lunedì 1 ottobre 2012

La libro-dipendenza - Sintomi e manifestazioni


Chi ha creato quest’immagine, è un genio, oltre che un libro-dipendente con i fiocchi. Scorrendo la lista, posso dire di aver manifestato la maggior parte dei sintomi, in modo più o meno accentuato. Per quanto riguarda le tre di notte tirate anche durante la settimana, ormai non ci faccio nemmeno più caso. Se il libro merita, l’orologio scompare dal mio orizzonte visivo. Quando frequentavo il liceo, accadeva spessissimo. In macchina non leggo mai: non sopporterei di essere interrotta da tutti quei semafori verdi. Leggere e ridere da sola: mio marito si preoccupa se non lo faccio. “Essere riconosciuta a vista da edicolanti, bibliotecari e librai”. Certo che sì. Nel corso degli anni, ho cambiato diverse librerie e biblioteche (solo per cause di trasloco) che ero solita frequentare, anzi “infestare”, ma una cosa è rimasta costante: lo sguardo eloquente del bibliotecario, libraio di turno (edicolante molto meno). “Rieccola. Stavo in pensiero”.  Proprio stamattina in biblioteca ho rivisto quell’espressione, e mi è venuto da sorridere. Vi sono mancata? Tranquilli, non vi abbandono. Siete più sollevati, ora che ve l'ho detto, eh? Insomma, una stalker nel DNA. Innamorarsi di un personaggio di fantasia? Come si fa a evitarlo? Il mio primo “innamoramento” serio per una di queste creature di carta fu per Boromir, il fratello di Faramir, il comandante delle Forze di Ithilien, ne Il Signore degli Anelli. Non riuscii a capacitarmi per giorni e giorni, quando lessi della sua morte. Fu la prima divergenza seria con lo spirito di Tolkien. Non riuscii a perdonarlo per diverso tempo. Il fatto che avevo solo 12 anni non conta. Oggi non mi innamoro più, ma di sicuro non gradisco quando i miei preferiti vengono uccisi. Normale routine, chiudere il libro e sapere, oltre che sentire, che la vicenda va avanti nella propria testa. Al numero 10, per completare, aggiungerei: "Reagire come un rottweiler a digiuno da mesi quando qualcuno ti porta via il libro dalle mani mentre stai leggendo". Tutto quello che capita al malvagio attentatore che si arrischia a strappare via un libro dalle mani  di chi lo sta leggendo, è pura e semplice legittima difesa. Non si fa, e basta. Con me non hanno provato una seconda volta, da quanto mi ricordo…J

4 commenti:

  1. N 10: odio chi legge “sulle mie spalle” (sono abbastanza tappa) alitandomi sul collo, magari proprio col mento sulla mia testa (grrr)

    e MAI (una sola eccezione) prestare, piuttosto regalo il libro…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...in effetti sembra piuttosto irritante. Io non m'infastidisco, però sicuramente il lettore a sbafo si adegua al mio ritmo di lettura, o niente. Tuttavia, è piuttosto difficile mettersi a leggere alle mie spalle: cambio posizione ogni dieci minuti.

      Elimina
  2. 10) annusare le pagine del libro
    11)piangere perchè il libro è finito e non sarà più oggetto delle nostre giornate (questo si ripete per ogni libro)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero e vero.
      Il profumo dei libri...sale dalle pagine e cattura, prima ancora delle parole che contiene.
      Anch'io ho consumato fazzoletti di carta (di nascosto, per non farmi portar via dalla neuro) dopo aver chiuso il libro. E mi sono domandata se non fosse necessario interpellare l'autore perché ne scrivesse subito il seguito.
      Grazie per il contributo! :-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...