mercoledì 28 maggio 2014

L'Amanita#35 - La donna in nero

La donna in nero

Susan Hill



Il giovane avvocato londinese Arthur Kipps viene incaricato di recarsi a Crythin Gifford, uno sperduto villaggio circondato da paludi, per presenziare ai funerali di un’anziana cliente e occuparsi della gestione dell’eredità.

La vecchia signora Drablow viveva da reclusa a Eel Marsh House, una dimora lugubre ed isolata raggiungibile solo in determinate ore del giorno quando la marea si ritira lasciando libera dalle acque l’unica via d’accesso.

Per Kipps è l’occasione di dimostrare le sue capacità, è la prima volta che lo studio gli affida un compito di una certa responsabilità. Al suo arrivo scopre che la gente del luogo è restia a parlare della dimora e della sua eccentrica abitante; mezze frasi e sinistre allusioni che considera superstizioni da paese. (…)

Non lo turba, anzi lo incuriosisce, la presenza al funerale di una donna vestita di nero di cui nessun altro sembra accorgersi.

È un libretto abbastanza “scarno”: neanche duecento pagine, ma non “si fa mancare proprio niente”. Ambientazioni varie, dal caos di Londra allo sperduto villaggio e la vita di provincia.

Paesi sperduti in lande nebbiose e paludose, case strane, tragedie familiari e maledizioni, fantasmi, morti improvvise di bambini innocenti...

Sconsigliato a chi soffre d’insonnia: di notte una sedia a dondolo che NON avete inizierà a dondolare, vedrete cose svanire o, peggio, comincerete a vedere una misteriosa signora vestita di nero.

3 commenti:

  1. ...sembra un libro interessante anche per chi vuole farsi venire l'insonnia...bene, credo che sia da aggiungere anche questo alla lista infinita!

    RispondiElimina
  2. Mi ha colpito la fine: brusca, quasi un taglio netto:
    “Mi era stato chiesto di raccontare la mia storia. L’ho fatto. Ora basta.”
    Rilassati, Kipps! Così magari torniamo a dormire…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima, questa! Si risolve l'annoso problema di come far finire un libro: lo si dice e basta. Oh, se mi piace già, questo romanzo...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...