giovedì 9 gennaio 2014

Una casa editrice particolare, graphic novels e una nuova prossima uscita.

L’anno 2014 inizia con un drago, cosiddetto ULTIMO, una buona notizia sugli sgravi fiscali sugli acquisti in libreria (attendiamo di sapere quanto buona: nel frattempo, qui c’è un altro link per approfondire, su Libreriamo), una promettente autrice italiana, e le segnalazioni di un catalogo particolare, prodotto da una casa editrice torinese, Zandegù Editore. Dopo essere stata contattata da loro a proposito dell’imminente uscita di una nuova graphic novel nel loro catalogo, ho visitato il loro sito e la loro Pagina Facebook, in cui ho trovato una loro presentazione originale, che riporto qui integralmente:

“Ebook, corsi e molto altro in salsa weirdo! 
Zandegù è una casa editrice indipendente di Torino, che si industria con la complicità di una squadra giovane e agguerrita.
Pubblichiamo ebook, reportage e guide surreali, e organizziamo corsi di scrittura e tematiche legate al digitale e al professionale. Con un maggiore respiro internazionale, con lo spirito disincantato e professionale che ci ha sempre contraddistinto, solo accompagnato da un taglio completamente nuovo, originale e moderno
.”

L’accenno alla salsa weirdo mi ha divertito parecchio, oltre ad attrarmi: a me piacciono le cose STRANE, tanto per adottare una definizione veloce.
Ecco come Zandegù intende iniziare questo nuovo anno:

Con il 2014 Zandegù inaugura una nuova collana dedicata alla graphic novel, con la voglia di dar voce agli illustratori più interessanti d'Italia e a trasporre in digitale autoproduzioni a fumetti.

Camilla e Ludovico di Eleonora Antonioni e Sergio Varbella
L’amicizia di penna tra una bambina nata negli anni ’80 e un bimbo cresciuto nei ’70 nella delicata graphic novel che inaugura la nuova collana a fumetti di Zandegù
  
“Non ho quel Game Boy di cui parli (che roba è?) ma ho tanti altri giochi!
Il mio preferito è Monopoli. Ci gioco sempre!”

Camilla ha 8 anni, vive a Roma, le piacciono le Barbie, pensa che il Game Boy sia stratosferico, guarda Mila e Shiro e non è mai andata allo zoo.
Ludovico ha 8 anni, vive a Torino, ama l’avventura, adora Niki Lauda e Snoopy, ma non trova mai il canale dove danno Mila e Shiro.
Sono amici di penna, ma a separarli non sono solo i chilometri. S’incontreranno mai, dopo tante lettere?

Camilla e Ludovico è la prima graphic novel di Zandegù, e inaugura la nuovissima collana I frizzi che si occuperà di dare voce a giovani illustratori italiani e a trasferire in digitale autoproduzioni indipendenti a fumetti.
È una favola delicata e nostalgica su due epoche ormai lontane nel calendario ma vicine al cuore di tutti. Un amarcord nell’infanzia, tra giochi, litigi con i genitori, cartoni animati, marchi e leggende che hanno segnato la generazione anni ’70 e ’80.
Scritta e illustrata da Eleonora Antonioni (romana, collabora con molte etichette indie e online) e Sergio Varbella (40enne, grafico, illustratore, torinese, ex redattore di Maltese Narrazioni), la graphic novel è stata presentata con successo in versione cartacea autoprodotta al Lucca Comics e oggi esce in formato digitale con Zandegù, diventando accessibile a un pubblico più ampio.

L’ebook sarà in vendita dal 20 gennaio sullo shop del sito www.zandegu.it e sulle principali librerie digitali quali Amazon, iTunes Store, laFeltrinelli.it, Ultima Books e Book Republic.


A me piacciono moltissimo le graphicnovels. Quando riesco a non farmi distrarre troppo dai libri, le compro volentieri e mi ci perdo: i disegni, soprattutto se vivi, mi ipnotizzano. Tra le categorie di persone che mi affascinano maggiormente, oltre a coloro che parlano e scrivono con proprietà, ci sono i disegnatori, soprattutto quelli di fumetti. Ho diverse collezioni giovanili di manga, e ho già specificato che amo parecchio Dampyr e Dylan Dog. Per tornare a Zandegù, ho preso un piccolo assaggio della loro gamma di graphic novels con Jane Eyre, di Sicks. Non è omonimia, ma proprio la rivisitazione del romanzo di CharlotteBronte, in chiave satirica e parecchio dissacrante. Jane Eyre diventa qui una giovane donna seria, sarcastica e qualche volta intemperante, oltre che appassionata di funghi. Se la vostra dea personale è Charlotte Bronte e le vostre Sacre Scritture sono i suoi romanzi, guardate e passate. Se invece adorate la dissacrazione e volete farvi quattro risate, considerate l’acquisto della graphic novel. L’unico difetto che le ho riscontrato è che dura troppo poco. 

2 commenti:

  1. Ciao Loredana e buon 2014!
    Sul mio blog ho appena pubblicato un tag a cui ti ho invitata a partecipare se ti va :)
    Nel caso ti aspetto!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao, ho ringraziato il tuo blog nel seguente post:
    http://scriveremipiace.blogspot.it/2014/01/tag-thank-you.html

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...