lunedì 8 luglio 2013

Lady Susan – Una donna...ingombrante e non convenzionale

Contemporaneamente all’Estate Tolkeniana, corre un’Estate al Femminile.  E’ un’estate in cui torno a certe mie origini per riprendere alcuni pezzi miei che avevo accantonato e trascurato, e da cui riparto per nuove strade, con una nuova visione, meditata, creata e attuata completamente da me. Uno dei pilastri di questa visione è la donna: la sua personalità, il suo modo di agire, il suo significato, il suo ruolo, la sua presenza. Cos’è una donna? Chi è una donna? Sono diversi anni che mi girano in testa queste domande inespresse. Le loro origini sono variegate, complesse. Affondano nella realtà, negli esempi che posso vedere in torno a me, e nei libri, classici, romanzi d’evasioni, saggi, che dipingevano cuori femminili forti, sconfinati, coraggiosi, ma anche deboli, frivoli, traditori, intriganti. Penso soprattutto ad alcuni romanzi e poemi del Settecento, in cui spesso si mettevano in luce gli errori e i difetti umani, con particolare insistenza su quelli femminili, che destavano particolare “scandalo”, e orrore. Choderlos de Laclos e la sua spaventosa Madame de Meurteil, Alexander Pope e la sua Belinda, sono i primi personaggi che mi vengono in mente. Restando nello stesso secolo di questi due autori, il XVIII secolo, mi sono fermata nel paese di uno di questi, la Gran Bretagna. In quegli anni, una giovane scrittrice crea personaggi femminili affascinanti, nati nel suo mondo di piccolissima aristocrazia, bucolico, riservato, gentile. In apparenza. Basta spostare le cuffiette ornate, sbirciare sotto le giacche sobrie dei gentiluomini per scoprire cuori da avventurieri, e spietatezze, seppur metaforiche, degne di scenari di guerra, duelli verbali condotti con la stessa sete di sangue di quelli combattuti con le lame, pur mascherati da maniere eccellenti e voci composte. La giovane scrittrice è Jane Austen. Una vita brevissima, la sua, durata solo 42 anni, spenta forse dal morbo di Addison, relativamente povera di avvenimenti, ma florida e ricchissima come produzione letteraria. Mi ha sempre colpito l’apparenza dimessa dei suoi scritti. Niente battaglie epiche, niente eroismi, niente scenari esotici, niente navi in tempesta, nessuna fanciulla minacciata da bruti/draghi/parenti cattivi, niente lacrime e svenimenti facili, niente segreti terribili, niente maledizioni secolari, niente vampiri malvagi, niente duelli all’alba. “Solo” una grande e piccola commedia umana. Una commedia che diventa il fulcro principale dei fiumi d’inchiostro versati da Balzac, che nasce poco più di vent’anni dopo, in un altro paese, ma che mostra lo stesso interesse per l’agire umano.

