giovedì 6 novembre 2014

A proposito di lei - Guest Post#17


Parto questa volta dal post scriptum del libro: questo romanzo è stato scritto sulla base del film trama di Dario Argento.
Se amate il paranormale, le sedute spiritiche, i fantasmi, le visioni è il vostro libro.
Un po’ più commerciale dei precedenti lavori di Banana Yoshimoto a mio avviso, leggero ma non superficiale per l’estrema attenzione ai dettagli, che trasmettono emozioni e ti tengono vigile.
Purtroppo la storia mi ha fatto perdere spesso il cammino, per quanto la scrittura sia scorrevole. Ho dovuto fermarmi più volte per cercare la giusta via. A mio avviso, una Yoshimoto molto distante da Kitchen.
Descritto come il viaggio della memoria, la protagonista , con l’aiuto del cugino, compie un viaggio a ritroso nel tempo, fino ad arrivare alla sua infanzia che tanto è stata infelice. Il colpo di scena sarà solo nel finale.

Per quanto sia stato un libro che non ho amato mentre lo leggevo, lascio a chi si avvicina al genere più di me l’ardua sentenza della critica.

3 commenti:

  1. Sono d'accordo con la tua recensione..non è un libro che ho amato, ma devo dare atto alla Yoshimoto di una sua straordinaria capacità: quella di descrivere certe sensazioni dell'anima in modo particolarmente delicato..al punto che a volte ti sembra di sentire realmente cosa prova il protagonista in quel momento...così come luoghi descritti in modo quasi fiabesco ( il giardino che lei ricorda della sua casa per esempio)...
    Per il resto è un libro che non mi ha dato molto, mi ha lasciato l'amaro in bocca..e a me l'amaro non piace!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i tuoi pensieri. L'amaro in bocca .. già ... brutta cosa. Consiglio prova a leggere i primi, che a mio avviso erano proprio magia, e poi da brave aspetteremo il prossimo per capire se l'amaro in bocca si sarà smorzato un pochino. Buone letture

      Elimina
  2. Vero. Mi unisco al consiglio di Simona, di leggere la Yoshimoto a partire dai primi romanzi, soprattutto il primo, Kitchen. E' quello che mi hanno messo in mano la prima volta per farmi leggere l'autrice e ho scoperto un animo lirico e pratico nello stesso tempo. La potenza della Yashimoto sta proprio nella sua capacità di esprimersi: persino descrivere le evoluzioni di un sacchetto di plastica della spesa diventa un momento di poesia, uno di quelli che viviamo tutti i giorni quando mettiamo da parte i pensieri indaffarati delle cose da fare e da dire, e osserviamo cosa ci sta intorno, persino qualche cartaccia che rotola sull'asfalto del marciapiede. Quelli degli ultimi anni sono più commerciali, più attenti al gradimento dei mercati, piuttosto che a quello dell'animo dei lettori...non ho ancora letto questo di cui ha scritto Simona, ma sono sicura che troverò uno spazio anche per questo.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...