giovedì 5 settembre 2013

Mondo senza fine – Avrei voluto che così fosse...

Un anno fa, in questi giorni, mi calavo tra I pilastri della terra. Pochi giorni dopo, uno dei miei amici di Facebook mi segnalò di non perdermi Mondo senza fine, l’ideale seguito del primo romanzo. Potevo far finta di nulla? No. E’ contro natura. Mi piacerebbe, anzi, che Ken Follett considerasse l’idea di scriverne un terzo, un seguito del seguito. Mentre aspetto, ho tutti gli altri suoi libri in elenco, e soprattutto The Century Trilogy. Torniamo pure al Mondo. Siamo di nuovo a Kingsbridge, nel periodo compreso tra 1327 e 1361. Iniziamo tremando al buio e al freddo all’interno della cattedrale, la mattina del 1° novembre 1327 assistendo alla messa di Ognissanti, insieme a quattro bambini in particolare, di età varia dagli otto ai dodici anni. Sono i fratelli Merthin e Ralph, Caris e Gwenda. I primi due discendono dal conte di Shiring, Richard, il fratello di Lady Aliena, e da Tom il costruttore (per parte di madre, tramite la sorella Martha) e da Jack lo scultore. Per quanto non sia importante rintracciare l’ascendenza, in questi due ragazzini si manifesteranno in modo evidente alcune caratteristiche dei loro avi, che li porteranno ad occupare certi ruoli all’interno del romanzo. In quel mattino così speciale, i quattro bambini incontrano un guerriero in pericolo, Thomas, che aiuteranno a loro modo a liberarsi di un pericoloso inseguitore. Merthin, soprattutto, dotato di un’intelligenza attiva e pronta, sarà esclusivo depositario di un segreto: il nascondiglio di una lettera scottante che, se scoperta, potrebbe rovesciare davvero il mondo.  Dopo quella mattina, saltiamo direttamente vent’anni ed entriamo nella vita quotidiana dei quattro personaggi principali e di tutti i comprimari, e impariamo a conoscerli molto bene.
Vediamo che Merthin, che avrebbe voluto diventare un soldato, è stato destinato ad un’altra carriera dal padre, ormai privo di tutti i suoi averi e costretto a diventare converso del florido priorato di Kingsbridge. È diventato apprendista carpentiere di Elfric, un mediocre costruttore pieno di sé e diffidente verso ogni innovazione, ogni tentativo di uscire dagli schemi. Fin dall’inizio è chiaro che non corre buon sangue tra i due: Merthin gli tributa un rispetto di facciata, ma si accorge bene dei limiti del suo superiore e del suo rifiuto di superarli e di crescere. Nella sua mente vive lo spirito sognatore e creatore di Jack lo scultore, colui che guardava il cantiere della cattedrale e la immaginava alta, forte e solida, e adoperava la propria intelligenza vivida per fare in modo che lo fosse sul serio. Disegna i suoi progetti, e scolpisce figure di legno leggere e piene di movimento. Caris è una giovane donna sveglia, intelligente e capace; figlia di Edmund il lanaiolo (ogni tanto compare anche il nome Wooler), il castaldo della principale e potente corporazione dei lanaioli, accompagna spesso il padre nelle fiere e nelle trattative commerciali. Seguendo inconsapevole le orme di Lady Aliena prima di lei, offre il suo fiuto e i propri molteplici talenti, basati su una forte empatia e un senso di  osservazione molto pronunciato, per appoggiare il padre nei propri affari. Gwenda è una giovanissima ladruncola, a disagio con quel ruolo che una vita durissima e un padre indegno le hanno attribuito; non è priva di una certa intelligenza pronta e di velocità di azione. Ralph, il fratello minore di Merthin, è diventato scudiero dell’attuale conte di Shiring, seguendo la sua vocazione alla violenza che spesso lo fa diventare inutilmente crudele ai danni degli altri, e la sua smisurata ambizione che gli fa sognare un titolo nobiliare. Le loro vite e i loro cammini sembrano segnati, apparentemente: Merthin e Caris sono innamorati, stanno bene insieme ed è abbastanza naturale aspettarsi nel giro di qualche pagina il loro matrimonio, poi qualche figlio e