La diciannovenne Jane, che ha già al suo attivo tantissimi racconti, elabora con Lady Susan Vernon un personaggio di donna scomoda, disturbante, nell’arco di quarantuno lettere. La maggior parte di queste è scritta dalla stessa perfida Lady ad una sua amica e confidente, altrettanto perfida (forse un tantino più gelida). A queste si contrappongono le rimanenti, scritte da Catherine Vernon, la cognata della Lady, alla propria madre, e da Reginald De Courcy, suo fratello.  L’alternarsi dei punti di vista sulla stessa persona, o sulla stessa situazione, diventa una specie di gioco di specchi. Lady Susan è una donna amante dei piaceri, bella, affascinante, intelligente, scaltra, con un enorme talento sociale, ma quasi priva di mezzi. Il suo bell’aspetto, il suo stile, la sua conversazione briosa, sono le armi di cui si serve con calcolo per attirare gli sguardi e possibilmente un nuovo marito ricco che le garantisca una bella vita. Per perseguire il suo obiettivo, si disinteressa al limite dell’odio della propria figlia sedicenne, messa in un canto in un collegio con la scusa di curare un’educazione carente, e non esita a far “guerra” alle donne più giovani di lei, se incautamente le attraversano il cammino e minacciano di intralciare i suoi piani. Un temperamento da predatrice dissimulato da sorrisi angelici e comportamenti virtuosi, puramente di facciata. Sembra che a questo panzer in abiti Impero vada liscio ogni piano, impunita. Tuttavia, le marionette che ha così astutamente manovrato per tre quarti del breve romanzo, si risvegliano e scoprono di avere una propria testa e un proprio cuore, per cui, almeno una parte dei piani della cara Lady vanno in fumo. L’ho ammirata e detestata.
Di sicuro, la capacità di studiare il prossimo, di capirne i punti deboli, il talento sociale che la portava ad approcciarsi al meglio, sono doti notevoli, che me la facevano apprezzare. Tuttavia, la flebile empatia finiva per crollare subito, di fronte al prevalere dei suoi interessi personali. E’ una donna solo centrata su se stessa. E’ fredda e infastidita verso sua figlia di sedici anni, che vede come una seccatura difficile da governare, o poco più. L’esatto contrario di un atteggiamento materno. Usa le proprie attrattive sessuali per incatenare a sé sguardi e desideri, anche di uomini più giovani. E’ desiderosa di attenzioni,  vuole primeggiare, non sopporta che nessuno le faccia ombra. Quando il suo comportamento, però, oltrepassa il limite, sbatte le ciglia nell’incarnazione dell’innocenza oltraggiata: le sue parole e i suoi intenti sono stati fraintesi. Atteggiamento molto comune tra i predatori senza scrupoli dell’epoca, almeno letterari, come l’alleato della Marchesa di Merteuil, il visconte Valmont , sempre pronto a rovesciare la realtà a proprio favore. In Italia, recentemente, siamo diventati padroni dell’arte di proclamarci non capiti o fraintesi, o vittime di complotto. Tornando a Lady Susan, anche lei si definisce vittima dell’astio della cognata Catherine, forse perché, all’epoca, aveva tentato di impedire che costei sposasse il fratello di Sir Vernon, suo marito. Diventa difficile stupirsi di una mancanza di affetto e sostegno, quando si è fatto di tutto per danneggiare qualcuno...Queste sono le caratteristiche che me l’hanno fatta detestare. Lo stesso atteggiamento ambivalente che avevo per la malvagia Marchesa de Le relazioni pericolose: abile, scaltra, intelligente, ma votata all’egoismo più sfrenato e alla sopraffazione dei desideri e delle vite altrui. Confrontando le date di stesura dei due romanzi, dell’abate Choderlos de Laclos, e di Jane Austen, e sapendo che la giovane inglese era cresciuta in un ambiente culturale vivo, stimolata ed istruita da suo padre, mi sono anche chiesta se Lady Susan Vernon fosse una sorella minore, forse un po’ più pudica, della Marchesa francese. Stesso animo da predatrice, lingue diverse, un atteggiamento civettuolo continuo, che nella seconda si accentua maggiormente e assume colori più rossi, più spinti. La Marchesa gioca con le vite altrui perché donna ricca ed annoiata dalla sua routine, e per scommessa con il suo torbido amico/amante/alleato Valmont, mentre Lady Susan è affamata di attenzioni e denaro perché non ne ha a sufficienza per mantenere il tenore di vita senza pensieri cui è abituata, e che non vuole assolutamente perdere. Sono donne che usano le loro attrattive e le loro capacità di entrare in sintonia con l’altro (soprattutto se uomo), solo a fini egoistici. Non vogliono faticare per ottenere il loro posto nel mondo: vogliono mostrarsi, essere ammirate, messe su un piedistallo, adorate come dee (nel caso della Marchesa anche qualcosa in più), per diritto. Un diritto che deriva loro dall’essere belle, prestigiose, e per questo potenti. Il potere di un essere umano sull’altro ha origini disparate. Quello che deriva dalla bellezza femminile è uno dei più antichi, e anche abusati. Esercitato a tutte le latitudini, in tutti i tempi, rende una donna la regina del cuore di uno o più uomini, e il bersaglio vivente dell’odio di altre donne, almeno di quelle che vogliono competere su quel terreno.  Se usato in modo esclusivo, e solo per fini egoistici, questo potere di essere belle non dura molto, come si vede dalle vicende delle due seduttrici. Il tempo usura la bellezza e scopre cosa c’è sotto...prima ancora di arrivare al teschio brandito da Amleto, se l’anima coperta dalla piacevolezza non lo è altrettanto, emerge putrida e risulta odiosa, provocando l’immediata perdita di tutti i vantaggi accumulati solo dal potere della superficie.

