lunedì 3 febbraio 2014

Segnalazioni – Flash mob libresco, libri CHE NON SI BRUCIANO!, gruppi di lettura, eventi tolkeniani

Un post molto ricco, quello di oggi: pieno di elementi che non mi lasciano affatto indifferente. Per prima cosa, vorrei propagandare con alti squilli di trombe un meraviglioso tipo di Flash Mob, dedicato ai libri. Creato da Caffeina, una fondazione culturale di grande intelligenza, su Facebook, invita la popolazione ad affollare le librerie il giorno 1° marzo e acquistare almeno un libro: per chi volesse saperne di più, ecco il nome dell’evento: Flashmob – Il 1° marzo compriamo un libro.  Trovate anche l’immagine nella colonna a destra del blog. Invitate tutti i vostri amici e parenti! Da diverso tempo, da quando in Italia hanno cominciato a girare preoccupanti quanto oscene voci di roghi di libri, e di incitazione a bruciare i libri, Caffeina  insiste sull’importanza di libri e cultura, promuovendo eventi di questo genere, per interessare più utenti possibili, e contrastare questo assalto contro natura dell’ignoranza e dell’oscurantismo umani. Personalmente, provo immenso disgusto verso chi brucia i libri, e la prima reazione pacata sarebbe quella di organizzare un veloce autodafé con il primo che avvicina un fiammifero o un accendino ad una pagina stampata. Ieri è apparsa sui social network una foto che attesta l’avvenuto gesto, da parte di un militante grillino, ai danni di un libro di Corrado Augias. Ecco la notizia, se desiderate approfondire. Ora, io non desidero minimamente sporcare questo blog con considerazioni politiche di nessun genere, colore, schieramento e rifiuto fermamente che qualcuno lo faccia. Non esiterò a cancellare sorda qualunque commento che abbia una tinta politica e non fornisco spiegazioni. Qui non si parla di politica e basta. Quello che mi smuove dentro è l’idea che qualcuno possa concepire e mettere in atto un gesto così schifoso come quello di bruciare un libro. Intorno agli anni ’30 del secolo scorso, lo fecero anche alcuni signori in un paio di piazze a Berlino, e non passò molto tempo che in mezzo a quelle fiamme ci finirono anche esseri umani. Suona familiare? Qualcuno mi corregga, se sbaglio, ma non è passato poi così tanto tempo dall’ultima Giornata della Memoria, proprio dedicata a chi perse vita, dignità, affetti, umanità a causa dei suddetti signori bruciatori di libri. Non importa proprio niente, vero? Tanto, non è successo a voi: e qui mi rivolgo a chi approva esibizioni di questo genere. Riconosco che il mio tono è un po’ pesante e acceso, ma le vette di oscenità cui riesce ad arrivare la razza umana non mi permettono di restare lucida. Lo ripeto: bruciare i libri è osceno. E’ osceno, ignorante, stupido, irresponsabile, pericoloso e criminale. Soprattutto per le conseguenze devastanti che può generare.

Per risollevare un po’ il tono, ecco invece due bei eventi a carattere libresco:
1   
 un gruppo di lettura nuovo di zecca, capitanato dall’instancabile Maria di Start from Scratch blog, questa volta dedicato a Calvino, Gruppo di Lettura scratch-made: leggiamo Italo Calvino. Com'era capitato per il gruppo di lettura per Gaiman, partecipiamo numerosi e invitiamo folle e folle di persone all'evento creato su Facebook. Il giorno di inizio delle danze libresche, è Lunedì 10 febbraio.












un giveaway tutto dedicato a Tolkien, creato dal blog Un buon libro non finisce maiThe middle-heart. Scaldate i motori e la conseguente pagina di Facebook per giovedì 20 febbraio,









Che ne dite, contribuiamo a prendere a schiaffi l’oscurantismo ignorante, dedicandoci ancora un po’ di più alla lettura?


10 commenti:

  1. Io comprerò proprio un libro di Augias, che tanto già ne ho qualcuno :)
    I libri non si bruciano, MAI (o quasi :p)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne ho diversi: mi piace molto come scrive.
      Ecco, piuttosto che bruciarli, preferisco usarli come arma di offesa...soprattutto se sono ben spessi. :-D

      Elimina
    2. A me piace proprio lui come persona... ora è un po' che non lo seguo in tv (in effetti ho perso la buona abitudine, cazz!) ma prima lo guardavo sempre su Rai3. E' intelligente e rispettoso, sa tenere il pubblico ed è colto.

      Moz-

      Elimina
    3. Anche a me piace e per gli stessi motivi.

      Elimina
  2. Il Flashmob letterario è troppo bello (e importante) partecipo sicuramente. Ma non credo che comprerò un solo libro...non riesco mai a fermarmi a un solo libro... ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, quello sarà anche un mio problema. Penso che affiderò il portafoglio a qualcuno, entrerò con soldi contati e pochi e sceglierò accuratamente, promettendo solennemente a tutti i libri rimasti che li andrò a prendere le prossime volte...:-D

      Elimina
  3. Siamo sulla stessa lunghezza d'onda Loredana - sono più che d'accordo con te e con questo Post.

    Molto belle le iniziative che proponi nel post - partecipo anche io !

    P.S. No Comment sulla pratica schifosa ed anti intelligenza del bruciare i Libri - aveva proprio ragione Bradbury che aveva previsto già tutto in Fahrenheit 451 ..... Spero con tutto il cuore che non si arrivi ai livelli del libro ma che siano solo alcune teste di "arachide" e soprattutto che non lo facciano mai più!
    Un libro piuttosto anche se brutto può servire da dare in testa a cera gente, come arma di difesa ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo! Sono contenta che partecipi anche tu al Flash Mob: più siamo, meglio, molto meglio è.
      I libri non si bruciano, non mi stancherò mai di ribadirlo, e sì, quando sono brutti, possono servire da sostegno ai tavoli o come arma di difesa/offesa, sono d'accordo! :-D

      Elimina
  4. "Sei ancora quello della pietra e della fionda, uomo del mio tempo" avrebbe detto Quasimodo di fronte a tanta ignoranza... fortuna che siamo ancora in tanti a ricordare la barbarie associata al gesto di bruciare un libro e a batterci, seppur virtualmente, per contrastarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quasimodo era un grande, e questa citazione lo conferma. E' bellissima e persino affettuosa, nel riconoscere la caratteristica dell'altro. Sì, sono ben felice che parecchi si siano indignati e si battano per ricordare le possibili conseguenze di un atto osceno, disumano. E saremo sempre di più, se guardiamo la pagina dell'evento di Caffeina!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...