e dell’ipocrisia, che si annidano proprio in quelli che si ergono a paladini di qualcuno o di qualcosa. Il Re stolto della fiaba odia maghi e streghe, li fa bandire perché in realtà vuole essere l’unico mago del regno.  Questa volontà cieca di auto-affermazione gli fa fare la figura del perfetto stupido (e incoerente, aggiungerei), quando cade preda di un cialtrone avido ma non sufficientemente sveglio. Ne La storia dei tre fratelli si parla dei doni della Morte, un bel riferimento abbastanza trasparente a Harry Potter e ad alcune vicende della sua vita. Tre maghi fratelli scampano alla morte grazie ai loro poteri, e la Signora con la Falce accorda loro un premio ciascuno per essere riusciti  a gabbarla. Due dei tre pensano di poterlo fare ogni volta che vogliono, e di poterne uscire vincitori per sempre grazie ai premi. Le conseguenze dei loro comportamenti sconsiderati vanno in direzione completamente opposta. E il terzo fratello? E’ quello più saggio, meno incline a vanterie sproporzionate, ed è anche l’unico che inganna la Morte sul serio, per diverso tempo, almeno apparentemente.

Come si vede, tutti i protagonisti sono rigorosamente maghi e streghe, e si trovano davanti a difficoltà e problemi da superare. Usano incantesimi e bacchette, e questo li avvantaggia. Ma i sentimenti e i comportamenti dettati da questi, sono molto, molto umani. E li avvicina ai Babbani. Bacchetta o meno, l’amore e la morte arrivano e si fanno sentire, in ogni caso, in ogni condizione, in ogni punto della scala sociale. A questo punto, di che utilità è la distinzione tra maghi e babbani?

20 commenti:

  1. sei una scrittrice straordinaria ( credimi non faccio falsi complimenti ) riesci ad incantarmi con le tue parole come solo i libri che amo sanno fare ... dovresti scrivere davvero un libro io sarei una tua lettrice accanita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!

      Mi fa molto piacere il tuo apprezzamento!
      Se mi metto a scrivere, ti manderò il manoscritto in anteprima...^__^

      Elimina
  2. Complimenti sei molto brava!!!

    RispondiElimina
  3. ogni volta che leggo i tuoi articoli mi incanto.. complimenti!

    RispondiElimina
  4. Quella del cuore peloso mi aveva fatto pensare al ritratto di Dorian Gray – leggermente più splatter, già. E la mia preferita è Baba “Rava”: quel ceppo (arrivano anche i ceppi “spifferoni”, non bastano i vicini di casa ;-)!) mi era simpatico.
    Sai cosa mi ha colpito? Ho sbirciato HP in lingua originale e quando racconta la storia dei “Deathly Hallows”, LA morte diventa “He”. Egli. Se il clima non avesse messo ko Neurino-mio, mi lancerei in un’elucubrazione pazzesca su questa “sfumatura linguistica”.

    Vero: alla fine babbani e maghi sono tutti umani!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, sull'elucubrazione, puoi sempre farlo, con calma, con i tempi di Neurino. Chi ci corre dietro? ^__^
      Da noi la Morte è vista come la Signora della Falce, femminile. Nei paesi nordici, è un dio. Buffo, eh?
      Non saprei dire quale sia la mia preferita, ma mi sono piaciute moltissimo quella della fonte e della Morte. Sono...sarcastiche, quasi.

      Elimina
  5. Non hai idea di quanto mi sia piaciuta questa tua recensione, è talmente avvincente che ho timore che possa piacermi addirittura più delle fiabe!
    hihihi Ovviamente scherzo!!! Ho letto tutta la saga di Harry per cui questo di sicuro potrebbe piacermi..
    IMPOSSIBILE FERMARE I BATTITI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, se ti è piaciuto Harry Potter, questo libro non potrà che ricordartelo, così lo apprezzerai anche meglio. Ci sono diversi riferimenti ad altri personaggi della saga, per cui si ha la sensazione di non aver mai lasciato Hogwarts, in fondo.

      Elimina
  6. Ciao Loredana,
    mi sono gustata fino a l'ultimo, questa tua bellissima recensione!
    Complimenti riesci a farci vivere emozioni attraverso quello che scrivi!

    Buona serata da Antonella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      E' troppo tardi per una buona serata, ma almeno buona giornata riesco a dirtelo.
      A presto!

      Elimina
  7. E' da troppo tempo che rimando la lettura di questo libro, posso dare la colpa agli esami e agli impegni ma in realtà è una mancanza imperdonabile!
    Dopo questo post ecco che devo davverlo comparlo, la mia Jo non merità tale trascuratezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo il periodo per leggerlo, dopo gli esami e gli impegni: rilassa la mente, la diverte, e fornisce anche qualche spunto di riflessione, ma non troppo pesante...:-)

      Elimina
  8. Sono una grande ammiratrice di J.K.Rowling, penso che sia una scrittrice davvero geniale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente versatile, anche. E ha un qualcosa di forte, di sicuro nella sua scrittura.

      Elimina
  9. Mi è piaciuta questa recensione, hai saputo mettere ben in rilievo lati positivi e negativi di questo libro. Purtroppo non l'ho ancora letto, quindi il mio commento si ferma qui :)
    A presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Non appena lo leggerai, torna a dirci le tue impressioni...

      Elimina
  10. Adoro tutta la saga di Harry Potter e ho letto anche questo libro insieme a quello sul quidditch e gli animali fantastici...sono una vera patita, si era capito?!? ahahahah

    Sabry Orecchini e gioielli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, brava che l'hai ricordato: a me mancano quello sul quidditch e sugli animali fantastici...ma è solo questione di tempo. Harry Potter e la sua congrega piace moltissimo anche a me. La prima cosa che ho pensato dopo aver letto i suoi libri, è che la Rowling parla di magia nel modo che piace a me, come se fosse una variazione leggermente insolita della realtà...che tante volte distanzia la fantasia, quanto all'essere insolita! :-D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...