13 commenti:

  1. La “question” di Amleto diventa: “Apprezzo o non apprezzo Lady Susan?”
    Il libretto si legge piacevolmente.
    A volte questa donna “combattiva” mi ha fatto anche sorridere, ma…
    Alla fine del libro m’è sfuggita una parolaccia: “echec…!”. Lasciamo da parte la questione della forma – non amo il romanzo epistolare, ti sento, sai! Mi stai chiedendo “e Dracula?!” be’, c’è qualche eccezione, non sono poi così monolitica :-D – ma se da una parte apprezzo la perseveranza di lady Susan, dall’altra detesto la donna.
    Perché la bellezza fisica deve prevalere sull’intelligenza? O non è poi così intelligente? Bellezza = potere?
    Posso accettarlo – a denti stretti – nel 1800 e dintorni: le carriere destinate alle donne… va be’, stendiamo un velo pietoso.
    Ma mi guardo attorno e mi pare che il mondo non sia cambiato poi così tanto. Sì, c’è più tecnologia, ma l’essere umano…?
    Ho chiuso il libro – oltre che con l’esternazione colorita – con una domanda alla scaltra “signora”: cos’avresti fatto se fossi stata irrimediabilmente racchia?
    Adesso vado a prendere qualcosa per l’acidità di stomaco…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che il mondo umano sia cambiato molto poco, nel corso dei secoli. Forse siamo più svegli e attenti, ci siamo liberati di qualche superstizione, che riusciamo a riconoscere come tale, abbiamo accesso all'istruzione con maggiore facilità, con i social network ci facciamo conoscere, scambiamo più facilmente parole con luoghi lontani, telefoniamo dappertutto, con Google Earth e Google Street guardiamo le case e le città dell'altro emisfero, se vogliamo. Ma alcune cose, come desideri, sentimenti, emozioni, aspirazioni, sono rimasti uguali. E certe visioni, soprattutto degli ambiti femminili e dei loro raggi d'azioni, sono rimasti tali, alla faccia di qualunque lotta femminista ci sia stata. Lady Susan sicuramente è intelligente. La sua intelligenza è intessuta di furbizia, soprattutto. Sfrutta la sua bellezza e il suo apparire gradevole in modo efficace ed efficiente. Poco importa se qualcuno ne può rimanere ferito. Ed è anche una donna vigile, quasi ansiosa. La sua aspirazione principale? Brillare. E per farlo, ci vogliono soldi. E il modo più veloce e divertente per farlo è passare proprio dal suo corpo. In questo, il mondo delle donne è cambiato poco. Educate anche all'insicurezza nelle proprie capacità di sopravvivenza da sole, e a credere che senza un uomo non possono farcela, molte si concentrano sullo strumento più efficace per attirarne uno. E non di rado ricorrono alla procreazione di un figlio, per consolidare, legare, incatenare. Suona trito, ritrito, medievale, ottocentesco, meschino. Ma accade ancora...

