domenica 2 ottobre 2016

Segnalazioni editoriali#22 – Un problema da sterminatrice, quattro vecchiette in fuga dall’ospizio, e un turista.

Generi mescolati in questa puntata di segnalazioni editoriali, ma con un comune denominatore: il brivido.

Vediamo come scorre:

Laurell K.Hamilton, Jason, Editrice Nord (http://www.editricenord.it/)
Pagine: 216 – Prezzo: Euro 14,90

Quando Jason si presenta alla porta della Sterminatrice con un delicato problema personale, lei accetta di buon grado di aiutarlo. Nessuno più di Anita comprende le difficoltà di un rapporto con una creatura delle tenebre, e J.J., la nuova fidanzata di Jason, ha bisogno di qualcuno che la rassicuri e che le insegni a gestire la doppia natura del ragazzo, che è sia lupo mannaro sia pomme de sang di Jean-Claude. Eppure Anita scoprirà troppo tardi che quel semplice favore potrebbe cambiare per sempre la vita delle persone che lei ama…

Laurell K. Hamilton è nata a Heber Springs (Arkansas), ma è cresciuta a Sims, un piccolo villaggio dell’Indiana. Dopo la morte della madre in un incidente d’auto, è stata la nonna a curare la sua educazione e a darle da leggere il primo di numerosi romanzi fantasy e horror che l’hanno appassionata all’istante, spingendola, in seguito, ad abbandonare l’idea di diventare una biologa in favore della scrittura. I romanzi dedicati alla cacciatrice di vampiri Anita Blake e quella che racconta le vicende di Meredith Gentyr sono stati pubblicati con enorme successo in tutto il mondo.

Un argomento serio, trattato in modo irriverente:

John Niven, Le solite sospette, Einaudi Editore
pagine: 352 - prezzo: 18,50 €

Quando Susan - a causa dei vizi nascosti del marito - si ritrova vedova e con la casa pignorata, insieme ad alcune amiche decide di compiere una rapina. Contro ogni probabilità, il colpo va a buon fine, e alle «cattive ragazze» non resta che raggiungere la Costa Azzurra, riciclare il denaro e sparire. Nulla che possa spaventarle, dopo tutto hanno piú di un motivo per riuscire nella loro impresa: andare in crociera e fuggire il brodino dell'ospizio.

John Niven è nato a Irvine, Ayrshire, Scozia. Scrive per «The Times», «The Independent», «Word» e «FHM». Ha lavorato per anni nell'industria discografica, contribuendo probabilmente a mandarla a catafascio. Ha pubblicato il romanzo breve Music from Big Pink e i romanzi Kill Your Friends (satira del mondo della musica britannica al suo apice, che gli ha garantito fama e riconoscimenti) e The Amateurs. Il successivo, A volte ritorno (Stile Libero 2012), è stato un caso editoriale. Ha pubblicato, sempre per Einaudi Stile Libero, nel 2014, Maschio bianco etero e, nel 2016, Le solite sospette.

E per finire, un’uscita recentissima.

Massimo Carlotto, Il turista, Rizzoli
Pagine: 304 – prezzo: 18,00 Euro

Il Turista è l’incubo delle polizie di mezza Europa. È il serial killer perfetto: cambia sempre città, non ha uno schema fisso e non lascia indizi. Si mischia tra la folla, sceglie le vittime d’istinto, colpisce con ferocia e sparisce. E tutto, nella sua lucida follia, è sempre filato liscio. Poi è arrivato a Venezia e ha ucciso quella donna. Per giorni ha aspettato che il cadavere venisse scoperto, per potersi godere la scena in tv, il terrore che ha seminato. Ma per giorni niente è successo, così è tornato sul luogo del crimine… trovando una sorpresa: nessun corpo, nessuna traccia. E, nascosta nel modellino di una gondola, una telecamera con cui qualcuno lo sta osservando. Stavolta è lui la preda.


Massimo Carlotto è nato a Padova nel 1956. Ha esordito nel 1995 con il romanzo Il fuggiasco, pubblicato dalle edizioni e/o. Per la stessa casa editrice ha scritto altri quindici romanzi, fra i quali La verità dell’Alligatore e Arrivederci amore, ciao. Oltre a vari libri per ragazzi, ha pubblicato anche i noir Mi fido di te (con Francesco Abate) e Respiro corto, scrivendo graphic novel illustrate da Igort e Giuseppe Palumbo. I suoi romanzi sono tradotti in vari paesi e alcuni sono stati adattati per il cinema. È anche autore teatrale, sceneggiatore cinematografico e televisivo e collabora con quotidiani, riviste e musicisti. Con Feltrinelli ha pubblicato Il giardino di Gaia (Zoom 2012; UE 2013) e ha tradotto L’arte dell’inganno (2013) di Kevin D. Mitnick. Maggiori informazioni sono contenute nel sito massimocarlotto.it.

5 commenti:

  1. Ciao Loredana - passo per un Saluto ed un Voto in Net Parade
    Il Noir e l'Horror non sono generi che mi piacciono molto - mentre il giallo dei tre è il mio favorito
    Sembrano segnalazioni interessanti
    Un abbraccio e buona settimana nuova in arrivo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ho ricambiato il voto per il Rifugio.
      Io ho smesso di leggere horror, ma ogni tanto trovo ancora qualche trama interessante da segnalare. Quello di John Niven, sulle vecchiette che rapinano banche, dev'essere spassoso. E Carlotto... adoro come scrive. Ho leggiucchiato qualcosa di lui, e mi è piaciuto moltissimo, mi ha fatto venir voglia di conoscerlo maggiormente.
      Buona settimana anche a te!

      Elimina
    2. Grazie per avermi reso il voto in Net Parade e per essere passata a trovarmi ed a commentare al Rifugio.
      Buon lunedì pomeriggio, buona settimana e migliore mese di ottobre appena iniziato

      Elimina
  2. Sempre la solita dispettosa!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì sì sì! In realtà, penso ai poveri lettori rimasti senza titoli da leggere... non è bello abbandonarli a se stessi, senza nulla su cui posare gli occhi.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...