lunedì 4 novembre 2013

I racconti dei vedovi neri – La potenza della logica

A prima vista, sembra un altro titolo della #svoltahorror. E anche piuttosto inquietante: il termine “vedovi neri” fa pensare ad un gruppo di mariti sanguinari che attentano alla vita delle mogli, magari particolarmente ricche, per impossessarsi dei loro denari. Niente di tutto questo, l’horror non c’entra proprio. Del resto, il suo autore, Isaac Asimov, è noto per aver scritto altri tipi di romanzi, e non mi sembra si sia mai cimentato con la narrativa di paura. Il libro è venuto a trovarmi direttamente a casa, in un momento di pausa della #svoltahorror, e io sono stata più che felice di accordargli riparo dalle intemperie. J E’ composto da una serie di racconti, i cui protagonisti sono un gruppo di rispettabili signori americani che, una volta al mese, decidono di ritrovarsi a cena senza le mogli, per poter risolvere piccoli o grandi misteri, e lasciarsi andare a parole in libertà su arte, letteratura, politica, attualità. Il ristorante che li accoglie è sempre lo stesso, così come il solerte e capace Henry è il cameriere che si occupa di servirli. Scelgono un anfitrione per la serata, che ha il compito, se lo desidera, di portare un ospite esterno, che alla fine della cena, si sottoporrà ad un vero e proprio fuoco di fila di domande da parte dei Vedovi Neri, sulla sua vita, la sua occupazione, e sul problema eventuale che lo sta angustiando. Ogni volta, si verifica un “caso”: il collezionista sicuro di aver subito un furto, ma di non riuscire a scoprire l’oggetto mancante, la spia che comunica grazie ad un ingegnoso sistema di bustine di fiammiferi, un omicida smascherato a causa dell’ora legale, i servizi segreti americani in fibrillazione per un possibile attentato all’edizione attuale di Miss Mondo...I Vedovi Neri, un dirigente governativo esperto di cifrari, un matematico, un chimico, un artista, si lanciano in congetture ingegnose, in duelli verbali spassosi, che talvolta culminano in gare di umorismo, si lanciano accuse, per poi finire sempre in un vicolo cieco. Il problema dell’ospite di turno, affrontato con logica rigorosa, da diversi punti di vista, finisce sempre per sembrare...irrisolvibile. Finché non arriva Henry, almeno. Come ho già detto, Henry è il cameriere che si occupa delle cene dei Vedovi Neri: solerte, discreto, silenzioso e capace nel suo lavoro, si rivela sempre colui che, interpellato all’ultimo, riesce a trovare l’unico aspetto trascurato, l’unica domanda veramente necessaria da fare, l’unica intuizione ancora da scoprire. E l’ospite si affretta a tornare a casa con la soluzione in tasca!


E’ un libro divertente, ingannevolmente leggero, e molto cinematografico. Ogni racconto è commentato in nota dall’autore, che si rivela una persona spiritosa, amichevole. Si rivolge direttamente ai lettori, raccontando talvolta degli aneddoti o delle cause che hanno portato alla stesura della storia, o alla scelta del titolo. L’ho considerato “cinematografico”, nel senso che lo stile molto fluido e ricercato nello stesso tempo riesce a creare un’illusione di immagini che scorrono  nella mente del lettore, che si trova ad assistere piuttosto che a leggere. Personalmente, non riuscivo a smettere di immaginare i Vedovi Neri modellati sui visi e sui corpi di attori americani degli anni ’60, come Rock Hudson, Henry Fonda, Cary Grant, immersi nelle atmosfere patinate e divertenti delle commedie hollywoodiane di quegli anni, dove i giochi di parole, un certo umorismo e una buona dose di ironia riuscivano a costruire dialoghi brillanti e di spessore. Queste caratteristiche, unite al desiderio di scoprire un Asimov diverso dallo scrittore di fantascienza, al debole per i gialli e per l’intuizione improvvisa, da “pensiero laterale” sono riuscite a farmi chiudere un occhio di fronte alla leggera misoginia dei protagonisti...per una volta al mese, si liberano dalla presenza femminile, percepita come un peso da cui è necessario prendere le distanze ogni tanto, per lanciarsi in discorsi seri e vari. E’ solo una sfumatura, sia chiaro, ma non ho potuto fare a meno di vederla, nel loro rifiuto anche di portare ospiti femminili, o fare entrare qualunque donna nel loro Club di Vedovi Neri. In ogni caso, questo libro è un buon bilanciamento anche per il blog, dove le presenze femminili sono in netta preponderanza. ;-) 

7 commenti:

  1. Be’, se “codesti vedovi neri” sono intelligenti, divertenti senza essere volgari… diamo loro un po’ di spazio!
    Di Asimov lessi (mi pare, Neurino-mio fatica ad ingranare) “Io, robot” (possibile?) e conservo il vago ricordo di una lettura piacevole.
    Ho apprezzato l’immagine che hai suggerito: “Personalmente, non riuscivo a smettere di immaginare i Vedovi Neri modellati sui visi e sui corpi di attori americani degli anni ’60, come Rock Hudson, Henry Fonda, Cary Grant”. Sì, insomma, praticamente il cast dei pochi film che mi degno di guardare!
    (Il dvd più recente nel mio scaffale è il primo film di Star Trek con l’equipaggio “storico” Kirk-Spock-McCoy&C, sì)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono bei personaggini, e sono stata contenta di leggerli, pur con la mia puntata polemica sulla misoginia. E' tutta mia, ne convengo. :-)

      Elimina
  2. Asimov non è che fosse misogino, era un uomo dei suoi tempi quindi è normale che le caratteristiche dei suoi personaggi fossero "tarate" verso certi schemi di pensiero.
    Poi è innegabile il suo umorismo e la sua disponibilità. Ancora oggi le sue introduzioni o postfazioni sono un ritratto gobibilissimo sia dell' uomo Asimov sia dell' ambiente letterario americano di fantascienza.
    Se t' interessa puoi provare anche i racconti dedicati al demonietto Azazel scritti sul finire della sua carriera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...li cerco, grazie per il suggerimento!

      Elimina
    2. ...il demonietto Azazel? Molto interessante. Di Asimov lessi della fantascienza, e mi era piaciuta moltissimo, ma nel corso degli anni non sono più riuscita a prendere in mano i suoi libri. Ho un'altra raccolta sui Vedovi Neri, che leggerò tra un paio di libri, e poi mi segno di cercare altro dell'autore.
      Concordo sul suo carattere: le sue note erano divertenti.

      Elimina
  3. Asimov come Fantascienza è imbattibile - sapevo che aveva anche scritto altro ma non sapevo libri di questo tipo. Sembra davvero interessante !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e sono anche una bella scoperta. Si vede il lato logico di Asimov e il suo amore per i dialoghi brillanti, argomentati.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...