l’avanzamento nella carriera, almeno da parte di lui. Consideriamo che nel pieno Medioevo solo gli uomini contavano qualcosa, persino a Kingsbridge dove  tutti conoscono l’intelligenza e il talento per gli affari di Caris. Vediamo subito che niente di quello che capita è così banale o scontato. Caris, per quanto innamorata di Merthin, ha idee molto, molto moderne sul matrimonio e sul posto di una donna. Non le piace l’idea di sposarsi, perché rifiuta di diventare schiava di un uomo e dei suoi stessi figli. All’epoca, se una donna non sceglieva il matrimonio, poteva abbracciare un’unica altra opzione: il velo. Erano le uniche due strade considerate onorevoli per una donna comune, che non poteva scegliere. Caris non ha idee così comuni: lei vuole diventare medico. La sua empatia la porta a essere vicino a chi soffre, e il suo spirito di osservazione le fa capire che i rimedi degli unici medici accettati e onorati dell’epoca, monaci e frati, procurano più danni che benefici. Una vera rivoluzionaria: nel giro di poche righe rigetta tutte le autorità costituite di quell’epoca: marito, famiglia e Chiesa. A questo,  uniamo un carattere forte e uno spirito difficile da piegare ai precetti con le parole “si fa così perché lo dico io”, oppure “si fa così perché si è sempre fatto così”. Possiamo già sospettare che la sua vita non sarà liscia. Merthin, dal canto suo, condivide la stessa insofferenza per le regole imposte, soprattutto quando i risultati sono mediocri o dannosi, e per il rifiuto di innovare, di esplorare altre soluzioni che potrebbero portare benefici e risolvere problemi. Sono questi elementi che portano Merthis a scontrarsi quotidianamente con l’ottuso Elfric, e in seguito, Merthin e Caris a contrapporsi a Godwyn, il priore di Kingsbridge. Se ne I pilastri della terra, Philip, l’allora priore, rappresentava il viso dinamico e genuino della Chiesa, pronto ad adoperarsi per creare, aiutare i poveri, e a venerare Dio in tutte le creature, con opere e azioni concrete, Godwyn è il lato conservatore, ottuso, interessato al potere e a fomentare divisioni e zizzanie per il proprio potere personale. Mentre Merthin e Caris hanno a cuore la sorte dei loro concittadini e dell’intera Kingsbridge, e sfruttano la loro intelligenza e i loro talenti per costruire ponti “di nuova generazione”, per trovare nuove fonti di reddito dalla lana trasformandola in panni tessuti e tinti, evitando così la miseria per buona parte della popolazione, e la chiusura per fallimento del mercato settimanale della lana, sempre più disertato dai ricchi compratori stranieri, Godwyn sceglie di preoccuparsi che i nuovi progetti non intralcino i suoi piani di avanzamento di carriera, non mettano in disparte lui e il suo priorato, non siano opera del demonio, non vadano contro le autorità costituite, gli antichi testi e i sapienti di Oxford. Ogni volta, tenta di impedire che vengano attuate riforme o innovazioni, per paura di perdere il suo piccolo potere, e molto spesso, Merthin e Caris, da soli o insieme, riescono a trovare un cavillo per aggirare il suo ostacolo e per far fluire il progresso. Una buona parte del libro si scrive proprio in questo duello di volontà tra queste tre persone, principalmente, e tra questi due opposti schieramenti: il desiderio del bene comune contro il puro vantaggio personale fine a se stesso. E sullo sfondo, la protagonista silenziosa di questo romanzo: l’intera città di Kingsbridge, che vive, cresce, muore e rinasce mentre i suoi cittadini si battono per lei, cercano di proteggerla dagli artigli letali della terribile peste del 1348-1349, e dall’esosità della corona, impegnata nell’estenuante Guerra dei Cent’anni. Un romanzo corale, amplissimo, costruito soprattutto dalle minuscole vicende umane, mentre la Storia, quella fatta di re e battaglie, intrighi di corte e rivolgimenti politici, se ne sta quasi in disparte, e visita altri palcoscenici.

