domenica 23 aprile 2017

Antonio Giuseppe Malafarina – Poesia – Raccontare la vita

LoreGasp

Coloro che mi conoscono, sanno che io leggo raramente poesia. Per un senso di pudore, prima di tutto. Fin dai tempi scolastici, mi sono formata l’idea di non essere in grado di cogliere la delicatezza di sentimenti e la diversità di espressione tipiche dello scrivere in versi. Ho sempre visto l’arte della poesia come qualcosa da imparare, difficile, da levigare e che fosse ad appannaggio di pochi, sia di coloro che scrivevano, sia di coloro in grado di ascoltare e comprendere il loro linguaggio. Probabilmente risento della soggezione sempre provata verso poeti di altezza immensa (e ne abbiamo GIUSTO UN PAIO nella nostra storia letteraria) che oltre a padroneggiare un linguaggio elevato e colto, erano in grado di decifrare e indicare con chiarezza le sfumature dei sentimenti che li agitavano.

Inoltre, il mio atteggiamento un po’ spiccio mi ha sempre portato verso la prosa, il romanzo in tutte le sue forme.

Finché non arriviamo a questo libro dal titolo essenziale: Poesia. Messa da parte la soggezione per chi scrive in versi, mi sono seduta ad ascoltare, e non solo a leggere. L’autore è Antonio Giuseppe Malafarina, giornalista freelance dal 2011 e blogger del Corriere della Sera, come dicono le sue note note biografiche. Anche il titolo del suo blog, presso il Corriere della Sera, è veloce ed essenziale, Invisibili. Per ascoltare la sua voce, quando parla di se stesso, consiglio questo articolo. Oltre che nel suo libro, l'ho trovato davvero lì, in quelle parole.

Poesia è il racconto totale di una vita totale. L’autore dice di sé di non scrivere versi, ma versacci, ed è qualcosa che mi ha divertito e mi ha messo a mio agio. In questo libro, i suoi versi/versacci sono il modo in cui guarda la sua vita e il suo universo e lo trasmette a chi lo circonda. C’è tutto e il contrario di tutto, specchio esatto e preciso di tutto quello che può passare e sentire un essere umano che voglia vivere al completo. Cosa vuol dire, vivere al completo? Vuol dire fermarsi all’apparenza delle cose, e andarci oltre. Descrivere una bella donna di aspetto sensuale e farla sfumare nel rimpianto. Lanciare un pensiero al mondo virtuale di Facebook e prenderlo un po’ in giro, usando uno stile quasi da cantilena e gioco di parole. Non avrei mai pensato di trovare un riferimento al social network più amato e contestato della rete digitale, ma mi ha profondamente divertito e colpito il modo leggero e preciso in cui è stato descritto nelle parole giocose più adatte.

L’amore non manca, qui. E non sono solo donne, ammirate, vagheggiate e accarezzate, ma anche ritratti vibranti e un po’ dolorosi di un padre forte e ingenuo, e di una madre resistente al dolore. L’amore per se stesso, senza fili di compassione ingombrante e inutile per la propria condizione. Le descrizioni a lampi di luce forte dei paesaggi calabresi. Non mancano granelli di rabbia, che zampillano fuori in alcuni versi che descrivono le piccole accuse che ci si lancia addosso in una normale discussione. Ognuna delle poesie, circa un centinaio, è un frammento di forma diversa del flusso vitale: un ritratto visivo di donna, una rievocazione di profumi, una foto vecchia e mezza strappata, un brandello di conversazioni, di rumori. Ci siamo dentro, e al tempo stesso siamo fuori. Osserviamo, e al tempo stesso, viviamo.


È un libro di esperienza vitale: è come osservare un raggio di luce che si scompone nei suoi colori di arcobaleno quando passa su uno specchio, o su una frattura di vetro.  È difficile descriverlo, ma leggendo si può comprendere più facilmente, perché in quel caso si impara a viverlo.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...