sabato 6 giugno 2015

L'Amanita#49 - Io senza di te

Io senza di te
Jojo Moyes

Mi appello al primo emendamento dei lettori furiosi - e se non esiste, lo pubblico io adesso: 
Il lettore furioso (ma anche quello non furioso) ha il diritto sacrosanto, insindacabile ed inviolabile di leggere ciò che vuole, quando vuole, dove e come vuole
Ergo, stando a questo principio, posso scegliere di evitare tutti i libri che trattano di argomenti che non gradisco. 
Un esempio? L'anno scorso ho rifiutato "Colpa delle stelle", libro amato da molti furiosi e di cui ho letto e sentito parecchi apprezzamenti, perché parla di adolescenti e malati incurabili.
Ho scoperto di essere allergica ai bambini ed agli adolescenti e c'è già abbastanza malattia nella mia vita; almeno nei libri voglio gente sana e magari il caro vecchio "...e vissero felici e contenti", che piace molto allo zio Bilbo Baggins. 
Sulla quarta di copertina, bello in fuxia, spicca sul nero: "Che libro meraviglioso, intenso, commovente! L'ho adorato." Sophie Kinsella. 
E se lo dice lei, non va bene a me, che ho piantato il primo Ilovecc proprio all'inizio e mi ritengo bidonata da "La signora dei funerali".
O i libri di cui perfino io capto una pubblicità televisiva: se mi becco una <<pubblicità da pranzo&TG>>, significa che il martellamento copre tutte le ore. E di solito non è cosa buona. 
Questi principi si sono scontrati con la saggezza popolare: a caval donato, non si guarda in bocca. 
A strìgne - come direbbe la mia socia virtuale romana de Roma - me lo hanno regalato per Natale. 
Va be', comincio a leggere. Se proprio non lo reggo, chiudo e regalo.

A ventisei anni Louisa Clark  sa tante cose. Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell'autobus e casa sua. Sa che le piace fare la cameriera in un locale senza troppe pretese nella piccola località turistica dove è nata e da cui non si è mai mossa, e probabilmente, nel profondo del suo cuore, sa anche di non essere davvero innamorata di Patrick, il ragazzo con cui è fidanzata da quasi sette anni. Quello che invece ignora è che sta per perdere il lavoro e che, per la prima volta, tutte le sue certezze saranno messe in discussione. A trentacinque anni Will Traynor sa che il terribile incidente di cui è rimasto vittima e che l'ha inchiodato su una sedia a rotelle gli ha tolto la voglia di vivere. Sa che niente può più essere come prima e sa esattamente come porre fine a questa sofferenza. Quello che invece ignora è che Lou sta per irrompere prepotentemente nella sua vita portando con sé un'esplosione di giovinezza, stravaganza e abiti variopinti. Nessuno dei due, comunque, sa che la propria vita sta per cambiare per sempre.

Sono riuscita a leggerlo fino alla fine senza troppe difficoltà. C'è qualche melensaggine, ma è tollerabile. Non mi scandalizza la decisione di Will, che sceglie l'eutanasia, ma c'è qualcosa nei protagonisti, una specie di forzatura, che mi ha lasciato perplessa. 
Non è comunque un libro che sceglierei di comprare. 
Mi è rimasta una curiosità: adesso vorrei leggere qualcos'altro della Moyes, qualcosa di "sano", perché forse sa scrivere...


2 commenti:

  1. Allora da una malattia passiamo ad una situazione positiva, se ti fa pensare di poter leggere qualcos'altro di lei, che comunque scrive bene...

    RispondiElimina
  2. Sì, ne sto cercando uno con personaggi sani: mi hanno parlato di un altro suo libro molto bello, ma alla fine "ci scappa il morto"... ecchecavolo se voglio cadaveri, leggo Dexter&C!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...