martedì 18 marzo 2014

L'Amanita#17 - La tredicesima storia

La tredicesima storia
Diane Setterfield

Il vuoto.
Quattrocento pagine di parole.
Peggio, quattrocento pagine di parole che non mi hanno detto niente. Torbido? No, per il torbido-morboso consiglio una maestra: Joyce Carol Oates.Le sue frasi grondano e trasudano germi. La tredicesima storia per me è un libro inutile.
Asettico.
I suoi personaggi non sono vivi, non mi coinvolgono.
La storia non mi riguarda.
Ed è un peccato; la trama, incentrata sui segreti e le trame di una famiglia, (due sorelle, in modo particolare), potrebbe essere raccontata in modo più interessante. Peccato, perché la storia è scritta in modo corretto, ha un bel "fraseggio" scorrevole... ma rimane fredda e lontana per circa 350 pagine.
Ha un guizzo di vitalità alla fine, quando svela tutti i segreti, tardi per riscattare l'opera.
Resta una domanda.
La sensazione di vuoto è voluta? È l'intento dell'autrice?
Se voleva trasmettere il vuoto, c'è riuscita.
Ma non fa per me, agorafobica patologicamente affezionata all'horror vacui in tutte le sue forme...


4 commenti:

  1. Al momento è da me. Mi attira il titolo, con quel tredici che è sempre in agguato per indicare qualcosa di infausto. E' un libro paziente, però: aspetta il suo turno e non protesta se qualcuno gli passa davanti...:-D

    RispondiElimina
  2. Scena in libreria:
    calamitata da quella copertina, sollevo il libro con un “tredici; non dirmi che porti sfiga!”
    In effetti…

    Aspetto le tue impressioni!

    RispondiElimina
  3. :-D ah, avrei voluto vedere la faccia di coloro che ti hanno sentito...

    RispondiElimina
  4. ormai mi conoscono, credo mi stiano vicino per farsi qualche risata...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...