sabato 26 gennaio 2013

Il seggio vacante – Una notizia, reazioni diverse.


La notizia della morte di Barry Fairbrother (il cognome non è scelto a caso) si sparge in un lampo. Il secondo capitolo inizia proprio con una telefonata di uno dei personaggi, Miles Mollison, al padre, Howard Mollison, proprietario di un negozio  di salumeria molto frequentato. Sarà la prima di una fila di comunicazioni simili, accolte con reazioni diverse. Howard Mollison è stato avversario politico di Barry, poiché, da benpensante ipocrita e mellifluo come si scopre man mano, non condivideva il progetto di quest’ultimo di avvicinare sempre più la periferia degradata (The Fields) a Pagford, contaminandola. Simon Price, padre crudele, lavoratore meschino e intrigante, arrogante e pieno di disprezzo per il mondo, che rovescia su moglie e figli picchiandoli e insultandoli ad ogni sguardo storto, ne è quasi soddisfatto. Essendo un intrallazzatore di natura, aveva sentito di una serie di traffici sordidi in comune, per cui Barry Fairbrother intascava una sorta di “pizzo” (attribuzione tutta italiana, questa: l’inglese non conosce un termine così leggiadro per una pratica così sordida) da alcuni fornitori. Morto lui, gli balena in mente l’idea di prenderne il posto come criminale e farsi un po’ di soldi a spese della comunità.
La dottoressa Parminder Jawanda, amica e sostenitrice di Barry Fairbrother, è una delle poche che si dispera, al punto da alimentare il pettegolezzo secondo cui avrebbe avuto una relazione con il morto. Colin Wall, detto sprezzantemente “Cubicolo” a causa di una sua mania di archiviare i fogli e i documenti negli appositi “cubicoli” dei relativi schedari, è un altro dei pochi che reagisce con grande dolore alla perdita, poiché era molto amico di Fairbrother, al punto da considerarsi il suo “migliore amico”. E’ una mattina come molte altre, ma dalle 6.30, orario della telefonata di Miles Mollison al padre, seguiamo J.K.Rowling mentre s’infila nelle case o nei luoghi di lavoro di molte delle famiglie più importanti di Pagford per assistere alle reazioni alla notizia sconvolgente di questo lutto improvviso. Le corriamo dietro mentre ci presenta i personaggi, delineandoli con pochi tratti nei loro aspetti e nei loro caratteri (insistendo particolarmente sulle debolezze), e mentre ascoltiamo le loro parole, i loro gesti e, soprattutto i loro pensieri, così tanto in contrasto con i sorrisi o le espressioni artefatte. 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...