martedì 29 marzo 2016

Un libro, un piacere! Anna Maria Castagneri e i colori nella nostra vita

LoreGasp

Complice anche la Pasqua, sono leggermente in ritardo per raccontare l’ultima serata del ciclo Un libro, un piacere! Martedì 22 marzo scorso, presso Il Piacere di creare a Giaveno, abbiamo avuto il piacere di ospitare Anna Maria Castagneri, autrice di due libri profondi, sui colori e sull’alimentazione: Natura a tavola e Coloro la mia vita.

Non è facile definire Anna Maria Castagneri, usando solo alcuni dei ruoli che ricopre al momento in questa vita: scrittrice, Master Reiki. E’ un’Anima in percorso, con un bellissimo cammino alle spalle, che ha illustrato e quantificato nei suoi due libri. Entrambi nascono da difficoltà e nodi ingarbugliati che si sono creati nella vita dell’autrice che, tramite una nuova direzione presa nell’alimentazione e nell’usare i colori come una meditazione fisica per lasciar esprimere la propria parte profonda, è riuscita a risolvere e, allo stesso tempo, ad arricchire il mondo con la sua esperienza.

Natura a tavola non è il solito libro di cucina o di ricette vegetariane, saporite, leggere, nel rispetto delle creature viventi, come oggi è anche molto di moda. In un settore che, davvero, sta subendo ritocchi e promozioni da rockstar, Anna Maria si rivolge ai lettori in modo quieto, familiare e competente allo stesso modo. Racconta della propria esperienza, di come ha rivoluzionato il proprio approccio al cibo (che non si riduce solo a cucinarlo, mangiarlo e digerirlo), a partire dai pensieri e dall’atteggiamento verso di esso e verso la sua preparazione. E la storia culinaria della sua famiglia si era sempre svolta andando nella direzione opposta a quella che l’autrice sentiva propria: figlia di un cuoco eccellente e famoso, ha dovuto battagliare non poco per far capire che aveva cambiato esigenze e necessità, e la sua svolta vegetariana-igienista non era una sfida sprezzante al sapere del padre cuoco!

Oltre a consigli di buon senso sugli acquisti da fare nella stagione adatta, al tipo di pentole e di fuoco da usare, Anna Maria parla di tradizioni consolidate come l’igienismo, una vera e propria scienza della salute, e il Wabi Sabi, antica filosofia giapponese affine al Feng-Shui, orientata però alla ricerca della bellezza nella naturalezza e semplicità. Fanno tutte parte di un certo approccio naturale al cibo e all’alimentazione, che non è più vista come una via di rifornimento di energia al corpo, o di ghiottoneria per soddisfare i sensi, ma una vera e propria “autostrada per la salute”.

Spostando il discorso verso i colori, che si ritrovano anche nei cibi e nell’importanza che rivestono nel nostro organismo, Anna Maria ci ha deliziato con un gioco divertente e multisensoriale: sulle nostre palme aperte, mentre tenevamo gli occhi chiusi, ha strofinato un olio colorato invitandoci ad “annusare” i colori e a vederli nella mente e sentirli nel naso? Sapevate che i colori hanno un profumo? Ora sì, e noi possiamo dire di averlo sperimentato in pieno.
Ognuno di noi ha visto e annusato un colore diverso, o anche più colori, per cui dovevamo assolutamente sapere quali messaggi contenevano quelle indicazioni. E in questo ci è venuto incontro il secondo libro di Anna Maria, Coloro la mia vita, che rintraccia la presenza dei colori fuori e dentro di noi.

È stata una serata allegra, e davvero colorata e profumata, insieme, una vera e propria festa dei sensi: quale modo migliore di salutare questa primavera che sembra essersi decisa ad arrivare?


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...