venerdì 2 agosto 2013

Il segreto della libreria sempre aperta – Quasi un fantasy.

Probabilmente l’autore mi riderebbe in faccia, e anche di gusto, se leggesse questa mia definizione. Tuttavia, mentre ragiono su questo libro, che mi ha interessato e divertito molto, mi viene da pensare che sia riuscito a trovare il modo per scrivere un fantasy sotto mentite spoglie, intrecciando a perfezione elementi molto moderni, tra cui la presenza augusta e monumentale di Google. Sì, QUEL Google. La società fondata da Sergey Brin e Larry Page, due brillanti studenti innovatori che iniziarono a creare un motore di ricerca, per la catalogazione e il reperimento delle pagine, fotografie e materiale più interessante e meritevole della Rete, e finirono per dare vita AL motore di ricerca per eccellenza e ad una serie molteplice di servizi web come Blogger, che ospita anche le mie elucubrazioni da furia libresca. Perché parlo di fantasy? Il libro preferito del giovane protagonista, Claymore Jannon, ha un titolo che ha attirato anche la mia attenzione: Le cronache del canto del drago. Al punto da pensare se cercarlo o meno, in Google...Ritorniamo un momento al libro. Claymore Jannon, conosciuto più facilmente come Clay, è un giovane webmaster sveglio e dotato di senso di umorismo, che vive a San Francisco, dove porta avanti con entusiasmo il lavoro che ama, occuparsi del web marketing di un’azienda specializzata in bagel, focacce di pane molto apprezzate. La crisi mondiale scoppiata nel 2008 mieterà vittime nell’automotive, ma anche nel settore del fast food, costringendo l’azienda di bagel a chiudere dopo una breve e furiosa lotta per resistere, e rimettendo di colpo il giovane Clay sul mercato del lavoro, insieme a milioni di concorrenti. Dopo lo stordimento iniziale, diversi tentativi di ritornare a svolgere un lavoro digitale, Clay si arrende e si dispone a cercare, e accettare, un lavoro anche “fisico”, che gli permetta di sostentarsi e continuare a vivere in appartamento con i suoi due coinquilini, Matthew Mittelbrand, brillante tecnico di effetti speciali piuttosto strambo, e Ashley Adams, perfetta padrona di casa e imprenditrice modello. Dopo diversi tentativi a vuoto e un inizio strisciante di pessimismo disperato, Clay trova lavoro, al turno di notte, presso La libreria sempre aperta del Sig. Penumbra. Un negozio bizzarro, un titolare bizzarro, e anche un orario bizzarro. Ma così allettante...e verosimile, al punto che ho provato la tentazione di capire se esistevano davvero librerie di quel tipo, per mandarvi un curriculum. Inizia quello che sembra un banalissimo lavoro di commesso in una libreria, per quanto di notte: presentare e vendere i libri richiesti agli scarsissimi acquirenti che varcano la porta del negozio dopo le 20.00, fino alle 6.00 del mattino, circa. Poco dopo, iniziano le stranezze: esiste un settore della libreria, situato molto in alto lungo le pareti e raggiungibile solo tramite lunghe e pericolanti scale, che contiene libri da prestare, mai da vendere, e soprattutto, mai da sbirciare, a determinate persone munite di una determinata tessera, che ne fanno altrettanto determinata richiesta. Oltre ad annotare il giorno del prestito e il codice del libro, Clay riceve l’espressa istruzione di prendere nota dell’abbigliamento, dell’atteggiamento  e dell’umore dell’utente. Un circolo di lettori, quindi, che non acquistano i libri (almeno, non quelli) e che forse fanno parte di un esclusivo club di lettura, e sempre rigorosamente di notte. Si tratta soprattutto di lettori anziani, esigenti, compresi in qualche compito importante, che ogni tanto si fanno sfuggire frasi criptiche, che sanno di mistero iniziatico. La curiosità di Clay viene stuzzicata progressivamente, finché arriverà a violare la regola principale della libreria, ovvero mai sbirciare nei libri della sezione in alto che vengono concessi in prestito, e scoprirà la presenza delle tracce dell’autore del suo libro preferito, Le cronache del canto del drago. Non racconterò altro della trama, che vede iniziare una sorta di “ricerca” secondo i rigorosi criteri del fantasy, che deve condurre alla scoperta del segreto custodito da questa bizzarra libreria e dal suo sorridente e misterioso titolare, il sig. Penumbra. Come nella migliore tradizione di fantasy, il protagonista scopre alcuni indizi di questo segreto e chiede aiuto a validi aiutanti per portare a termine la sua missione, che si svolgerà tra librerie sotterranee e laboratori di Mountain View, la sede di Google. Viene costituita anche qui una Compagnia, che non protegge un anello, ma cerca un Libro in particolare, e i suoi componenti ricalcano le caratteristiche del condottiero (un amico di infanzia di Clay, gran giocatore di giochi di ruolo, e ora imprenditore digitale di successo), del mago (un tecnico informatico di Google, una graziosa ragazza sveglia e ambiziosa, per breve periodo fidanzata di Clay), e del guerriero senza paura (Matthew, “Mat” Mittelbrand, il creatore di effetti speciali non solo al pc). La ricerca è arricchita di una buona  dose di suspense sdrammatizzata dalle battute ironiche di Clay, e da colpi di scena per così dire “ridimensionati”: niente assassinii, furti, gesti eclatanti o sentimenti sopra le righe, ma il continuo intervento della logica e del buon senso che stempera tute le situazioni. Molti lettori vedranno anche qualche luogo comune che normalmente fiorisce nel settore: l’irrigidimento nella distinzione tra semplice lettore e “vero” lettore, la tendenza al settarismo, all’esclusione del nuovo ad appannaggio di un vecchio ritenuto più puro e significativo, il libro di carta contro quello digitale. Tendenze molto, molto umane, applicate ad un campo e ad una situazione che sono molto lontani dall’essere pericolosi o portatori di danni, e in questo si avverte anche il filo ironico che contraddistingue l’autore, e non solo il suo personaggio portavoce, Clay. La ricerca ha un risvolto serio, da missione, ma viene condotta con molto sorriso e buon senso, tant’è che darà frutti positivi per tutti coloro che sono coinvolti, senza perdite, né umane, né di alcun genere. Ho letto questo libro come la dimostrazione, in chiave divertente e rilassata, di come gli esseri umani riescano a fare di un gesto semplice, o di un’intenzione aperta, qualcosa che assomigli ad una tragedia. E un semplice invito, in sottofondo: viviamo più sereni!