      Elimina
    2. Sai che stai stuzzicando il mio “Attila-inside”, vero?
      Perché a questo punto sorge una domanda: partiamo dal presupposto che sono una donna, anche se a volte, guardando le mie simili sorge qualche dubbio:-D…
      Ehm! Facciamo le persone serie. Io, marziA ergo donna (be’, non solo per il nome, ma anche per tutta un’altra serie di “accessori”), non sono importante o la mia vita è di serie B perché non sono “l’appendice di un uomo” e non ho figli?
      Lo so, lo so, è una domanda ricorrente e c’è una grande falla nell’educazione. Ma ogni persona in teoria ha il diritto di essere rispettata a prescindere. Ogni vita avrebbe questo diritto.
      Un’altra domanda.
      Per “brillare” è indispensabile avere i soldi? Occhio, il mio Attila sta cercando con occhio rapace una qualsiasi arma.
      Scherzi a parte, mi tocca unirmi alla tua amara constatazione: suona trito, ecc (aggiungerei anche troglodita), ma accade ancora; insomma, procuriamoci una clava!
      Cara zia Jane! Pare fosse un po’ miope, ma era più acuta di un’aquila.

      Elimina
    3. Sì, è inevitabile che l'Attila inside non si senta tirato in causa...
      Alla tua prima domanda, la maggioranza della società, anche nell'anno 2013 ti risponderebbe che sì, la tua vita è di serie B perché non c'è un uomo o una famiglia a "GIUSTIFICARLA". Lo so che è una panzana dal suono stridente...ma è stata ben inculcata nelle donne da secoli, e alcune di queste soffrono, si odiano e si giudicano nullità perché ci credono. E alcune si lasciano uccidere come pecore al macello dagli uomini che "le amano troppo". Altra panzana dal suono stridente.
      Ogni vita deve essere rispettata, a prescindere. Vero anche questo, ma poi non ce la facciamo proprio. Dobbiamo giudicare, annullare, schiacciare, riconvertire tutto quello che non rientra in quello che rispettiamo NOI. Spesso, questo non coincide con quello che dovrebbe essere rispettato, ovvero tutta la vita e le sue forme.
      Lady Susan ti avrebbe risposto: sì, per brillare in questa società ottocentesca di apparenze e buone maniere, è necessario essere foderati di soldi. Soldi per begli abiti, accessori, mobili, domestici al seguito. Certo, in quell'ambito, è proprio necessario avere soldi. Non c'è alcun riferimento al fatto che si brilla per quello che si è...senza schiavitù da cose esterne, come soldi e potere di acquisto.
      E' troglodita, eccome se lo è. Ed è, spesso, una via facile.
      Zia Jane aveva capito tutto. Ne era anche lei vittima, però. I suoi romanzi furono pubblicati con il suo nome DOPO la sua morte, per quanto suo padre si fosse anche battuto per farle attribuire il merito. Per qualche ragione SCONOSCIUTA, l'essere donna le impediva il giusto riconoscimento dei suoi meriti letterari in vita. Non suona anche questo stridente?

      Elimina
  2. Scrivi delle cose molto interessanti, mi piace quando mi fanno riflettere sulle cose che leggo! Perchè sentire il punto di vista degli altri amplia il proprio!
    Brava!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Se ti va di condividere le tue riflessioni, le leggo volentieri...:-)

      Elimina
  3. Leggerti è davvero un piacere, mi piace sempre conoscere cose nuove!

    RispondiElimina
  4. Fermiamoci un momento e riflettiamo !!!! tu ci aiuti a farlo!!!!

    RispondiElimina
  5. hai un blog davvero interessante sono una tua nuova follower :)ripasserò volentieri cosi mi potrò soffermare con un pò più di calma

    RispondiElimina
  6. Ciao Loredana grazie per il giro al Rifugio e per il commento.
    Volevo votarti anche io ma il Sito me lo ha impedito. Mi ha detto questo mese hai già votato per questo Sito . Riprovo prossimamente ....... Buona giornata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie comunque per la visita...buona giornata anche a te!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...