16 commenti:

  1. E' uno dei libri più belli che abbia mai letto in assoluto,uno spaccato della vita medievale in un periodo storico particolare come quello della peste,degno erede de i Pilastri della terra.
    Da consigliare a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente! Non so ancora se mi è piaciuto di più questo o I pilastri della terra, ma Mondo senza fine mi ha davvero colpita tantissimo.

      Elimina
  2. E' bello trovare persone che amano leggere!tua follower,se ti va passa da me http://genni63.blogspot.it/ :-)

    RispondiElimina
  3. Io adoro Pilastri della terra e Mondo senza fine! E' proprio il genere che preferisco di più in assoluto, mi perdo via proprio come se vivessi io stessa in quell'età.

    Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la stessa sensazione che ho provato io...ritornare indietro nel tempo e vivere sulla mia pelle quel periodo.

      Elimina
  4. Wow, penso che questo sia un bel libro. Complimenti per come hai recensito questo libro, una recensione molto dettagliata e ricca di informazioni che riguardano questo libro, ancora complimenti.

    RispondiElimina
  5. Proverò a leggere questo libro.Mi sono un po arenata con questo autore in quanto letti alcuni non mi portavano nulla di nuovo eravamo sempre li ma forse in questo si è cambiato. Grazie della segnalazione buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se posso consigliarti, leggi anche I pilastri della terra. Anche se sono due libri indipendenti l'uno dall'altro, sarà bello ritrovare alcuni riferimenti. E in entrambi i casi la vicenda scorre molto fluida, al punto che ti sembrerà di viverla.

      Elimina
  6. Devo trovare “il coraggio” di affrontare di nuovo un librone così massiccio: dopo il SdA la scorsa primavera, mi lascio incantare dai titoli che contengono la parola “giardino”. Ci riuscirò, prima o poi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...è perché sei ancora sotto l'influsso di Sam Il Giardiniere. :-) Mi permetto di insistere a consigliarti di leggere sia questo libro, sia I pilastri della terra: sono quasi tremila pagine tra tutti e due, ma non te ne accorgerai. Non appena la parola giardino avrà esaurito il suo potere coercitivo su di te, prendi i pilastri e il mondo. Ken Follett non è sensazionalista come Dan Brown e ha un modo fluido e costante di narrare. Aspetto i tuoi pareri!

      Elimina
  7. Bellissima la recensione! Non avrei saputo fare di meglio! E facendo un po' di spoiler e un po' di gossip, pare che Follett abbia dichiarto che, conclusa la Trilogia del Secolo, ha in mente di scrivere un terzo capitolo collegato a "I pilastri della terra" e "Mondo senza fine". Sono solo voci di corridoio, ma...chissà!
    E ora buttati tranquillamente nella Trilogia del Secolo che affascina proprio per la sua diversa ambientazione, sicuramente a noi più contemporanea, soprattutto nel secondo volume!
    Ciao, metà della mia mela libresca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...sul serio? sul serio? Devo cominciare a mettergli fretta. Si sbrighi a finire la Trilogia del Secolo (devo ancora comprarla, almeno i primi due libri, ma è solo questione di tempo), devo sapere che capita nel terzo episodio dopo Mondo senza fine. Glielo dici anche tu, per favore? Temo che non mi dia retta! :-D

      Elimina
  8. Vorrei leggere la trilogia del secolo... Pero mi ha intrigato moltissimo anche questa serie! Come ho fatto a perdermela?In quale assurdo universo parallelo si trovava la mia mente? Oh già c'era quel cretino e io ero loboromizzata...

    Scusa lo sproloquioXD! E' il troppo studio...Nuova follower!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D
      Sei ancora in tempo, per entrambe, non temere...il bello dei libri è che si può sempre recuperare il tempo perduto.
      Sono indietro anch'io con Ken Follett, considerando tutti i libri che ha scritto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...