13 commenti:

  1. Comincio ad essere dubbiosa riguardo questo libro. Speravo tanto in bene, ma ne parlano tutti male. E se tu, proprio tu, me lo cataloghi come "quasi un fantasy", comincio a credere che dovrò eliminarlo dal mio Kobo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me, la definizione "quasi un fantasy" ha un significato positivo. E questa è la lettura che ho voluto dare io di questo libro che mi ha fatto divertire, poiché è pieno di elementi che mi piacciono e che s'intrecciano in modo ironico, piuttosto scanzonato. E'un continuo arrivare vicino alla "tragedia", e poi evitarla, con la sdrammatizzazione, il ridimensionamento. Sottolineo, però, che questa è la mia lettura, completamente personale: io sono andata a cogliere la leggerezza, l'ironia.
      Concediti di iniziare a leggere l'incipit del libro: essendo tu una lettrice attenta e sensibile agli autori, potrai capire con facilità se è un libro che fa per le tue corde oppure no. :-) E se non scatta feeling...il tuo Kobo se ne prenderà cura, con l'"archivio definitivo"! :-)

      Elimina
  2. Laura
    noooooo, non farlo!
    Non sarà il capolavoro del nuovo millennio, ma può regalarti un paio d'ore divertenti.
    Io lo avrei definito una parodia fantasiosa di alcuni generi letterari: è molto ironico, "capti" subito che lo stesso autore non si prende troppo sul serio o almeno, a me è successo questo. Poi, se non scatta la simpatia, segui pure le indicazioni di Loredana (sai com'è: de gustibus...)

    RispondiElimina
  3. Interessante: bell’accostamento di post. Me ne sono accorta dopo, rileggendo con calma.
    Il segreto della libreria sempre aperta – con la sua “ricerca” scanzonata – e gli archetipi.
    La ricerca dell’immortalità nel primo e la ricchezza “nascosta” del secondo… e meno male che dici “il caldo mi mette ko”, ma quando mai ;-)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono inciampata negli Archetipi in FB, mentre stavo per chiuderlo e mandarlo bellamente a stendere, e non potevo lasciare lì quel post, che si collegava direttamente al post su Il Signore degli Anelli...:-D

      Elimina
  4. ciao molto interessante questo post e tutti i tuoi articoli... nuova follower, se ti va passa da me!
    http://biologicamentebio.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatto! Mi sono iscritta anch'io al tuo blog.

      Elimina
  5. Questo è un libro che ho in wishlist... e dopo questo post mi hai incuriosita ancora di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che quando lo inizi, non ti staccherai tanto facilmente...:-D

      Elimina
  6. Ciao, arrivo qui tramite Kreattiva.
    Anch'io adoro leggere, anche se, da quando ho aperto il blog lo faccio troppo poco.
    E mi piacciono i libri veri, quelli di carta, da sfogliare, toccare, annusare e guardare...oltre che leggere, ovvio.
    E non li voglio solo leggere, li voglio avere...per fortuna ho tanto spazio! =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti capisco!
      Io propendo per i libri in carta, anche se mi piace molto leggere in digitale. Io ho sempre avuto poco spazio, ora ne ho un po' di più, ma mi piace occuparlo all'inverosimile con tutti i libri che ho.

      Elimina
  7. Tra i tanti libri che ho in attesa, c'è anche questo titolo. Non ho ancora avuto il "coraggio" di iniziare la lettura a causa di alcune recensioni decisamente negative che mi hanno, non poco, scoraggiata D:
    Questo tuo post però sembra finalmente darmi un po' di speranza, grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di averti ridato la speranza...ho letto anch'io qualche recensione negativa, ma prima io devo rendermi conto di persona se un libro mi può piacere o meno. E questo aveva molti ingredienti che a me piacciono: senso dell'umorismo, tecnologia, fantasy (per quanto mascherato) e...una libreria sempre aperta. Io diventerei matta, se trovassi una libreria che osserva quell'orario. Dovrebbero chiamare le Forze dell'Ordine dopo una settimana, per convincermi a tornare a casa. :-D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...