lunedì 7 aprile 2014

L'Amanita#23 - L'anatomista

L’anatomista
Diana Lama

Su uno scoglio del lungomare di Napoli viene ritrovato il corpo nudo e mutilato di una giovane donna.
Tito Jacopo Durso: psichiatra, esperto profiler. Intelligente, gelido. La sua vita è stata segnata da un’oscura tragedia familiare.
Artemisia Gentile: psicologa, segue vittime di abusi e maltrattamenti. Anche nel suo passato ci sono fantasmi e ombre.
L’Anatomista: il bisturi è il suo pennello, le vittime il suo capolavoro.
Con una presentazione così…
È incontestabile: un bel libro truculento con sangue e “pezzi di corpi” a iosa.
Morboso e malato.
La trama è interessante: il confine tra bene e male è confuso e labile, non si distingue più il sano dal malato. Ma arrivare alla fine è stata un’impresa, l’ho trovato pesante e non ho ancora capito perché.
Forse troppi personaggi “in prima persona pensante”, anche parecchi “di sfondo”: a volte non sapevo più “chi ero”.
Troppe descrizioni specialistiche. Va be’, sarai l’Anatomista, “ti fo un applauso” per la tua bravura… ma metti almeno un disegnino, così non vado a cercarmi “L’atlante del corpo umano” per capire cosa stai facendo!
Dubbio atroce: sarà mica il primo di una serie?

Oh no, non ce la posso fare

3 commenti:

  1. Probabilmente era troppo specializzato e specialista per pensare che non tutti masticano anatomia come un medico legale...

    RispondiElimina
  2. a parte quello, ho trovato pesante anche la costruzione delle frasi e la suddivisione dei capitoli...
    sì, confesso: sono puffo brontolone (quasi) in incognito!

    RispondiElimina
  3. Ciao Loredana - sei stata taggata nella Sfida Poetica
    passa dal mio blog e vedi di che cosa si tratta !

    http://ilrifugiodeglielfi.blogspot.it/2014/04/sfida-poetica.html

    Buona settimana

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...